I CIARAMELLARE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

 

Quanne ére pecceninne ije, mé’ stìteve nu póche citte e stìtem’a ssènde. Ògn’e anne, quanne venéve Natale, i ciaramellare jèvene sunanne ‘a nuvéle nd’i case.

C’a ssciarpe arravugghjata nganne, a còppela ngape, gelè de pèlle, taschèppàne, scarpune e ccavezun’a zzuarre, geràvene p’i quartìre e trasèvene nd’i case. Se mettèvene annanz’a nacuzze d’u Bommenille, nd’u presépeje, sunàvene e ccandàvene i canzune de Natale.

Cum’i dducchiàvene, i uagliune lassàvene u magnà, u juche, tutte cóse e, a mmòrre e dde carrére, s’abbijavene e appetecàvene appirze pe ssalite e ppe ddesscése fin’e ssóp’i coppe u Salenitre.

I ciaramellare facèvene u patte ch’i crestijane che vulèvene fà a devezzejóne, e ppò’ turnàvene tutt’i jurne, fin’e l’ùteme jurne d’a nuvéle.

L’ùteme jurne sunàvene e ccandàvene n’ata vóte, facèvene aùreje, se pegghjàvene i sòlde, salutàvene e sse ne jèvene.

Mò’, ‘na vóte, che succedìje? I ciaramellare jìrene p’i quartìre, p’i strade e pp’i case cum’avèvene sèmbe fatte, sunàrene e ccandàrene annanz’o Bommenille nd’u presèpeje, pe òtte jurne, tutt’i jurne. E sse presendàrene pure a l’ùteme jurne d’a nuvéle, chè ére quille ca se seggéve; però, truuàrene tutt’i pòrte nzerrate. Gire da qqua, gire da llà, chè éje, chè ne nn’éje, nessciune sapév’a ddì ninde.

E ciarammellare i venìje ‘na gócce, rumanìjene ndassate…

Aspitte, aspitte, finalmènde i pòvere crestijane capìrene tutt’u fatte, se facìrene capace e sse ne turnàrene p’a vije da ndò èrene venute, tutt’sfflitte e scunzulate.

Prime, pèrò, de jiresinne ggnun’e massarìje lóre, se vutàje vune e ddecìje: “Nziamàje cchjù a ssunà e ccandà ‘a nuvèle de Natale a stu pajése!”. E accussì facìrene. A qqua quilli ciaramellare avèramènde nen turnàrene cchjù.

E ppare ca da stu fatte è nnate quillu ditte ca dice: “Stènghe castegate cum’e i ciaramellare”.

 

GLI ZAMPOGNARI

Quando io ero piccolo, su state un po’ zitti e state a sentire, in prossimità del Natale, gli zampognari andavano nelle case e suonavano i canti della novena.

Con la sciarpa avvolta attorno al collo, il panciotto di pelle, tascapane, scarponi e pantaloni alla zuava, giravano per i quartieri ed entravano nelle case. Si mettevano davanti alla piccola culla di Gesù Bambino nel presepe, suonavano e cantavano i canti della novena di Natale.

Appena li vedevano, i ragazzi lasciavano il pasto, il gioco, tutto, e, a gruppi e di corsa, si avviavano e li seguivano per salite e discese fino alla colline del Salnitro.

Gli zampognari prendevano accordi con le persone che volevano osservare la tradizione, e poi tornavano tutti i giorni, fino all’ultimo giorno della novena.

L’ultimo giorno suonavano e cantavano un’altra volta, facevano gli auguri, riscuotevano la somma pattuita, salutavano e se ne andavano.

Ora, una volta, che cosa accadde? Gli zampognari andarono per i quartieri, per le strade e per le case, proprio come avevano sempre fatto, suonarono e cantarono davanti alla piccola culla di Gesù bambino nel presepe, per otto giorni, tutti i giorni. E si presentarono anche l’ultimo giorno della novena, quello in cui si riscuoteva; però, trovarono le porte sbarrate. Dopo aver girato di qua e di là, che cos’è, che cosa non è, nessuno sapeva dare una spiegazione.

Agli zampognari venne un guaio, rimasero di stucco….

Dopo aver aspettato tanto, finalmente quei poveretti capirono il raggiro, si rassegnarono e se ne tornarono per la strada da cui erano venuti, tutti afflitti e sconsolati.

Prima, però, di andarsene ciascuno alla propria masseria, uno di loro prese la parola e disse: “Che mai più ci venga la voglia di suonare e cantare la novena di Natale in questo paese!”. E così fecero. Quegli zampognari veramente non tornarono più qui!

Sembra che da questo fatto sia derivato il detto: “Sono rimasto castigato come gli zampognari”.