I DOJE TUMBECÈLLE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Ascanio Iliceto per tornare all’indice

ASCANIO ILICETO

Per ascoltare la poesia cliccare con il pulsante sinistro del mouse su del player.

 

I DOJE TUMBECÈLLE

Ndò cambesande, derembètte u Cappellone,

ndo stévene seppellite i murte puverille,

pe ndérre ce stevene doje tumbecèlle

che doje croce de firre, devèrse, strane.

 

Sope i targhètte stévene nnume frustire,

mò si ére Franz o Joseph nen m’arrecorde

e pure i chéggnume nn’i tènghe a mende

però érene duje tèdèsche murte nguèrre.

 

Sènze nu fiore e sènze nu lambine

sti doje tumbecèlle èrene abbandunate,

però quanne arrevave ‘a festa i Murte

évene quèlle cchjù aggiustate tra i pigne.

 

Nuje uagliune, javame nde tombe, uatte uatte

a rrubbà nu fiore friscke da ogne nicchje

e pure i lambini, ndo ce stevene assaje,

p’addubbà i tombe di quilli duje suldate.

 

Crede che quilli puvurille, lundane d’e case,

nda quillu jurne facevene prijezze pure lore.

P’anne tanda uagliune ànne penzate a lore,

pò’ n’anne i doje tumbecèlle érene scumbarse.

 

LE DUE PICCOLE TOMBE

Nel camposanto, difronte al Cappellone,

dove stavano sepolti i morti poveri,

per terra ci stavano due piccole tombe

con due croci di ferro, diverse, strane.

 

Sopra le targhette stavano nomi stranieri,

ora se era Franz o Joseph non mi ricordo

e pure i cognomi non li ricordo

però erano due tedeschi morti in guerra.

 

Senza un fiore e senza un lumino

queste due piccole tombe erano abbandonate,

però quando arrivava la festa dei Morti

erano quelle più aggiustate tra i cipressi.

 

Noi ragazzi, andavamo nelle tombe, di nascosto

a rubare un fiore fresco da ogni loculo

e pure i lumini, dove ce ne stavano tanti,

per addobbare le tombe di quei due soldati.

 

Credo che quei poverini, lontani dalle loro case,

in quel giorno gioivano pure loro.

Per anni tanti ragazzi hanno pensato loro,

poi un anno le due piccole tombe erano scomparse.