I VÓVE RETUNNE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

‘Na vòte nu patrune, chè tenéve tèrre, massarìje e nnemale, se mettìje ngape, pe sparagnà, ch’éva mbarà ‘e vóve a nne mmaggnà.

I vóve fategàvene tutt’u jurne a tterà aràte e, ‘a sére, quanne s’arreteràve a massarìje, tenèvene fame, nze rejèvene manghe alèrte.

Ma u patrune, ngapòteche, chè ffacéve? Menave nu póche de pagghje nd’a mangiatóre e sse ne jéve; facév’a vvedè ca guvernave quilli pòvera bbèsteje, mméce i sulamènde gabbave.

Nu jurne, duje, trè…. Passàje nu bbèlle póche de timbe e a qquilli pòvere nnemale aramàje érene rumaste sulamènde l’òssere, se ne jèvene arrét’arréte cum’a còtech’i caravune. Se capissce, ‘na vóte ca se magnàvene sckitte nu póche de paggje a sére.

U patrune, checciutamènde, cundunuuave sèmbe ‘a stessa manìre; accussì i vóve, nu bbèlle jurne, a ffureje da stà addejune, murìjene.

E ije m’arrecòrde angóre mò’ chè papanònne accundave stu fatte pe ddì chè, quanne se tratte d’u magnà, nz’ànn’a fà sparagne, se nnò, mméce de guadagnà, ce pirde; po’’, allessciànnese i mustazze, decéve:

“Nfacìme cum’e i vóve Retunne, gabbàte ògge, gabbàte craje, murìjene ambacci’a mangiatóre…”.

 

I BUOI DI ROTUNNO

Una volta un padrone, che aveva terre, masseria e animali, si mise in testa, per risparmio, di insegnare ai buoi a digiunare.

I buoi lavoravano tutto il giorno tirando l’aratro e, la sera, quando tornavano alla masseria, avevano fame, non si reggevano sulle zampe.

Ma il padrone, ostinato, che faceva? Buttava una manciata di paglia nella mangiatoia e se ne andava; fingeva di governare le povere bestie, invece non faceva che prenderle in giro.

Un giorno, due, tre…. Era passato molto tempo e ormai quelle povere bestie si erano ridotte a pelle e ossa, si assottigliavano sempre di più, come la cotenna sui carboni. Per forza, dal momento che mangiavano soltanto un p’ di paglia la sera…

Il padrone, ostinato, continuava sempre allo stesso modo.

Così i buoi, a forza di digiunare, morirono.

E io ricordo ancora adesso che mio nonno raccontava questo fatto per dire che, per quanto riguarda il cibo non si deve risparmiare, altrimenti invece di guadagnarci, ci si perde; poi aggiungeva, lisciandosi i baffi: “Non facciamo come i buoi di Rotunno, che, gabbati oggi, gabbati domani, morirono favanti alla mangiatoia…”.