LUCÉRE ÉJE…..

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Ascanio Iliceto per tornare all’indice

ASCANIO ILICETO

Per ascoltare la poesia cliccare con il pulsante sinistro del mouse su del player.

 

LUCÉRE ÉJE…..

Lucére éje u recorde:

  • de quanne ére peccinìnne e d’a famiglje
  • d’u suttane ndò abbetave, da cavedare e di fuffele,
  • d’u maggnà de mamme che sol’esse u sapéve fà
  • d’u vrascire, d’a vrasce e di caravune
  • d’i taccarate che me dèvene
  • d’u presèpje e di fanoje
  • d’i cumbagne, de quille vive e di quille murte
  • d’i juche che se facèvene p’i strade
  • d’i vecine de case, di rutille annanz’i porte
  • d’i servizzeje che aveva fà pe fà u crijanzate
  • d’i fèmmene arrét’e lastre che tagghjavene
  • d’i furne a pagghje e llégne
  • di bangarèlle de mmizz’a chiazze
  • d’a Madonne, d’u Padre Majéstre,
  • d’i Sebbuleche, de Pasque, d’i fiste d’Auste
  • d’i scole, d’u strussce, d’u prime amore,
  • d’i sunne e di speranze.

Lucére éje:

  • nu penzire che nen te lasse maje
  • n’addore che te trase nde frosce
  • ‘na ragnatéle che te tène arravvugghjate
  • nu salute p’a strade
  • nu palcuscèneche.

 

LUCERA È…..

Lucera è il ricordo:

  • di quando ero piccolino e della famiglia
  • del terraneo dove abitavo, della caldaia e degli asfodeli secchi,
  • del mangiare di mamma che solo lei u sapeva fare
  • del braciere, della brace e dei carboni
  • delle mazziate che mi davano
  • del presepe e dei falò
  • degli amici, di quelli vivi e di quelli morti
  • dei giochi che si facevano per le strade
  • dei vicini di case, dei raduni davanti alle porte
  • dei servizi che dovevo fare pe fare l’educate
  • delle donne dietro i vetri che criticavano
  • dei forni a paglia e legna
  • delle bancarelle di piazza del mercato
  • della Madonna, del Padre Maestro,
  • dei Sepolcri, di Pasqua, delle feste di agosto
  • delle scuole, del passeggio, del primo amore,
  • dei sogni e delle speranze.

Lucera è:

  • un pensiero che non ti lascia mai
  • un profumo che te entra nelle narici
  • una ragnatela che te tiene avvinghiata
  • un saluto per la strada
  • un palcoscenico.