I FANOJE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Ascanio Iliceto per tornare all’indice

ASCANIO ILICETO

Per ascoltare la poesia cliccare con il pulsante sinistro del mouse su del player.

 

I FANOJE

Prime d’i veggíleje d‘a Mmaculate e de Natale

tutt’a bbande di “Tre pertune” se déve da fà.

Chi jéve a cercà ‘a legne d’appeccià

e chi cercave ‘a lemósene pe strade e vicule.

 

I solde èrene poche p’accattà ‘a legne

e nuje ‘a javame a rubbà nde vigne e giardine.

I cuntadine purtavene trunghe e fasscine

e chècchèvune i mobbele d’i nonne.

 

Arrevate ‘a veggileje tutt’a legne

venéve ammundunate ndò palazze Fullire

che l’ucchje ngulle de don Ruggire

e c’ammujine d’i grusse e pecceninne.

 

‘A sére, a vindiquattore, da i balecune

i signure appecciavene i pissciavunnèlle.

I capuriune atturne a fanoje, a stu segnale,

dèvene fuche a pagghje e fasscine.

 

I fiamme arrevavene fin’a ngile,

u curtigghje se allumenave a jurne,

addore d’a lègna arze jenghéve u rione

e a ggende s’addecrejave d’u spettacule.

 

Quanne i fiamme s’avassciavéne,

pe fà i curaggiuse, i guagliune

zumbavene cume e matte sope i tezzune

e i fèmmene parlavene tra lore e rerévene.

 

Quanne ‘a fanoje devendave vrasce,

ch’i palètte, mascule e fèmmene

jenghévene i vrascére e i sicchje de stagne

e doppe gnune se ne jéve a case nbace

 

I FALÒ

Prima della vigilia della Immacolata e del Natale

Tutta la banda dei “Tre portoni” si dava da fare.

Chi andava a cercare la legna da ardere

e chi faceva la questua per le strade e per i vicoli.

 

I soldi erano pochi per acquistare la legna

e noi andavamo a rubarla nelle vigne e giardini.

I contadini portavano tronchi e fascine

e qualcuno i mobili dei nonni.

 

Arrivata la vigilia tutta la legna

veniva ammucchiata nel palazzo Follieri

con gli occhi addosso di don Ruggiero

e con la confusione dei grandi e piccolini.

 

La sera, verso le ore 18, dai balconi

i signori accendevano i bengala.

I caporioni intorno al falò, a questo segnale,

davano fuoco a paglia e fascine.

 

Le fiamme arrivavano fino al cielo,

il cortile si illuminava a giorno,

l’odore della legna bruciata riempiva il rione

e la gente godeva dello spettacolo.

 

Quando le fiamme si abbassavano,

per fare i coraggiosi, i ragazzi

saltavano come pazzi sopra i tizzoni

e le donne parlavano tra loro e ridevano.

 

Quando il falò diventava brace,

con le palette, maschi e femmine

riempivano i bracieri e i secchi di stagno

e dopo ognuno se ne andava in pace a case