L’OMBRE

 

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Ascanio Iliceto per tornare all’indice

ASCANIO ILICETO

Per ascoltare la poesia cliccare con il pulsante sinistro del mouse su del player.

 

L’OMBRE

Éve de magge e pateme ch’i cumbagne

jìrene a Sanzevíre a ssénde ‘a banne,

ndò sunave papanonne u capebbanne,

luteme jurne d’a fèste d’a Patrone.

 

Arrevate a ‘na cèrt’ora d’a sére,

sènz’apettà de vedè i fúche,

c’a bbececlètte locche locche

pateme se ne turnaje a Lucére.

 

Quanne arrevaje a lútema salíte

prime d’u Cambesande

sscenníje d’a bbececlètte e jije allappide

e ndande s’éve fatte notte.

 

Ndò cile stellate stéve ’a lúne chjéne

che allumenave tutt’i strade

de ‘na luce tremelijanne e frèdde

ca facéve gelà u sanghe nde véne.

 

Derembètte o Cambesande stéve nu crestijane

che nu bbèlle vestíte scure

assettate sópe a nu paracarre

ca fumave ‘a pippe e uardave lundane.

 

Pateme se mbaurije ma curagge se facíje

e quanne chiane chiane passaje o late

u salutaje, decènne: “Bbona sérate”

Isse respunníje: “Pure a ssegneríje”

 

Pateme ca stéve gelate p’a pavure,

nghianaje sópe a bbececlètte

e accumenzaje a pedalà n’ata vote

p’allundanarse da quillu paracarre.

 

Prime d’a cúrve se ggeraje arréte

ma nen vedíje cchjù nissciúne.

Sópe u paracarre stéve ‘a luce d’a lune

e ’a strade éve nu desèrte.

 

Íje me songhe sèmbe addummannate:

éve n’ombre o éve nu crestijane

ca pure isse venéve da lundane

e se stéve repusanne dope ‘a salite?

 

IL FANTASMA

Era di maggio e mio padre con gli amici

andarono a San Severo a sentire la banda,

dove suonava mio nonno il capobanda,

l’ultimo giorno della festa della Patrona.

 

Ad una certa ora della sera,

senza aspettare di vedere i fuochi pirotecnici,

con la bicicletta piano piano

mio padre se ne tornò a Lucera.

 

Quando arrivò all’ultima salita

prima del Camposanto

scese dalla bicicletta e andò a piedi

e intanto si era fatto notte.

 

Nel cielo stellato stava la luna piena

che illuminava tutte le strade

di una luce tremula e fredda

che faceva gelare il sangue nelle vene.

 

Dirimpetto al Camposanto stava una persona

con un bel vestito oscuro

seduto sopra ad un paracarro

che fumava la pipa e guardava lontano.

 

Mio padre s’impaurì ma si fece coraggio

e quando piano piano passò di lato

lo salutò, dicendo: “Buona serata”

Lui rispose: “Pure a voi”

 

Mio padre che era gelato per la paura,

salì sulla a bicicletta

e incominciò a pedalare un’altra volta

per allontanarsi da quel paracarro.

 

Prima della curva si girò indietro

ma non vide più nessuno.

Sopra il paracarro stava la luce della luna

e la strada era un deserto.

 

Io mi sono sempre chiesto:

era un fantasma o era una persona

che pure lui veniva da lontano

e si stava riposando dopo la salita?