L’AVARÌZZEJE D’U MASSARE BRUZZÉSE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Quanne fegghìaje ‘a mugghjére de Felice, u massare bbruzzése, nu cafóne de Lucére se mettìje ‘a strata sòtte e jij’a massarìje ndò stéve quille pe ppurtàrece a nutìzzeje e ppe ffà nu pòche de prejèzze.

Bbongiòrne, massare Felice”, decìje u cafóne.

“Tutte quille che passene me dicene accussì”, respunnìje u massare.

“U saje ch’è ffegghjàte mugghjérete?”.

“Signe ch’éva èsse gràvede”.

“E u saje chè s’à ccattate?”.

“Sine, è nnate u cape màscule”.

“E u saje ca l’agghje fatte ghije u cumbare?”.

“Si n’ire tu, ére n’àvete”.

“E u saje ca ci’agghje rrejàlate vinde ducate?”., cundunuàje u cafóne.

“E mmò’ ch’è ditte ca l’àje rrejalàte vinde ducate, tècchete ‘na bbèlla cucchjarate de recòtte!”, respunnìje tuste tuste Felice, u massare bbrùzzése.

 

L’AVARIZIA DEL PASTORE ABRUZZESE

Quando partorì la moglie di Felice, il pastore abruzzese, un contadino di Lucera s’incamminò per andare alla masseria dove quello si trovava per portargli la notizia e per complimentarsi con lui.

“Buongiorno, massaro Felice”, disse il contadino . “Chiunque passa mi dice così”, rispose quello. “Lo sai che tua moglie ha partorito?”. “Segno che doveva essere incinta”. “E lo sai che ha dato alla luce?”. “Certo, è nato un capolavoro di maschio”. “ R lo sai che gli ho fatto io da padrino?”. “Se non eri tu, era un altro”. “E lo sai che gli ho regalato venti ducati?”, continuò il contadino. “E ora che mi dici di avergli regalato vendi ducati, eccoti una bella cucchiaiata di ricotta!”, concluse senza scomporsi Felice, il pastore abruzzese.