I FANOJE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Racconto tratto dal libro “Ce stève ‘na vóte….. a’kkussì s’akkundav’a Llucere” di Pasquale Zolla e da me modificato.

 

A Llucére ce stéve ‘na bbèll’usanze: a’ veggìleje d’a Mmaculate e de Natale nda òggne rióne s’appecciavene i fanoje e spisse tra lóre se sfedavene pe vedè chi facéve u mendóne de légne cchjù avete e grusse .

Spisse i mendùne de légne, frasche, saramènde, fuffele, cacchje e trùnghe d’àreve érene cchjù àvete di case.

U mendóne de légne s’accumenzav’a ffà d’o jurne che s’abbijave ‘a nuvéle d’a Mmaculate o de Natale.

I uagliùne, quann’asscèvene d’a scole, se ne jèvene pe ffóre pe rrecogghje tutt’i pizze de lègne ca truuavene  tra i fratte de l’urte ca stèvene turne turne a Llucére.

I cafune, quacche vóte, purtavene sópe i trajìne quacche ciocchere o nu trunghe d’àreve p’a prejezze d’a ggènde d’u rióne.

‘A sére d’a Veggileje, tutt’i crestijane, grusse e piccinìnne, se rrijunèvene atturne o mendóne de légne e u ppecciavene.

‘A fanoje, a ditte di Tatarusse, servévene p’allummenà ’a strade a’ Marìje, Sangeséppe e u Gesù Bbòmmìne, ca stéve pe nnassce, ca nne ppèrdevene ‘a vìje p’arrevà ammizze a llóre.

I ffiamme s’agavezavene pe l’àreje tramènde i crijatùre currèvene vun’arrét’a n’avete a tturne a tturne lucculanne e candanne i canzungèlle de Natale.

‘A prejezze ére assaje, tra i grusse e tra i piccinìnne e qquacche vune appicciave pure quacche pissciavunnèlle.

Quann’i fiamme s’avassciavene, i ggevenotte pe farse bbèlle annanze e fegghjulètte se sfedavene a cchi zumbave sóp’a fanoje.

Quanne pe ndèrre rumanéve ssckìitt’i tezzùne, ggnùne se jenghéve ‘a vrascére o quacche secchjetille e s’arreterave nd’a case e atturne o vrascìre, i mammanonne, i papanonne o i mamme accundavene e crijatùre i cunde e i ffattarille de ‘na vóte.

 

I FALÒ

A Lucera c’era una bella usanza: alla vigilia dell’Immacolata e di Natale in ogni rione si accendevano i falò e spesso tra loro si sfidavano per vedere chi faceva il mucchio di legna più alto e più grosso.

Spesso i mucchi di legna, rami, sarmenti delle viti, asfodeli secchi, ramoscelli e tronchi d’alberi erano più alti delle case.

Il mucchio di legna s’incominciava a preparare dal giorno che iniziava la novena dell’Immacolata e di Natale.

I ragazzi, quando uscivano dalla scuola, se ne andavano per le campagne per raccogliere tutti i pezzi di legno che trovavano tra le siepi degli orti che stavano intorno a Lucera.

I comtadini, qualche volta, portavano sopra i carri agricoli qualche ramo o un tronco d’albero per la gioia della gente del rione.

La sera della Vigilia, tutte le persone, grandi e piccolini, si riunivano intorno al mucchio della legna e gli davano fuoco.

Il falò, come dicevano gli anziani, servivano per illuminare il percorso a Santa Maria, a San Giuseppe e al Bambino Gesù, che stava per nascere, in modo da non perdere la strada per arrivare in mezzo a loro.

Le fiamme s’alzavano in cielo mentre i bambini correvano uno dietro l’altro intorno, intorno gridando e cantando le canzoncine di Natale. La gioia era molta, tra le persone grandi e i bambini e qualcuno accendeva qualche bastoncino che produceva scintille.

Quando le fiamme s’abbasssavano, i giovanotti per farsi belli con le ragazze si sfidavano a chi riusciva a saltare il falò.

Quando per terra restavano solo tizzoni accesi, ognuno si riempiva il braciere o qualche piccolo secchio e si ritirava in casa e intorno al braciere, le nonne, i nonni o le mamme raccontavano ai bambini i racconti e i fatti di una volta.