MARITE MIJE, ‘A MÒRTE A CHI TÒCCHE!

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

 

‘Na femmene nen passave jurne che dicesse o marite: “Marite mije, si perdésse a te, cumm’avéssa fa? cchiuttoste ca rumané védeve, vulésse murì ije a u pòste tuje!”.

U crestijane, cuntente pe sti parole e ati parole quase eguale, se vantave chi cumpagne che nvéce tenèvene i mugghijere ca nen i cacavene pe nninde.

Nu cumpagne ce diceje: “Sonne chiàcchiere! i fémmene sonne tutte de na manére! Si arrevàsse all’assacrese ‘a mòrte a pigghià a te, pò vedisse si mugghièrete murésse a u poste tuje”.

Sti parole ce mettijene a pulece nda recchije.

U crestijane decedeje de vedè si a mugghijere decève a veretà.

Decèje a ‘u cumpagne che ciavève misse a pulece nda recchije de fà trasì nda case, quanne ère notte, na cestùnije che sope nu ceroggene appecciate.

U cumpagne, faceje passà attraverso a gattarole ‘a cestùnije che, na vote dinde a stanze, s’abbejaje locche locche verse ‘u litte, ndò ‘u marite. Quisti facenne finte che se steve cacanne sotte p’a pavure, scetaje a mugghijere e a faceje guardà ‘a fiammelle che s’avvicinave.

Quanne ‘a mugghijere addummannaje quale ère u segnefecate de quella luce che cammenave, ‘u marete respunneje: “Mugghiéra mije, èje ‘a mòrte ca me vene a pigghià, però si po vuje murì tu a u pòste, meje cum’aje ditte tanta vote…”.

‘A mugghijere subbete ruspunneje: “Marìte meje, ‘a mòrte a chi tòcche!”.

Da quillu mumente u crestijane nen se vandaje cchiù.

 

MARITO MIO, LA MORTE A CHI TOCCA!

Una donna non passava giorno che dicesse al marito: “Marito mio, se perdessi te, come dovrei fare? piuttosto che rimanere vedova, vorrei morire io al tuo posto!

L’uomo, contento per queste parole e di altre simili, si vantava con gli amici che invece non erano curati dalle loro mogli.

Un amico gli disse: “Sono chiacchiere! Le donne sono tutte uguali! Se all’improvviso venisse la morte a prenderti, a quel punto vedresti se tua moglie vorrebbe morire al tuo posto”.

Queste parole lo fecero dubitare.

L’uomo decise di vedere se la moglie diceva la verità.

Disse all’amico che gli aveva insinuato il dubbio, di far entrare nella sua casa, di notte, una tartaruga con sopra la corazza una candela accesa.

L’amico fece passare attraverso la gattarola una tartaruga che, una volta nella stanza, si avviò piano piano verso il letto dalla parte del marito. Questo facendo finta che fosse molto impaurito, svegliò la moglie e la fece guardare la fiammella che si avvicinava.

Quando la moglie chiese qual’era il significato di quella luce che camminava, il marito rispose: “Moglie mia è la morte che mi viene a prendere, però se vuoi morire tu al mio posto, cume hai detto tante volte…”.

La moglie subito rispose: “Marito mio, la morte a chi tocca!”.

Da quel momento l’uomo non si vantò più.