MAZZE E PPANÈLLE FANNE I FIGGHJE BBÈLLE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Stéve ‘na famiglje, u padre,’a mamme e ttrè figghje.

‘A mamme tutt’i matíne jéve ‘a cchjíse pe sènde a Mèsse e a dì u Resareje e lassave i figghje a ‘na vécchja sérve che facéve i servìzzeje nda case e abbadave i uagljúne.

U padre jéve a fategà ‘a matíne e turnave a sére.

I figghje nen tenèvene manghe nu fréne e facévene u comede lóre, s’avezavene tarde e ‘a scole jévene tutte nzunzijate.

Sti trè fetínde nvéce de studijà jucavene chi cumbagne e tra lóre e facévene tanda fessaríje.

‘A mamme che vedève tutte stu rrebbellatoreje, penzave che i figghije érene pecceninne e i facève fà.

Quanne u padre se ngazzave, pecchè vedève i figghje fetinde e sfategate, ‘a mamme pegghjave i parte lore e decéve che tutte i uagliune sonne diavele e i sinze ngape i mettèvene da grusse.

U padre, che ère nu bbune crestijane, se stéve citte.

‘Na sére, nu crestijane, tramende passave vecìne o giardìne, s’abbusckaje ‘na petrata ngape ca l’avéve menate vune di quille fetinde e se mettije a lucculà condre a mamme.

‘A mamme mméce de gastegà u figghje, mettije ‘na pezze a cchelóre.

Nu jurne i uaggliune facijene salasse a scole e u Derettóre i cacciaje d’a scole pe quacche jurne.

‘A mamme, cume facève sèmbe, ammucciaje u fatte e nen decìje ninde o marìte..

Ogne cose che quille fetinde facèvene, ‘a mamme decéve: Sonne peccininne, mò’ ànna jucà.

U padre burbuttave ma se stéve citte.

Quanne i uagliune deventajène grusse, se truuajene ggnurande e sènz’arte né parte.

U prime ère jucatóre de carte e stéve sembe nda cantìne ch’i dèlinguènde pègge de isse.

Nu jurne pe ffà na cose de solde, arrubbaje ‘n’anille nd’orèfece ma fuje ngappate e misse ngalére.

U seconde che ére méne feténde ma che nn’avéve vulúte studià, se mettìje a ffà u scarpare pe nen murì de fame.

I parìnde quanne u vedévene tutte vestúte strazzate u scanzavene p’a vergogne e isse maledecéve mamme e padre che l’avèvene fatte arradduce a quella manére.

U terze ére u cchjù feténde de tutte e tre e da peccenìnne avéve sèmbe mangate de respètte ‘a mamme e padre.

S’arrulaje nde guardeje però u scanzavène tutte quande e nu jurne pegghjaje a sckaffe nu supèriore e se pegghjaje dìce anne de carcere.

‘A mamme a quella nutìzzeje aveje nu mangamènde tramende u padre lucculave: “Che brutta sorte ànne avete i figghje nustre, sonne i cchjù fetìnde d’u pajése, che sbrevogne!!”.

Tutt’a ggènde d’u pajése ce decévene cìnde e vúne pecchè nn’avévene mbarate i figghje a ésse bbrave uagljune, respettúse e studejúse e tanne capijene u male che avévene fatte e che ére luuére u pruvèrbeje:

“Mazze e ppanèlle fanne i figghje bbèlle, cumbitte e cannelline fanne i figghje malandrine ”.

 

 

PUNIZIONI E PANE FANNO I FIGLI BELLI, …..

C’era una famiglia composta dal padre, dalla madre e da tre figli.

La mamma tutte le mattine andava in chiesa per ascoltare la Messa e a dire il Rosario e lasciava i figli ad una vecchia serva che faceva i servizi e badava i ragazzi.

Il padre ogni mattina andava a lavorare e tornava la sera.

I figli non avevano nessun freno e facevano il comodo loro, s’alzavano dal letto tardi e a scuola andavano tutti sporchi.

Questi tre fetendi, invece di studiare, giocavano con i compagni e tra di loro e combinavano tente stupidaggini.

La mamma che vedeva tutta questa confusione, pensava che i figli erano piccoli e li faceva fare.

Quando il padre si arrabbiava, perché vedeva che i figli che facevano i fetendi e gli sfaticati, la mamma prendeva le loro difese e diceva che tutti i ragazzi sono diavoli e si sarebbero ravveduti da grandi.

Il padre, che era una brava persona, stava zitto.

Una sera, un uomo, mentre passava vicino al giardino, si buscò un sasso sulla testa, lanciato da uno di quei fetendi e si mise ad inveire contro la madre.

La madre invece di punire il figlio, lo giustificò.

Un giorno i ragazzi marinarono la scuola e il Direttore li sospese dalla scuola per qualche giorno.

La mamma, come al solito, nascose l’accaduto al marito.

Ogni cosa che quei tre fetendi combinavano, la mamma diceva: “Sono piccoli, adesso devono giocare”.

Il padre borbottava ma non diceva niente.

Quando i ragazzi diventarono grandi, si trovarono ignoranti e senza saper fare niente.

Il primo era diventato un giocatore di carte e stava sempre nella cantina con altri deliquenti peggio di lui.

Un giorno per avere un pco di soldi, rubò un anelle dall’orefice ma fu scoperto e messo in galera.

Il secondo che era meno fetende ma che non aveva voluto studiare, si mise a fare il ciabattino per non morire di fame.

I parenti quando lo vedevano con i vestiti strappati lo scansavano per la vergogna e lui malediceva la mamma e il padre perché l’avevano fatto ridurre in quello stato.

Il terzo era il più fetende dei tre e da piccolo aveva sempre mancato di rispetto ai genitori.

Si arruolò nelle guardie però lo scansavano tutti e un giorno schiaffeggiò un suo superiore e fu condannato a dieci anni di carcere.

La mamma a quella notizia svenne mentre il padre gridava: “Che sfortuna hanno avuto i nostri figli, sono i più cattivi del paese, che vergogna!”.

Tutti gli abitanti del paese li criticavano perché non avevano insegnato ai figli ad essere bravi ragazzi, studiosi e rispettosi ed allora capirono il male che avevano fatto e che era vero il proverbio:

“Punizioni (rimproveri) e pane fanno i figli belli, confetti e confettini fanno i figli malandrini”.