I PÍLE D’I MERECÁNE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Michele (Lino) Montanaro per tornare all’indice

MICHELE (LINO) MONTANARO

I PÍLE D’I MERECÁNE

Nd’u víche tenèvene tutt’e doje ‘na bbrùtte nnumenáte,

pecchè èrene cápe de pézze arze e sèmbe avvenazzáte,

nde dí che e nd’acconde, u fátte pe ffíle e pe ssègne,

ma sckitte de quánne ànne ssciarrijáte sènza retègne.

 

P‘a jotte jettáte mbácce o’ múre íva vedè cche rrebbèlle,

e i doje stumuráte cumbenarene nu sorte de macèlle,

nda qquátte e qquatt’otte se facirene de fúche,

e accumengiarene sùbbete a vulà sègge e pezzúche.

 

E che vrucchele asscirene assáje da quille vocche,

da fárte ‘a croce e vasà ‘na  mmaggenètte mocche,

e quilli doje vajásse ànne perze ógne  scúrne,

sènza vergogne d’i crestijáne de llà ttúrne.

 

 “ Sta gnogne, paccaonde e trazzelóse,

te fázze vedè íje si me fà venì sèmbe u nervóse,

‘sta mujíne a qquà s’adda púra fenèsce na bbóna vóte,

sennò da sòtte a ssópe íje mizz’a stráde te capevóte.”

 

 “ Se stáce vúne che s’adda mètte a resscióre,

quèlla si propete tu che è ppèrze mbácce u nóre,

‘na mezza pechèssce che à pegghjáte státe papále,

nu uàje níreve che nn’a vonne mánghe pe rijále.”

 

Uèh!, sceláta-scelá! tu si ‘na fèmmena scadúte de casíne,

e quánne párle de mè sciaqquete ‘a vocche c’a medecíne,

mò te vuje mètte ‘a cammísa longhe da sòtte ‘a vèste,

ma marítete téne  cchjiù corne di ciammarúche nd’a ‘na cèste.”

 

 “Che ci’avèssema fa’ venì a ‘mmènde i spèzzije andíche,

tu che íre ‘a prime bbèllaggiovene de Lucére e d’i víche,

 ‘a sorte túje éje quèlla d’a scrofe anziáne e ruffiáne,

pecchè nd’a cáse tíne i matarázze fátte ch’i píle d’i merecáne.”

 

I PELI DEGLI AMERICANI

Nel vicolo avevano entrambe una brutta nomea,

perché andavano subito in collera ed erano sempre ubriache,

non ho nessuna voglia di raccontare la vicenda in modo particolareggiato,

ma solo di quando hanno litigato senza ritegno.

 

Per la brodaglia buttata contro il muro dovevi vedere che confusione,

e le due impertinenti causarono un gran macello,

in quattro e quattr’otto diventarono di fuoco,

e cominciarono subito a volare sedie e pezzi di legno.

 

E che cattiverie uscirono presto da quelle bocche,

da costringere al segno della croce e a baciare un santino,

e quelle due litigiose persero ogni ritegno,

senza curarsi delle persone lì intorno.

 

“Questa sudiciona, trasandata, e sporcacciona,

ti faccio vedere io se mi devi sempre innervosire,

questo casino qui deve pure finire una buona volta,

altrimenti da sotto a sopra in strada ti capovolgo.”

 

“Se c’è qualcuna che si deve vergognare,

quella sei tu che hai perduto l’onore,

una nullità che si crede importante,

una maledizione che nessuno vuole neanche regalata.”

 

“Ehi! Stupida, tu  sei una donna disonorata di bordello,

e quando parli di me ti devi pulire la bocca con la varichina,

adesso vuoi dimenticarti del tuo passato,

ma tuo marito ha più corna di una cesta di lumache.”

 

“Ma ora dovremmo ricordare le tue antiche usanze,

tu che eri la prima donna di facili costumi di Lucera e dei vicoli,

il tuo destino è quello della zoccola e della ruffiana,

perché nella tua casa hai i materassi pieni dei peli degli americani.”