I DUJE PEZZÌNDE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

‘Na vóte duje pezzìnde, dòppe ca cercàjene ‘a lemòsene tutt’u jurne, ére nd’a virne, turnàrene a casa lóre che qqulli póche sòlde nd’a sacche ch’èvene raciummuljate.

“Stanòtte, frate mije, – decìje u cchjù anziane – a qqua me pare ch’adda fà nu bbrutte fridde… Mò’ u saje chè ffazze? Chi sòlde ch’a gènde m’à ddate ògge m’accatte ‘na fasscine de lègne, ccussì me scaleféje nu pucarille i carne chietrate”.

“Nò, nò, – respunnìje u cumbagne – ghije tènghe ‘na fame ca ne mme réje manghe cchjù alèrte!… D’a fasscine de lègne ne nzacce pròbbeteche mme n’agghja fa: mò’ me ne vach’a ccattà nu poche de pane, magne e mme ne vach’a ccòleche. Ne ngréde ca nu crestijane póte murì p’u fridde…”.

‘A matine apprisse se vedìje chi tenéve raggióne.

U pezzènde, che s’accattàje i lègne pe scalefàrese, cambàje; mméce u cumbagne, chè tenéve fame e bbadaj’a ccattàrese u pane, murìje de fridde nd’a qquella nòtta frèdde de jennare.

 

I DUE MENDICANTI

Una volta due mendicanti, dopo aver chiesto l’elemosina per tutto il giorno, era inverno, tornarono a casa con i pochi soldi in tasca che erano riusciti a raggranellare.

“Stanotte, fratello mio, – disse il più anziano – qua sembra che dovrà fare un freddo straordinario… Lo sai che farò? Con i soldi, che mi ha dato la gente oggi, mi comprerò un bel fascio di legna e così mi riscalderò il corpo infreddolito”.

“Ah, no, – rispose il compagno – io ho una fame che non mi reggo più nemmeno in piedi!… Della fascina di legna non so proprio che farmene; ora andrò a comprare un po’ di pane, mangerò e poi me ne andrò a dormire. Non creso proprio che una persona possa morire di freddo…”.

La mattina seguente si constatò chi dei due aveva ragione.

Il mendicante, che aveva comprato la legna per scaldarsi, visse; invece il compagno, che aveva fame e aveva pensato di comprarsi il pane, morì di freddo in quella rigida notte di gennaio.