O ARE O VAJ’A CHIANGHE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Nu patróne tenéve nu vóve e nu ciucce e ttutt’i jurne jèvene a arà.

Nu bbèlle jurne u vóve, o pecchè nze sendéve bbune o pe qqàcchè ata raggióne, nge vulìje jì e ccussì pure u secónde jurne.

Mò’ u patróne d’u vóve, vedènne stu fatte chè nn’ére maje succisse, s’arraggiàje bbrutte e, lucculanne lucculanne, jije ndò u ciucce: “Si quann’e ccraje u vóve nge véne a arà, – decìje – u pòrte a chianghe”.

U ciucce, pruccupàte, a nòtte ci’u decìje: “Si quann’e ccrammatine nde àveze e vvine a arà, u patróne te pòrte o’ scannègge; sind’a mmè, vide ch’è fà… Quille u patróne nen pazzéje, adavèramènde u face…. E quanne pigghje e tte pòrte a llà..”.

Accussì u vóve, u jurne apprisse, penzanne a quille chè l’éve ditte u cumbagne, se facìje capace, se mettìje ‘a strada sòtte e, che l’asca nganne, jìje n’ata vóte a arà

E mme pare ca pròbbete da qua è nnate u prujèbbeche chè dice:

O are o vaj’a la chianghe”.

 

O ARI O VAI ALLA MACELLERIA

Un padrone aveva un bue ed un asino, e tutti i giorni andavano ad arare.

Un bel giorno il bue, o perché stava poco bene o per qualche altro motivo, non volle andare; e così pure il secondo giorno.

Ora il padrone del bue, vedendo questo fatto che non era mai capiatato, si arrabbiò molto e, sbraitando, andò dall’asino: “Se domani il bue non viene ad arare – disse – lo porto alla macelleria”.

L’asino, preoccupato, la notte glielo riferì. “Se domani mattina non ti alzi e vieni ad arare, il padrone ti porta al macello; stammi a sentire, vedi che devi fare… Bada che il padrone non scherza, lo fa sul serio… e senza pensarci troppo ti porta là..”.

Così il bue, il giorno dopo, pensando a quello che gli aveva detto il compagno, si convinse, si mise in cammino e, a malincuore, andò un’altra volta ad arare.

E mi sembra che proprio da qui è nato il proverbio che dice:

“O ari o vai alla macelleria”.