L’ÈREVE DA CASA MIJE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice 

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

L’èreve da casa mije

Ereve ère e, pe mè èreve rumane,

pure se s’è fatte a grane

e pò a sèmmele, ca sop’a nu tavulire,

‘mbastate che quatt’ove fatte jeri

e chi mane e nu curtille

addevènte a trucchiele e cecatille.

St’èreve, se a ccatte fatt’è bbone,

te fai nu spaghette aglie e uglie,

e tu magne pure se nenn’u vuje.

Accussì èje, pe mmè, o sarrà pe sempatije:

quèst’è l’èreve da casa mije.

 

L’erba di casa mia

Erba era e per me erba rimane,

anche se è diventata grano

e dopo semola, che sopra una spianatoia,

impastata con quattro uova fatte ieri

e con le mani e un coltello

diventa troccoli ed orecchiette.

Questa erba, se l’acquisti già pronta,

ti fai uno spaghetto aglio e olio,

e tu mangi anche se non vuoi.

Così è, per me, o sarà per simpatia:

questa erba di casa mia.