L’ÒVE D’A CUMMARE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

‘Na vóte nu marite, seccóme vuléve vedè si ‘a mugghjere ére capace de stàrese citte, chè ffacìje? Mettìje n’óve nd’u liitte, chiamaje ‘a mugghjere e, facènn’a vvedè chè se maravigliave, decìje ca quill’óve l’éve fatte isse. “Mugghjéra mìje, – decìje – mò’, t’arraccumanne, nen decènne ninde a nnessciune de stu fatte!”.

Quèlle, ‘a mugghjére, mangh’a ddirle, cum’asscìje d’a case, a prim’óre, se ne scurdàje ndutte de quille chè u marite c’éve raccumannate e ‘a prima cummare, che truuàje pe nnanze: “Cummà’, – i decìje – u sapè che cc’è ccapetàte? Marìteme ha ffatte doje óve”.

‘A cummare, chè manghe èsse sapéve stà citte, sùbbete decìje u fatte; pèrò, mméce de doje, decìje trè.

Accussì, quanne facìje nòtte, l’ùtema cummare, ch’accundàje u fatte nd’u pajése, decìje ca quillu pòvere marite avéve jengùte nu panare d’óve

 

LE UOVA DELLA COMARE

Una volta un marito, volendo vedere se la moglie sapeva mantenere il segreto, che fece? Mise un uovo nel letto, chiamò la moglie e, facendo finta di stupirsi, disse che quell’uovo l’aveva fatto lui. “Moglie mia, le disse – ora ti raccomando, non riferire niente a nessuno su questo”.

Manco a dirlo, quella, la moglie, appena uscì di casa, la mattina di buon’ora, si dimenticò completamente di quello che il marito le aveva raccomandato e subito raccontò il fatto alla prima comare che incontrò. “Comare, vuoi sapere che mi è successo? Ecco, vedi, mio marito stanotte ha fatto due uova nel letto…”.

La comare, a sua volta, non perse tempo e raccontò l’accaduto alla vicina di casa; però, invece di due, disse tre uova.

Così, quando fece notte di nuovo, l’ultima comare, che riferì il fatto in paese, rivelò che il compare aveva riempito una cesta di uova!.