I QUATTE CANDÚNE

Cliccare su questo pulsante Giochi di strada per tornare all’elenco dei Giochi di strada

 

 

I QUATTE CANDÚNE

Pe jucà a i “quatte candúne” ce vulévene cìnghe jucatúre (uagliungille, uagliungèlle o ammesckate).

Se ssceglièvene quatte candúne ca furmavene nu quadrate de quase dìce mètre de late e putévene èsse i spígule de quatte case, quatte àreve, quatte matúne, quatte cartèlle d’a scole o quatte chianghètte.

Ammizz’o lareghe, núje uagliúne, jucavame annanz’a Sand’Anne, ndò stévene i chianghètte d’a bbase d’a statuue de Cèsere Aguste.

Se menave u túcche e quille che asscève, ditte ’a “Uardeje “, se mettève ammizze o quadrate.

L’ati jucatúre s’avévene scagnà ‘u poste, dope ca s’érene fatte i segnale, fujènne da nu late a nàvete d’u quadrate (pure de sguinge) pe arrevà prime d’a “Uardeje” e accupà u candóne vacande.

Si ‘a “Uardeje” arrevave prime e accupave u candóne vacande, chi perdéve u poste jéve ammizze e u júche cundenuuave.

 

I QUATTRO CANTONI (ANGOLI)

Per giocare ai “quattro cantoni” ci volevano cinque giocatori (ragazzini, ragazzine o mischiati).

Si sceglievano quattro cantoni che formavano un quadrato di quasi dieci metri di lato e potevano essere gli spigoli di quattro case, quattro alberi, quattro mattoni, quattro cartelle di scuola o quattro basole.

A piazza Duomo, noi ragazzi, giocavamo davanti Sant’Anna, dove stavano le basole della base della statua di Cesare Augusto.

Si faceva la conta e quello che usciva, detto la “Guardia “, sie metteva in mezzo al quadrato.

Gli altri giocatori si dovevano scambiare di posto, dopo che si erano fatti i segnali, scappando da un lato ad un altro del quadrato (anche in diagonale) per arrivare prima della “Guardia” e occupare uno dei cantoni lasciato vuoto.

Se la “Guardia” arrivava prima e occupava il cantone vuoto, chi perdeva il posto andava in mezzo e il gioco continuava.