‘A GGELUSÍJE D’U MARÍTE LUNDANE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Quillu strúnze d’u cumbare míje, decije che ‘a Méreche, p’i strade, se truvavene tanda mommabbíje, nzomme tanta denare, bastave che vúne asscéve d’a case che i recugghjéve pe ndérre.

Me decije: “Và và che a Rusunèlle, mugghjérete, à tenghe íje sòtt’a lúcchje e saje po’ che te diche n’a penzanne maje pecchè a lasse dinde i mane de vúne che eje nu vére cumbare anze nu fratecucíne”.

Súle pe quiste, a ccquà stènghe spenzarate, pecchè mugghjéreme é bbòne e téne tutt’i cóse súje in bbèlla mostre e se sape che quanne nu maríte stace lundane …….ognune vole mbonne ….me capite? Perciò quanne ‘a tremènde u cumbare míje …..isse pènz’a quille che ce stace da fà.

Íje me ne vuléve turnà, ma quille, u cumbare míje decije: “Statte a Méreche, che vìne a ffà a qquà….”.

Isse dice che se trove bbùne assaje, spèceje quanne, tutt’i júrne, vace a truvà a Rusunèlle …..e pecché nen me pozze truvà bbùne pure íje a Méreche?

Però a mme me trasúte nu cìcere nda cerevèlle ….. Pe stu fatte agghje scritte ‘na lèttere a mugghiéreme c’a mane de nu pajsane míje che quille sape fà i lèttere e stace o pendóne c’u bbanghetille.

Seccóme l’agghje mbarate a mammoreje, mò a lègge: “ Mugghjere mije addurate e bbòne. Íje me fazze i nuttate sane lundane lundane da te, te vede nzúnne cúme ‘na lune tonna tonna…te vularríje ngappà ma…… sòtte i cochele de l’ucchje mije tu t’appresinde cúme nu fiore sckuppate de premavére de abbríle… magge…. ggiugne…. settèmbre….. uttobre…. che dope véne vírne.

Ah! Te vularríje fà vedè quanne me sscète ‘a matíne. M’u face spisse e quase sémbe trove u cusscíne mbússe de lagreme e i lenzole tutte mbruscenijate……penzanne sèmbe a nu fatte i cerevèlle se mèttene a volle.

Me raccumanne n’abbandunanne maje u penzíre míje e nen te facénne métte sotte e mmanghe sope.

Si u cumbare te dice quacche cose dacce nu recchjale mbacce….e pinze che quanne torne e trove nu crejùcce suuirchje dinde a casa míje, me n’addone sùbbete che ce stace quacche cóse de cchjù.

Te raccumanne cìcere mmocche! Ndecènne ninde a nissciúne de sta lèttere.

T’abbrazze, te vase e te tocche chiane chiane (Madò! Stenghe nu pizze d’acque).

Seccóme nen saje lègge ‘a lettère, t’à faje lègge da u cumbare e anzime a isse te salute e me firme íje stèsse. Addíje.

Tatille Pappamossce, maritete u merecane”.

 

LA GELOSIA DEL MARITO LONTANO

Quello stronzo del mio compare, disse che in America, per le strade si trovavano tanti soldi, bastava uscire di casa per raccoglierli per terra.

Mi disse: “Vai, vai che a Rosina, tua moglie la controllo io e ti dico di non pensarla per niente perché la lasci nelle mani di uno che è un compare serio anzi come se fossi un cugino”.

Solo per questo, io qui sono spensierato, perché mia moglie è buona e ha tutte le forme al posto giusto ed in bella mostra e si sa che quando un marito sta lontano ….. tutti ci provano ….. mi capite? Perciò quando la controlla il mio compare ….. lui sa a quello che è necessario fare.

Io volevo ritornare, ma il mio compare disse: “Stai in America, cosa vieni a fare qui ..?”.

Lui dice che sta molto bene, specialmente quando, tutti i giorni va a trovare Rosina … quindi perché anche io non devo trovarmi bene in America?.

Però a me è venuto un dubbio nella mente ….. Per questo ho fatto scrivere una lettera a mia moglie da un mio paesano che lo fa di mestiere e sta all’angolo con il suo banchetto.

Siccome l’ho imparata a memoria, adesso ve la leggo: “Moglie mia odorata e buona. Io faccio le notti intere lontano-lontano da te, ti vedo in sogno come una luna tonda-tonda … ti vorrei acchiappare ma …. Sotto le palpebre dei miei occhi tu compari come un fiore sbocciato di primavera di aprile ….. maggio …. giugno …. Settembre …. ottobre … che dopo viene l’inverno.

Ah! Ti vorrei farti vedere quando mi sveglio la mattina. Questo fatto lo fa spesso e quasi sempre trovo il cuscino bagnato di lacrime e le lenzuola tutte arrotolate …. Pensando sempre allo stesso fatto il mio cervello bolle.

Mi raccomando non ti scordare mai di me e non farti mettere sotto e neanche sopra.

Se il compare ti dice qualcosa dagli uno schiaffone sulla faccia …. e pensa che quando torno e trovo un bambino in più in casa mia, mi accorso subito che c’è qualche cosa in più.

Ti raccomando silenzio! Non dire niente a nessuno di questa lettera.

Ti abbraccio, ti bacio e ti tocco piano piano (Madonna! Sono tutto sudato).

Siccome non sai leggere la lettera, te la fai leggere dal compare ed insieme a lui ti saluto e mi firmo io stesso. Addio.

Antonio Pappamossce, tuo marito l’americano”