I RRIJALE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Ascanio Iliceto per tornare all’indice

ASCANIO ILICETO

Per ascoltare la poesia cliccare con il pulsante sinistro del mouse su del player.

 

I RRIJALE

‘Na vóte i fèste di crijatúre èrene poche,

p’u Sande a úreje nen t’a dévene manghe,

nne parlame quanne facive l’anne,

manghe su recurdavene.

 

Po’ arrevave ‘a fèste i Múrte,

che prejèzze, èravame tutte nfucate

pecché truuavame ‘a cavezètte

néreve de mamme chjéne de frutte.

 

Arrevave Natale. Mena-me, facíme u presèpeje.

Che felecetà, che ggioje,

pupurate, ménele atterrate, crústele,

e a núje manghe ‘na prumésse de rijale.

 

A scole ce facévene fà ‘a lètterine

che tanda prumésse bbèlle e crestijane.

‘A veggìleje tutt’i famiglje stévene anzime.

e a ‘na certa ore s’abbijave a magnà: Madò che fame.

 

A mèzzanotte, chi avéve fatte u presèpeje

mettève u bbambenille nda pagghje

candanne “Tu sscinne d’e stèlle…”.

L’àvete jévene a sénde a mèsse de Natale.

 

U júrne Natale t’avezave c’a paúre ngúlle

pecché avíva lègge ‘a lètterine ndavele

quanne Papà s’assettave c’u surríse

e facève a vedè che ‘a truuave pe ccase.

 

A vúne vúne avèmma lègge sti lètterine

speranne nda mbérte che nen sèmbe ce dévene.

Quacche zijáne mettéve mane o portafoglje:

“Stepatille”: quiste ère u cunziglje.

 

‘A Bbèfane ère cchjù puurèlle de núje

e nen ce purtave manghe ‘na sckufije.

Che vulíve sperà da ‘na crestijane

chi scarpe rotte e anziane?

 

Dope tanta timbe agghje capite

pecché Ggesù ére puurille appéne nate.

Ère pe farce sendì ndefètte

e quinde pe nen farc’i rijale e fèste.

 

‘Na vote, vuléve dì a tate:

“Bbabbe Natale, nda l’ati State,

scenne de notte da u fucarile

e porte a i crijatúre tanta rijale”

 

Sta frase nganne mu runanije

pecché cume decéje: “Bbabbe”,

nu recchialone m’arrevaje

che m’u recorde fíne a che cambe.

 

I REGALI

Una volta le feste dei bambini erano poche,

per l’onomastico gli auguri nemmeno te le davano,

non ne parliamo del compleanno,

neanch se lo ricordavano.

 

Poi arrivava la festa dei Morti,

che gioia, eravamo tutti eccitati

perché trovavamo la calza

nera di mamma piena di frutta.

 

Arrevava Natale. Dai, facciamo il presepe.

Che felicità, che gioia,

mostaccioli, mandorle con la cioccolata, crustole,

e a noi neanche una promessa di un regalo.

 

A scuola ci facevano scrivere la letterina

con tante promesse belle e cristiane.

La vigilia tutte le famiglie stavano insieme.

e ad una certa ora s’incominciava a maangiare: Madonna che fame.

 

A mezzanotte, chi aveva fatto il presepe

metteva Gesù bambino nella paglia

cantanno “Tu scendi dalle stelle…”.

Gli altri andavano a sentire la messa di Natale.

 

Il giorno di Natale ti alzavi con la paura addosso

perché dovevi leggere la letterina a tavola

quando Papà si sedeva con il sorríso

e faceva finta che la trovava per caso.

 

Ad uno ad uno dovevamo leggere queste letterine

sperando nella regalia che non sempre ce la davano.

Qualche zio metteva mano al portafoglio:

“Conservali”: questo era il consiglio.

 

La Befana era più povera di noi

e non ci portava neanche una pagliuzza.

Cosa volevi sperare da una persona

con le scarpe rotte e anziana?

 

Dopo tanto tempo ho capito

perché Gesù era povero appena nato.

Era per farci sentire in difetto

e quinde per non farci i regali alle feste.

 

Una volta, volevo dire a papà:

“Babbo Natale, negli altri Stati,

scende di notte dal camino

e porta ai bambini tanti regali”

 

Questa frase mi rimase in gola

perché come dissi: “Babbo”,

mi arrivò uno schiaffone

che me lo ricorderò per sempre.