L’ANNE VÉCCHJE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Michele (Lino) Montanaro per tornare all’indice

MICHELE (LINO) MONTANARO

L’ANNE VÉCCHJE

‘A fíne de quist’anne è ormáje arreváte

è auánne quánda uàje à cumbenáte.

 

Stáce chi ríre e chi chiágne

pecché à purtáte prejèzze, delúre e magágne.

 

Se ne váce de fatighe strácque e strutte

pecché doppe ógne pprengipeje véne ‘a fine a tutte.

 

Ógne tímbe véne e pásse,

e ‘na jonde d’a vite ce lásse.

 

Quille che nn’’éje ógge, sarrà dumáne

státte bbùne c’u salúte de chi rumáne.

 

L’ANNO VECCHIO

La fine di questo anno è ormai arrivata,

e quest’anno quanti guai ha combinato,

 

C’è chi ride e chi piange,

perché ha portato gioie, dolori e magagne.

 

Se ne va di fatica stanco e distrutto,

perché dopo ogni principio arriva la fine a tutto.

 

Ogni tempo viene e passa,

e un pezzetto di vita ci lascia.

 

Quello che è oggi non sarà domani,

stammi bene con il saluto di chi rimane