I LAGANÈLLE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Ce stéve ‘na fèmmene, chè ssciarrijave sèmbe c’u marite, pecché quann’éve cucenà facéve sèmbe nguacchje. E u pòvere crestijane ggnuttéve sèmbe mmacande.

Mò’, che ccapetàje? Nu jurne chè u marite ére jjute ngambagne a ffategà a vegnarèlle, ‘a mugghjere i facìje ‘na mbruvvesate. Pegghjàje ‘a farine, l’óve, l’acque e a mbastàje sóp’o tavelìre; po’’, dòppe c’a trembàje bbèlla bbèlle, pegghjàje u laghenature e ffacìje u panne e, a l’ùteme, c’u curtille tagghjaje i laganèlle.

Asscìrene, però, tande de quilli laganèlle, ca pe ffarle ssciucà l’avìje mètte casa-case.

Quanne po’’ u marite s’arreteràje, ‘a sére, d’a cambagne stracque e strutte de fatighe, nzapéve a ndò éva trasì. Jév’a vije d’u fucarìle e ‘a mugghjere u cacciave, jéve mbacci’o litte e u cacciave, jéve mbacci’o bbrò e ffacéve u stèsse.

E ccussì, pe pavure ca tuccave i laganèlle, u secutaje pe tturr’a case lucculanne: “Lìvete da qqua, chè so llaganèlle! Lìvete da qqua, chè so llaganèlle!”.

E ffacìjene assciarre n’ata vóte.

 

LA FETTUCCINE

C’era una donna che litigava sempre con il marito, perché quando si trattava di cucinare non faceva altro che commettere sbagli l’uno sull’altro.

E il poveretto inghiottiva amaro.

Ora, che capitò? Un giorno che il marito era andato in campagna a lavorare, nella vigna, la moglie volle fargli una sorpresa. Prese la farina, le uova, l’acqua e impastò il tutto sul tavoliere; poi, dopo aver lavorato ben bene la pasta, prede il mattarello, la spianò e, infine, con il coltello tagliò le fettuccine.

Vennero fuori, però, tante di quelle fettuccine che, per farle asciugare, dovette spargerle per tutta la casa.

Quando poi il marito, la sera, tornò dalla campagna stanco morto, il poveretto non sapeva dove entrare. Andava verso il focolare e la moglie lo cacciava, andava vicino al letto e lo cacciava, andava verso il cassettone e faceva lo stesso.

Così, per paura che toccasse le fettuccine, lo inseguiva per tutta la casa strillando: “Togliti di qua, che ci sono le fettuccine! Togliti di qua, che ci sono le fettuccine!”.

E ancora una volta litigarono.