LUCÉRE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Michele (Lino) Montanaro per tornare all’indice

MICHELE (LINO) MONTANARO

LUCÉRE

Lucére, tu pe mmè

si cúm’u prime amóre

e quánne íje pènze a ttè

assaje me dole u córe

 

Tánd’anne sò passáte

da quann sò partúte,

a umma-umme e citte

pègge de nu bbandíte.

 

A mámme agghje lassáte

propreje  sòtt‘u pertóne

e sckitte a zite míje

veníje pe mmè a’ stazzjóne.

 

Chiagnenne de delóre

lassáve cas’ e amόre,

cúm’ a nu tradetόre

che nen po’ cchjù turnà.

 

Agghje teráte annánze

a forze de vuttáte

pò doppe, a’ chjána a’ cchjáne

tutte s’è sistemáte.

 

E rengrazijánne a Ddíje

m’è júte tutte bbùne,

e m’a sò meritáte

‘stu poche de fertúne.

 

Ma íje u sácce che pe me

tíne nu pustecílle

proprije cúme s’íje fosse

angóre ‘nu nennille.

 

Ógge sò penziunáte

e che me  mánghe cchjù?

‘Stu cόre u sápe bbὐne

Lucéra míja ssì tu!!!!

 

Quella bbalíge nen ma recorde

ndò l’agghje mìsse,

ma ‘a veretà  è che íje

a’ quillu júrne  ce pènze spísse.

 

Ma tutte pásse,

tutte se scorde,

tutte se lásse.

 

E cúme l’acqua

de ‘na fundáne,

ssciuuvuleje ‘a vite

ammizz’ e máne.

 

LUCERA

Lucera tu per me

sei come il primo amore  

e quando penso a te 

troppo mi fa male il cuore. 

 

Tanto tempo è passato

da quando sono partito,

di nascosto e in silenzio

come un bandito.

 

A mia madre ho lasciato

proprio sull’uscio di casa      

e solo la mia fidanzata   

mi ha accompagnato in stazione.

 

Piangendo di dolore    

lasciavo casa e amore,

come un traditore      

che non può più tornare.     

 

Ho continuato a vivere

sempre spronato

ma poi poco alla volta

tutto si è aggiustato.

 

Ringraziando il Signore

mi è andato tutto bene

e me la sono proprio meritata

questa po’ di fortuna.

 

Ma io lo so che per me

hai conservato un angolino

proprio come io fossi .

ancora un bambino.

 

Adesso sono pensionato

e cosa mi manca ancora?

Questo cuore lo sa benissimo

Lucera mia sei tu!!!

 

Quella valigia non ricordo

dove l’ho messa,

ma la verità è che io

a quel giorno ci penso sempre.

 

Ma tutto passa,

tutto si dimentica,

tutto si lascia.

 

E come l’acqua

di una fontana,

ti scivola la vita

tra le mani.