MÈGGHJE SULE CA MALE ACCUMBAGNATE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “Ce stéve ‘na vote … a’kkussì s’akkundav’a Llucére” di Pasquale Zolla

Frangische vuléve pe spóse Nannarè, ma queste se facéve terà ‘a cavezètte.

Nu bbèlle jurne u ggiòvene se facìje curagge e jjìje c’a mamme a case d’a fegghjòle, anzim’a nu cumbare ca ére tutte isse e ca sapéve tutte cose isse, pe ffà da spalla forte e pe ngrandì i cóse ca decéve.

Dóppe fatte ‘a canusscènze, ‘a mamme d’a fegghjóle addummannaje a Frangische: “Ma tu che tìne….., che purte pe dote?”.

Frangische, nu póche schernùse, accumenzaje: “Nu pucarille de tèrre…..”, e u cumbare u sscìje annanze: “Nu pucarille de tèrre?!…….. Chiamele nu pucarille de tèrre!….. Dì pure paricchje verzure de tèrre!.”

Nannarè e ‘a mamme se uardajene mbacce che suddesfazzióne.

Frangische cundunuuaje a ddì: “’Na casarèlle…..”, e u cumbare: “E cchiamele ‘na casarèlle!….. Quèll’éje ‘na règge!.

‘A mamme che l’òggne de nu dite pungecaje ‘a figghje a nu vrazze cùme pe ddì: “Mègghje d’accussi!” e sse uardajene mbacce e che l’ucchje se facìjene nu segnale de ndése.

Frangische fernìje decènne: E nu pullidre!…”, e u cumbare: “Dì pure nu cavallóne!”.

Nannarè facìje c’a cape de sì pe ddì ca pe èsse jéve bbune, e ‘a mamme stéve pe ddì a nnome d’a figghje ca accunzundéve à ffà ‘a móre ngase, ma nd’u mumènde ca stéve p’arrapì vócche, Frangische facìje nu cólpe de tósse.

‘A mamme de Frangische decìje o figghje: “Figghje mìje, sta tussucèlle te l’è curà”, e u cumbare: “Chiamele tussucèlle!…. Quill’éje fracete ngurpe!”.

Cùme sendìjene accussì, Nannarè e ‘a mamme sùbbete sùbbete lecenzijarene u ggiòvene, ‘a mamme e u cumbare.

E u pòvere Frangische e ‘a mamme se ne turnajene a case chjìne de pecundrìje, p’a bbrutta fegùre che u cumbare sapute l’éve fatte fà.

Da tanne, forse, è nnate u ditte:

“Megghje sule ca male accumbagnate”

 

MEGLIO SOLI CHE MALE ACCOMPAGNATI

Francesco voleva per sposa Annarella, ma questa si faceva pregare.

Un bel giorno il giovane si fece coraggio e andò, con sua madre a casa della ragazza, insieme con un compare che si atteggiava a saccente, per fargli da spalla e ingrandire tutto ciò che lui diceva.

Dopo fatto le presentazioni, la mamma della ragazza domandò: “Ma tu cosa possiedi….., che cosa porti in dote?”.

Francesco, un poco timido, cominciò: “Un pochino di terra…..”, e il compare prendendo la parola, dissse: “Un pochino di terra?!…. Chiamala un poco di terra!…. Di pure versure di terra!”.

Annarella e la mamma si guardarono in faccia con soddisfazione.

Francesco continuò a dire: “Una piccola casa….”, e il compare: “E chiamala una piccola casa!… Quella è una reggia!….”.

La mamma con l’unghia  di un dito punse la figlia ad un braccio come per dire: “Meglio di così!” e si guardarono in faccia e con gli occhi si fecero un segnale d’intesa.

Francesco finì dicendo: Un puledrino!….”, e il compare: “Puoi dire pure un cavallo molto grosso!”.

Annarella fece con la testa un senso di accenno per dire che per lei andava bene, e la mamma stava per dire a nome della figlia che acconsentiva al fidanzamento in casa, ma nel momento che stava per aprire bocca, Francesco fece un colpo di tosse.

La mamma di Francesco disse al figlio: “Figlio mio, questa piccola tosse te la devi curare”, e il compare: “Chiamala piccola tosse!…. Quello è fradicio dentro!.

Come sentirono questo fatto, Annarella e la mamma immediatamente licenziarono il giovane, la mamma e il compare.

E il povero Francesco e la mamma se ne tornarono a casa pieni di tristezza, per la brutta figura che il compare saccente gli aveva fatto fare.

Da allora, forse, è nato il detto:

Meglio soli che male accompagnati”