NGHIUTTÉVE MMACANDE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice 

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

Ggnuttéve mmacande

Era ore di jì a magna

e lassaje da fadegà;

p’a fianghette ca me vattève,

a vija da case già currève

ma a vutate du pentone,

me trove annanze na staccone,

sfanziose e cutuliate,

se pegghiave tutt’a strade.

Na zènne de vennelluzze ca purtave,

p’u favugne ca sciusciave,

u paravise ‘ndèrre t’arruteliave.

U stommeche mère arrebbellate,

a cerevelle stralunate;

me parève ch’avèsse già magnate:

quelle m’avève ‘ndummacate!

 

Inghiottivo a vuoto

Era ora di andare a mangiare

e lasciai il lavoro;

per la fame che avevo

correvo già sulla strada di casa

ma girato l’angolo,

mi trovo davanti una ragazzona,

pomposa e dondolante,

occupava tutta la strada.

Una piccola gonna che portava,

a causa del vento che tirava,

il paradiso sulla terra ti avvolgeva.

Lo stomaco si contorceva,

il cervello stralunato;

mi sembrava di aver già mangiato:

quella mi aveva colpito lo stomaco.