‘A GGENIJE DE MÒ

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

‘A ggenije de mò

«Uèje mà, stace vune ca te vole».

“Chi ejè? Cchè vole?”.

«Uèje mà, nen tu sacce addì!

tene i capille lunghe e porte u cavezone,

pare na fèmmene e assemègghie nu guaglione,

vace sènza ninde ngape

e rusechèje cum’è ‘na crape».

“Mbè, saje a mamme cchè vu fà,

a smerze l’àja capuvutà;

pò mu saje a ddì si èje na fegghjola

o nu guaglione, quille ca me vole!”.

 

La generazione di oggi

«Hei, mamma, c’è uno che ti vuole».

“Chi è? Cosa vuole?”

«Hei, mamma, non te lo so dire!

ha i capelli lunghi e porta il pantalone,

sembra una donna e assomiglia ad un ragazzo,

non porta niente i testa

e mastica come una capra».

“Allora, sai a mamma cosa deevi fare,

al rovescio lo devi capovolgere;

dopo mi sai dire se è una ragazza

o un ragazzo, quello che mi vuole!”.

 

Pubblicata dalla rivista di cultura «Il Meglio» – Giugno 1974