MUGGHIÉREME NDRIANE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Ascanio Iliceto per tornare all’indice

ASCANIO ILICETO

Per ascoltare la poesia cliccare con il pulsante sinistro del mouse su del player.

 

MUGGHIÉREME NDRIANE

‘A prima vóte che t’agghje viste,

íje stéve parlanne che sorete.

Ire bbèlle e mbrufumate

nda quillu tajérre stritte stritte.

 

Addummannaje: chi éje?

doppe che t’íre allundanate.

“È soreme ma è ggià mbegnate”.

Che peccate! Ngape a mme penzaje.

 

‘Na sére, tramènde salutave a sorete,

tu arréte decisse a ‘na cumbagna túje:

“Chi è?” Me ggeraje sfastedijate e decije:

“Songhe Ascaneje” e ce sime ggià presendate?.

 

Íre bbellèlle che quillu cappotte russce

a quella fèste. Da vune ire curteggiate

ma tu pe me te n’íre jùte d’acíte

e quille s’abbuttave cume nu vícce

 

Íje vuléve ‘a uagglióne p’a vernate

ma doppe so’ state júrne de passijóne

e ógne scuse ère bbòne pe stà vecíne

e sèmbe de cchijù ce síme attaccate.

 

Nu jurne pe Melane songhe partúte,

e ‘a lundananze ére nu turmènde

ca me facéve corre da te ógn’e ttande.

Doppe n’anne, cuntende ce sime spusate.

 

So’ arrevate i figghje, che ggioje.

U mascúlille assemegghjave a me

e a femmenèlle…pure èsse a me.

Pazzéje, assemegghjavene pure a segnerije.

 

So’ passate tand’anne e síme uníte.

Te vogghje bbéne assaje

ma, quanne ngazzà me faje,

m’addummanne, ‘a spusarríje n’ata vóte?

 

….Mah! Créde propreje de si.

 

MIA MOGLIE ADRIANA

La prima volta che ti ho vista,

io stavo parlando con tua sorella.

Eri bella e profumata

in quel tailleur stretto stretto.

 

Chiesi: chi è?

dopo che ti eri allontanata.

“È mia sorella ma è già impegnata”.

Che peccato! Pensai nella mia testa.

 

Una sera, mentre salutavo tua sorella,

tu dietro dicesti a una tua amica:

“Chi è?” Mi girai infastidito e dissi:

“Sono Ascanio” e ci siamo già presentati?

 

Eri carina con quel cappotto rosso

a quella festa. Da uno eri corteggiato

ma tu pe me avevi perso la testa

e quello si gonfiava come un tacchino

 

Io volevo la ragazza per l’inverno

ma dopo sono stati giorni di passione

e ogni scusa era buona per stare vicini

e sempre di più ci siamo legati.

 

Un giorno sono partito per Milano,

e la lontananza era un tormento

che mi faceva correre da te ogni tanto.

Dopo un anno, contenti ce siamo sposati.

 

Sono arrivati i figli, che gioia.

Il maschietto assomigliava a me

e la femminuccia…pure lei a me.

Scherzo, assomigliavano pure a te.

 

Sono passati tanti anni e siamo uniti.

Ti voglio molto bene

ma, quando mi fai arrabbiare,

mi chiedo, la sposerei un’altra volta?

 

…. Mah! Credo proprio di sì.