I DUJE CUMBARE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Stèvene duje cumbare e, quanne se truuàvene pe nnanze, vune ddummannave a qquill’àvete: “Uè, cumbà, chè tt’àje magnàte?”. E u cumbagne mò’ decéve ca s’ére magnate i trùcchiele, mò’ past’e ppesille, mò’ cecatill’e rrùchele, mò’ patan’o furne.

Na vóte, duje, trè…. A nu cèrte mumènde nz’a fedàje cchjù. Penzàje: “Ghije agghj’a truuà ‘a manìre de fà pèrde a qquiste u vizzeje d’addummannà sèmbe >Cumbà, chè tt’àje magnàte?<”.

Chè ffacìje nu jurne prime d’asscì? Se mettìje nu trucchjele sóp’a spalle d’a giacchètte e sse ne jije ammizz’u làreghe.

Quanne pigghj’e ss’avvecenàje u cumbare, chè sùbbete angegnàje: “Ué, cumbà’, mé, dimme nu pucarille, che tt’àje magàte ògge?”.

E quille: Sinde, cumbà’, mò’ avaste, mò’ l’àja pròbbete fenèssce! Pussibble ca nge stace chècchè ata cóse chè puje dì?!… E cchè tt’àje magnàte ògge, e cchè tt’àje craje, e cchè tt’àje magnate pescràje? …. Avaste! Facìme n’atu trascurze, paràme prèsembeje d’a cambagne, d’i nnemale, d’i figghje nustre…. E cchè ccósa éje? …. E ppò’, n’àje viste che sóp’a giacchètte ce stace nu trucchjele, éja necessareje ca m’addummanne quille ca m’agghje magnate?…. Anze, da mò’ da nanze, t’agghja fà truuà sèmbe chèccóse de quille ca me magne. Accussì n’addummanne cchjù ….. ”.

“Citte, ci’, va bbune, nen te ngazzanne, mò’ fazze cume dice tu …..”, respunnìje u cumbare.

E da quillu mumènde adavèramende quille n’addummannàje cchjù: “Cumbà, chè tt’àje magnàte?”.

‘A veretà isse perdìje u vizzeje, ma u cumbare avìja fà u sagreficeje d’asscì ammizz’u làreghe, pe nu bbèlle poche de timbe, mò’ che nu cecatille, mò’ che ‘na laganelle, mò’ che nu pizze de savezicchje, de patene o de mulagnane sop’a giacchètte.

Alméne accussì m’ànne accundate.

I DUE COMPARI

C’erano due compari e, quando s’incontravano, l’uno domandava a quell’altro: “Ehi, compare, che hai mangiato?”. E il compagno ora rispondeva “i troccoli”, ora pasta e piselli”, ora orecchiette e rucola”, ora “patate al forno”.

Una volta, due, tre….. Ad un certo punto no resistette più. Pensò: “Io devo trovare il modo di far perdere a questo il vizio di chiedere continuamente >Compare, chè hai mangiato?<”.

Che fece un giorno prima di uscire? Mise un troccolo sulla spalla della giacca e andò in piazza del duomo.

Ed ecco, ad un tratto, gli si avvicinò il compare, che senza perdere tempo, incominciò secondo il solito: “Ehi, compare, su dimmi un pochino, che hai mangiato?”.

E lui: “Senti, compare, ora basta, ora la devi proprio smettere! È mai possibile che non hai nient’altro da dire?!…. E che hai mangiato oggi, e che hai mangiato domani , e che hai mangiato dopodomani?… E basta! Facciamo un altro discorso, parliamo per esempio della campagna, degli animali, dei nostri figli…. E poi, non hai visto che sulla giacca c’è un troccolo, c’è bisogno di chiedere quello che ho mangiato?….. Anzi, da ora in poi, sulla giacca troverai sempre qualcosa di ciò che mangio. Così non domandi più…”. “Zitto, zi’, va bene, non arrabbiarti, farò come vuoi tu….”, rispose il compare.

E davvero da quel momento non chiese più Compare, che hai mangiato oggi?’.

Sicuramente lui perse il vizio, il compare però, per un periodo abbastanza lungo, dovette fare il sacrificio di recarsi ogni volta in piazza del duomo ora con un’orecchietta, ora con una fettuccina, ora con un pezzo di salsiccia o di patata o di melanzana sulla giacca.

Almeno così mi hanno raccontato…..