I SANGUÈTTE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Ascanio Iliceto per tornare all’indice

ASCANIO ILICETO

Per ascoltare la poesia cliccare con il pulsante sinistro del mouse su del player.

 

I SANGUÈTTE

Papanonne tenève u salone de varevire

e anzime ch’i detture jève menanne i sanguètte

a ricche e puurille quanne u sanghe malate

facéve chiagne p’u delore grusse e crejature.

 

Papanonne tenéve i sanguètte ndà doje pegnate,

vune p’i cchjù peccenénne e vune p’i cchjù grosse.

Sti pegnate érene chjéne de créte e ‘na pezza mbosse

pe cuurchje che ‘na zuculèlle atturne ndurcenijate.

 

Tutt’i sande matine, appene sscennéve d’o litte,

jéve a vedè cume stèvene i sanguètte nd’è pegnate.

I uardave e pregave a Ddije nda ‘na chiamate

pe quacche mulagname o pressione àvete.

 

Quanne avéve ‘a chiamate, papanonne, arapéve

i pegnate, che nu cucchiare pegghjave i sanguètte

e i mettéve nda ‘na sckatelèlle de stagne bbucate

e jéve a case d’u malate pe purtà sullive.

 

Facéve sdrajà u malate tise tise sop’u litte,

mettéve vune o doje sanguètte

nda nu bbucchire appéne ssciacquate

ca po’ capuutave sope ‘a parte addulurate.

 

I sanguètte, doppe che s’érene fatte ciotte ciotte

che tutte u sanghe nireve, se staccavene da sole.

Papanonne i menave ndà nu vacile

e i tagghjave pe vedè u chelore d’u sanghe zucate.

 

A quilli timbe papanonne ére assaje respettate

pecché ére nu bbune sanguèttare,

ére pulite e pronde a corre a ogn’e ore.

N’ome de ‘na vote: fategatore, puurille e onèste.

 

LE SANGUISUGHE

Mio nonno aveva il salone da barbiere

e insieme con i dottori andava a fare i salassi

a ricchi e poveri quando il sangue raggrumato

faceva piangere per il dolore grandi e piccoli.

 

Mio nonno teneva le sanguisughe in due pentole di creta,

una per le più piccole e una per le più grandi.

Queste pentole erano piene d’argilla ed un telo bagnato

per coperchio con una cordicella attorcigliata intorno.

 

Tutte le mattine, appena scendeva dal letto,

andava a controllare le sanguisughe nella pentola.

Le guardava e pregava Dio in una chiamata

per qualche contusione o pressione alta.

 

Quando aveva la chiamata, mio nonno, apriva

le pentole, con un cucchiaio prendeva le sanguisughe

e le metteva in una scatolina di stagno bucata

e andava a casa del malato a portare sollievo.

 

Faceva sdraiare il malato sopra il letto,

metteva una o due sanguisughe

in un bicchiere appena risciacquato

che poi capovolgeva sopra la parte dolorante.

 

Le sanguisughe, dopo che si erano ingrassate

con tutto i sangue raggrumato, si staccavano da sole.

Mio nonno, le faceva cadere in un bacile

e le tagliava per vedere il colore del sangue succhiato.

 

A quei tempi mio nonno era molto rispettato

perché ere un buon mignattaio,

era pulito e pronto a correre ad ogni ora.

Un uomo di una volta: lavoratore, povero e onesto.