I DÚJE SPUSTÁTE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Michele (Lino) Montanaro per tornare all’indice

MICHELE (LINO) MONTANARO

I DÚJE SPUSTÁTE

Stévene nghiúse ndo manecomje da accussì tant’anne,

che pe lóre ére devendáte ‘ na fessaríje quèlla cundánne

Avévene ditte che ngápe érene tarláte,

pecchè assemegghjváne a dúje cacciúne arraggiáte.

 

P’i parínde érene múrte e rubbrecáte,

sènza mburtarse de quille dúje povere desgrazzijate.

U múnne lóre ére tutte capesòtte,

e arrangiavene a jurnáte jènne sòpe e sótte.

 

Nda quille curtigghje sènza stà máje nu pucarille fèrme,

anzime a l’ati mátte se ggerravane sèmbe cúm’e vèrme.

Quille júrne ‘na bbèlle nennèlle sòpe a ‘na scále stéve.

e i lastre du curtigghje cúme pulezzà nzapéve.

 

Ndèrre tenéve mìsse grusse grusse nu bbedóne,

a ndò jettáve ‘a munnèzze pe cárte e cartóne.

I lastre érene troppe àvete e ‘a puvurèlle,

pe arrevà sòpa sòpe ausave ‘na stajèlle.

 

Mò u fátte nze sápe cúm’è júte,

‘a fegghiole d’a scále è cadúte.

Ndo bbedóne p’a cápa sótte è ffernúte,

‘na bbótte accussì forte ch’è púre ssvenúte.

 

A’ uaglióne s’ère avassciáte ‘a cumbenazzióne,

e tenéve tutt’i vergogne in esposizzióne.

I dúje spustáte da llà passavéne sènza ddì ‘na parole,

dénne sckitte cerratúre a’ povera fegghjóle.

 

Quánne allassacrése se sò fermáte,

e vúne di dúje mátte à parláte.

“ A qquà ànne pegghiáte ‘na mal’abbijáte,

e stánne ‘na frèche nguajáte.

 

Nze pote dì che i frecáte de cerevèlle síme núje,

e ci’attacchéne p’a catène pe nen ce fá fúje,

Vúne a ffà u spustáte a qquá dinde se pote púre abbetuà

ma seconde ttè quille sarríje nu próse da jettà???”

 

I DUE PAZZI 

Erano rinchiusi in manicomio da così tanti anni,

che per loro era diventata una sciocchezza quella condanna.

Avevano detto che non ci stavano con la testa,

perché sembravano due cani arrabbiati.

 

Per i parenti erano morti e sepolti,

e non si curavano più di quei due poveri disgraziati.

Il loro mondo era sottosopra,

e trascorrevano la giornata camminando su e giù.

 

In quel cortile senza fermarsi mai,

come gli altri matti scivolavano come vermi.

Quel giorno una bella inserviente era salita su una scala,

ed aveva difficoltà a pulire i vetri del cortile.

 

Per terra aveva sistemato un grosso bidone,

dove buttava lo sporco con carte e cartone.

Ma poverina i vetri erano collocati troppo su,

e per arrivare più in alto usava una striscia di legno.

 

Non si sa come sia effettivamente andato,

ma la ragazza dalla scala è caduta.

Nel bidone a testa in giù è finita,

prendendo una botta così forte che è svenuta.

 

Alla ragazza erano andati su vestiti e sottana,

e seminuda appariva.

I due pazzi continuavano a passare di lì senza proferire,

dando solo occhiate a quella povera figliola.

 

Quando all’improvviso si sono fermati,

e uno dei due ha parlato:

“ Qui hanno preso una brutta piega,

e sono inguaiati parecchio.

 

Non possono dire che le teste bacate siamo noi,

e ci legano con la catena per non farci scappare.

Qui dentro a fare il matto uno si può anche abituare,

ma secondo te quello sarebbe un culo da buttare?