JÉLE E ‘A FARÍNE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

‘Na vóte u pane se facéve nda case dind’a fazzatóre e i sckanate se mannavene o fúrne.

Pure ‘a mamme de Jéle vuléve fà u pane nda case ma tenéve u grane e nno ‘a faríne e diceje a Jéle: “U saje che éja fà? Va e purte stu grane o mulíne, t’u faje macenà e quanne me purte ‘a faríne, ghíje te fazze u pane e pure ‘a pìzze c’u pemmedóre”.

“Mammarè, nen te pruccupanne pe nninde mò vache sùbbete sùbbete. È viste maje ca íje nen t’ubbedisce. Dimme se te sérve quacche ata cóse ca ghíje stènghe sèmbe pronde pe te”.

Si, si fígghje míje, cchjù príste faje e prime fazze u pane e ‘a pìzze. Mò và e nen perdénne l’atu tímbe pecché u mulíne éje lundane.

Accussì Jéle jíje o mulíne e sùbbete se specciaje e se mettíje u sacche da faríne sópe i spalle pe turnà a case.

A nu cèrte mumènde s’accurgíje che menave nu bbèlle favúgne e penzaje: “Quase quase mò dènghe ‘a faríne o vínde accussì isse m’a porte sùbbete sùbbete a case e mamme míje pote ffà u pane.

Quanne arrive a case pot’èsse ca troue u pane pronde, ma si propete propete u pane s’adda coce, alméne ‘a pìzze a trove sènzaméne cotte”. E accussì arapije u sacche e jettaje tutt‘a faríne pe l’àreje, dicènne: ”Cunbare vínde, te dènghe sta faríne purtele sùbbete sùbbete da mamme míje c’adda fà u pane e a pizze”.

Jéle, locche-locche, returnaje a case  e ‘a mamme appéne u vedíje diceje: “Jéle ndo sta ‘a faríne?”.

“O Ggèsù, ggèsù! Nen te l’à purtate cumbare vínde? Ghíje ce l’agghje date a isse pe falle purtà cchjù príste. Cúm’é c’angore nne rrevate? Vole dì ca songhe arrevate prime íje?”.

“Jéle, quanda vóte te l’agghja dì? Quanne faje i cose ce penzà cìnde vóte. Ma tu nen ce pinze manghe ‘na vóte.

Me pare ca tu a mme nen me staje a sènde pe ninde e faje tutte quille ca te véne pe ngape.

Si propreje nu cetrúle. Nen saje che quanne ‘a faríne se jette a l’àreje, pote sole vulà. Quanne maje u vínde à purtate i cóse a case?”.

E decènne accussì se mettíje a lucculà e a corre apprisse a Jéle che ‘na mazze e ce díje nu sacche de taccarate.

 

RAFFAELE E LA FARINA

Una volta il pane si faceva in casa nella madia e le pagnotte si portavano al forno.

Anche la madre di Raffaele voleva fare il pane ma in casa aveva il grano e non la farina e disse a Raffaele: “Sai cosa devi fare? Vai al mulino e porta questo grano, lo fai macinare e quando mi porterai la farina, io ti faccio il pane ed anche la pizza con il pomodoro”.

Mammina, non ti preoccupare di nulla ora vado immediatamente. Non mi passa neanche per la mente di non ubbidirti. Dimmi se ti serve qualche altra cosa perché io sono sempre pronto per aiutarti.

Si, si figlio mio, prima fai il servizio e prima faccio il pane e la pizza. Ora vai e non perdere altro tempo perché il mulino è distante.

Raffaele andò al mulino e subito si sbrigò e si mise il sacco di farina sopra le spalle per tornare a casa.

Ad un certo punto si accorse che tirava vento e pensò: “Quasi quasi affido la farina al vento così lui la porta immediatamente a casa mia e mia madre può fare il pane”.

Così quando arrivo a casa può essere che trovo il pane pronto ma se invece il pane si deve ancora cuocere almeno la pizza la trovo già cotta. E così aprì il sacco e lanciò tutta la farina in aria, dicendo: “Compare vento, ti do questa farina, portala immediatamente da mia madre che deve fare il pane e la pizza”.

Raffaele, piano piano, ritornò a casa sua e la mamma appena lo vide disse: “Raffaele dove sta la farina?”.

“O Gesù, Gesù ! Compare vento no l’ha portata? Io l’ho data a lui per farla portare più velocemente. Come mai ancora non è arrivato? Vuol dire che sono arrivato prima io”.

“Raffaele, quante volte te lo devo dire? Quando fai le cose ci devi pensare a molte volte. Ma tu non ci pensi neanche una volta.

Mi sembra che tu non mi stai a sentire per niente e fai tutto quello che ti passa per la testa.

Sei proprio un cetriolo. Non sai che quando la farina si lancia in aria, può solo volare. Quando mai il vento ha portato le cose a casa?”

E dicendo così si mise a gridare e a correre dietro a Raffaele con un bastone per dargli un sacco di mazzate.