GGLIGLJE NGE VÒLE STÀ….

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Nd’u semmenareje, tant’e ttand’anne fà, u chestóde ére vune ca se chiamave Ggiglje.

Ggiglje ére nu bbune crestijane, tenéve pèrò nu defètte: ére nu pucarille ngapòteche. Accussì, ògnèndande, isse e mmenzegnóre facèvene assciarre, mò’ pe ‘na raggióne e mmò’ pe nàvete. Nzomme, pe nen te fà nu lunghe cunde, érene arrevate ca se cacciàvene i mòsche c’a mazze.

‘A veretà, quille, Ggiglje se ne vuléve jì, pecché u pòste nn’i piacéce; Menzegnóre pure isse vuléve ca se ne jéve, pecché nn’u suppurtave pròbbete cchjù, pèrò nentenéve u curagge de cacciarle.

Accussì, tra ‘na ssciarre e n’àvete, tra nu rembróve e n’ìàvete, a matasse se mbrugghjave sèmbe de cchjù e u fatte nze resulvéve maje.

E, sseccóme – accussì accòndene i vicchje angóre mò’ – Ggiglje rumanìje nd’u semmenareje a ffà u chestóde, pure mò’, quanne duje crestijane nze seppòrtene e ffanne sèmbe assciarre, ma po’ i vide sèmbe anzime u stèsse, rerènne rerènne nuje decìme:

“I vi’, i vi’, Ggiglje nge vóle sta e Mmenzegnóre nn’u vóle tenè…”.

 

GIGLIO NON CI VUOLE STARE…

Nel seminario, tanti e tanti anni fa, c’era un custode che si chiamava Giglio.

Giglio era una brava persona, aveva però un difetto: era testardo. Perciò, ogni tanto, litigava col vescovo, ora per un motivo, ora per un altro. Insomma, per non farla troppo lunga, erano arrivati al punto che si cacciavano le mosche con la mazza.

In verità, Giglio voleva andarsene, perché il posto non gli era gradito; e il vescovo anche lui desiderava che se ne andasse, perché non lo sopportava, ma non aveva il coraggio di cacciarlo.

E così, tra una lite e l’altra, tra un rimprovero e l’altro, la matassa s’imbrogliava sempre di più e la questione non si risolveva mai.

E, siccome – per quello che ancora adesso raccontano i vecchi – Giglio rimase a fare il custode, anche ora, quando due persone non vanno d’accordo, non si sopportano, ma stanno sempre insieme, ci capita di dire sorridendo:

“Eccoli là, Giglio non vuole stare e Monsignore non vuole tenerlo…”.