L’OMBRE?

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Ére de magge, vúne d’i júrne ca se facéve ‘a fèste d’a Madonne d’u Seccorse a Sanzevíre e pateme ch’i cumbagne jìrene ch’i bbececlètte a vvedè ‘a fèste.

Arrevate a ‘na cèrt’ora d’a sére, pateme se ne turnaje a Lucére sènz’apettà, cúme facíjene i cumbagne, de vedè i fúche.

Se mettíje ngamíne e quanne arrevaje sott’a coppe d’u Cambesande s’ére fatte notte.

‘A salíte a facíje nu poche c’a bbececlètte e nu poche allappídi.

Quanne arrévaje a lútema salíte, prime d’u Cambesande, ére stanghe múrte, sscenníje d’a bbececlètte e accumengiaje a cammenà vuttanne ‘a bbececlètte sotte nu cile stellate, allumenate sulamènde d’a lúne chjéne.

Pateme, derembètte o Cambesande, vedíje nu crestijane che nu bbèlle vestíte níreve, assettate sópe u paracarre ca se stéve fumanne ‘na segarètte.

Pateme se facíje curagge e quanne passaje vecíne u salutaje, decènne: “Bbona sére”. Pure quillu segnóre, che ‘na bbèlla voce, respunníje: “Bbona sére pure a ssegneríje”.

Pateme, mbaverúte, nghianaje sópe a bbececlètte e cercaje de pedalà che tutt’i forze.

Prime de fà ‘a cúrve però, se ggeraje arréte ma nen vedíje cchjù nissciúne assettate sópe u paracarre.

Íje me songhe sèmbe addummannate: ére n’ombre o ére nu crestijane ca pure isse venéve da Sanzevíre e se stéve repusanne?

 

IL FANTASMA?

Era un giorno del mese di maggio che ricorreva la festa della Madonna del Soccorso a San Severo e mio padre con gli amici andarono con le biciclette alla festa.

Arrivata ad una certa ora della sera, mio padre se ne tornò a Lucera senza aspettare, come fecero gli amici, di assistere ai fuochi d’artificio.

Si mise in cammino e quando arrivò sotto la collina del Cimitero era ormai notte.

Il primo tratto della salita lo fece con la bicicletta e l’altro tratto a piedi.

Quando arrivò a l’ultima salita, prima del Cimitero, era molto stanco, scese dalla bicicletta ed incominciò a camminare spingendo la bicicletta sotto un cielo stellato, illuminato soltanto dal chiarore della luna piena.

Mio padre, di fronte al Cimitero, vide una persona con un bel vestito scuro, seduto sopra il paracarro che si stava fumando una sigaretta.

Mio padre si fece coraggio e quando passò vicino all’uomo, lo salutò, dicendo: “Buona sera”.

Anche quel signore, con una bella voce, rispose: “Buona sera anche a vostra signoria”.

Mio padre, impaurito, salì sulla bicicletta e cercò di pedalare con tutte le forze.

Prima di fare la curva però, si girò indietro ma non vide più nessuno seduto sopra il paracarro.

Io mi sono sempre chiesto: era un fantasma o era un signore che anche lui veniva da San severo e si stava riposando.