I CAFUNE CA FRIJEVENE I SEGNURE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “LE TRADIZIONI POPOLARI DI LUCERA” di Giuseppina Bellucci

Ce stève na vote nu tignuse, nu regnuse e nu meccuse che stèvene assettate ‘nnanze ‘a porte pe pigghià u sole, tramènde, se grattavene. E grattanne grattanne, passavene ‘a jurnate accussì.

Mò a’ speziareje derembètte, stèvene assettate i segnure e se facèvene tanta rise a vedè sti tre cafune ca se grattavene d’a matine a’ sère, allore i chiamajene e i dicejene: “Si vuje stete n’ore senza grattareve e senza puluzzareve u nase, neje ve deme nu zecchine pe d’une”.

I cafune dicejene: “Si, si”. E doppe penzarene ‘ngape a llore: “Assa ffà a nuje”. Cussì s’assettajene e se mettijene a parlà.

Accummenzaje u regnuse: “Pateme s’è ‘ccattate nu pare de guande, ma accussì bbèlle, ma accussì bbèlle, ogne dete i vace ‘na bellezze”, e tramènde che dicève accussì se grattave i dite pe fa vedè cume jeèvene bbèlle ‘i guande.

E cundenuaje accussì tramènde u tignuse dicève: “Pateme s’è ‘ccattate nu cappille che u vì cum’i vace”. E facève vedè cume se feccave e accussì se putéve grattà.

Quanne pigghje e diceje u meccuse: “Che cappille e che guande! pateme che èje nu cacciatore fine, s’è ‘ccattate nu fucìle ca téne na mmire speciale”, E tramènde facève vedè cu nu dite sotte u nase cume merave bbèlle stu padre suje.

Accussì u regnuse e u tignuse s’èrene grattate u stèsse e u meccuse s’ère pulezzate u nase a’ facce di segnure.

I segnure capirene tutt’u fatte e ce dijene u stesse i zecchine a quilli tre frecagnule.

 

I CAFONI CHE INGANNAVANO I SEGNORI

C’era una volta un tignoso, un rognoso e un mucoso che stavano seduti davanti alla porta per prendere il sole, mentre si grattavano. E passavano la giornata grattandosi.

Alla farmacia di fronte, stavano seduti dei signori e ridevano a crepapelle nel vedere questi tre cafoni che si grattavano dalla mattina alla sera; decisero di chiamarli e gli dissero: “Se voi state un’ora senza grattarvi e senza pulirvi il naso, noi ve diamo uno zecchino a testa”.

I cafoni acconsentirono e pensarono: “Lascia fare a noi”. Così si sedettero e si misero a parlare.

Incominciò il rognoso: “Mio padre si è comprato un paio di guanti, tanto belli e comodi che ogni dito s’infila benissimo”, e mentre che diceva queste parole faceva il gesto d’infilare le dita nei guanti.

Continuò così mentre il tignoso diceva: “Mio padre si è comprato un cappello e guardate come gli calza bene”. E intanto si grattava mentre faceva finta di infilarlo in testa.

In quel momento disse il moccoloso: “Quale cappello e quali guanti! Mio padre che è un bravo cacciatore, si è comprato un fucile che è molto preciso”. E mentre faceva vedere con un dito sotto il naso come suo padre prendeva la mira, si puliva il naso.

In questo modo il rognoso e il tignoso si erano grattati lo stesso ed il moccoloso si era pulito il naso alla faccia dei signori.

I signori capirono la presa in giro e a quei tre furbastri gli diedero lo stesso lo zecchino promesso.