PROVERBI – B

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera 

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

 

PROVERBIO LUCERINO

(TRADUZIONE LETTERALE)

(SENSO FIGURATO)

 

bbabbe nz’adda addummannà maje pecché sbaglje sèmbe

(Al cretino è inutile chiedere perché sempre)

(Tempo perso)

bbaccalà pure pèsce éje

(Anche il baccalà è un pesce)

(Bisogna sapersi accontentare)

U prime vase (bbace) vène arrubbate, u seconde véne dunate

(Il primo bacio viene rubato, il secondo viene donato)

(Il primo bacio viene dato furtivamente mentre il secondo è consenziente)

Chi vace o bballe, addabballà

(Chi va al ballo, deve ballare)

(In certe occasioni non si devono avere incertezze)

Patrune de bbastemènde vace pe bbarche affitte

(Padrone di nave va in cerca di barche da affittare)

(Persone cadute in disgrazia)

Chi me bbattèzze, m’è cumbare

(Chi mi tiene a battesimo è mio compare)

(Negli affari non si considerano ne parenti ne amici ma solo chi fa una offerta migliore)

Pascule ‘a Bbefanije tutt’i fèste s’i porte vije

(Pasqua Epifania tutte le feste se le porta via)

(Tutte le festività terminano con l’Epifania)

Chi bbèlle vole parì, cìnde uàje adda patì

(Chi vuole apparire bella deve patire cento sofferenze)

(La donna che vuole mostrarsi piacente, deve sopportare tanti sacrifici)

Chi bbéne te vole, ngase te trove

(Chi bene ti vuole, in casa ti trova)

(Chi ti vuole bene, ti viene a cercare fino in casa)

Nissciune bbéne dure cìnd’anne

(Nessun bene dura cento anni)

(Nessun amore o affetto  dura per sempre)

Bbéne o male ‘a fina véne

(Bene o male verrà la fine)

(In un modo o in un altro arriverà la fine)

bbéne ngore e u féle e dinde

(Il bene nel cuore e l’amaro in bocca)

(Nell’educazione dei figli non bisogna lasciarsi condizionare dall’affetto)

Chi bbéne te vole, mbacce te pissce

(Chi ti vuole bene, piscia al tuo cospetto)

(Chi prende troppa confidenza, non ha più rispetto)

Fa bbéne a ppurce!

(Fai bene ai porci!)

(Far del bene a persone non meritevoli riceverai cattiverie)

Fa bbéne e purce, ammacare te unge u musse

(Fai bene ai maiali almeno dopo mangerai roba buona)

(Mancanza di riconoscimento da parte di chi ha goduto dell’altrui amore o beneficenza)

Fà bbène e sscurde, fà mmale e ppinze

(Fai del bene e scordalo, ma sei fai del male, ricordalo)

(Fai del bene e dimenticalo, ma se fai del male non solo ne dovrai rendere conto, ma ti rimorderà anche la coscienza)

Chi bbéne fà, bbène aspètte

(Chi fa del bene, bene gli aspetta)

(La bontà viene sempre ricompensata)

Male e bbéne d’o cile véne

(Il male è il bene vengono dal cielo)

(Sia il male che il bene vengono dispensati per volontà divina)

E’ fà bbéne pe ésse accise

(Devi fare del bene per essere ucciso)

(La gratitudine non è di questo mondo)

Chi face bbéne a tte, face male a Ccriste

(Chi fa bene a te, fa male a Cristo)

(Non meriti di essere aiutato)

U dune che facije Bbèrte a nore: arapije ‘a cassce e i dije ‘na noce

(Il dono che fece Berta alla nuora: aprì la cassa e le donò una noce)

(Il proverbio indica l’opinione popolare sul rapporto tra suocera e nuora)

bbesugne face l’ome ngegnuse

(Il bisogno rende l’uomo ingegnoso)

(Il bisogno aguzza l’ingegno)

bbongiorne se véde d’a matine

(Il buon giorno si vede dal mattino)

(Le situazioni positive si evidenziano immediatamente)

Quanne è bborze èbborze e quanne è llégne è llégne

(Quando è borsa è borsa e quando è legna è legna)

(Quando si va in cerca di soldi ci si limita a cercare soldi e quando ci si va a cercare la legna, sui cerca la legna. Ogni cosa dev’essere fatta tempo debito)

Nd’u vosche (bosche) nzacca nzacche, p’a vije scappa scappe

(Nel bosco raccogli, raccogli, per la strada scappa, scappa)

(Non bisogna essere ingordi)

Chi sorchje bbrode e chi gnotte veléne

(Chi sorbisce il brodo e chi ingoia veleno)

(La sorte non è uguale per tutti)

Mò nen facime che morte ‘a carne se jétte u bbrode

(Adesso non facciamo che morta la carne si butta il brodo)

(Adesso non deve succedere che morta la persona , si interrompono i rapporti)

Tutte fà bbrode

(Tutto fa brodo)

(Ogni cosa può essere utile)

‘A bbrutte annanz’a porte sgrigne a chi passe

(La brutta davanti alla porta schernisce chi passa)

(Spesso il moralista ha più difetti degli altri)

Bbrutte de facce,bbrutte de core

(Brutta di faccia, brutta di cuore)

(Spesso chi ha tratti somatici non belli non ha neanche bontà)

‘A bbrutte s’ammarite, ‘a bbèlle rèste zite

(La brutta si sposa e la bella resta zitella

(Chi ha poche pretese spesso le realizza mentre chi è pretenzioso spesso non realizza niente)

bbuche sòtt’o nase se fenèssce ‘a tèrre pe tutt’a case

(Il buco sotto il naso (la bocca) consuma la terra con la casa)

(Lo scialacquatore, l’ingordo dà fondo alla sua proprietà)

Chi nn’è bbune pe l’àvete, nn’è bbunemanghe pe isse

(Chi non è buono per gli altri, non è buono neanche per se stesso)

(Chi non ama il prossimo non ama neanche se stesso)

Nn’è bbùne nné a ffotte, nné a ffà ‘a spije

(Non è capace né di rubare, né di fare la spia)

(Non è capace di fare nulla)

Pigghjete u bbùne quanne véne, che u malamènde nne manghe maje

(Prendi ciò che è buono quando viene, che il male non manca mai)

(“Carpe diem” cioè cogli l’attimo)

bbùne monge, u triste ponge

(Il buono munge, il cattivo punge)

(Chi utilizza le buone maniere, ottiene mentre chi si dimostra sgarbato non guadagna nulla. Oppure: La buona parola fa bene, la cattiva fa male)

bbùne piace a ttutte

(Il buono piace a tutti)

(Le cose buone piacciono a tutti)

Preparéte bbùne, che vaje mègghje

(Preparati bene, che andrai meglio)

(Se sei ben preparato potrai più facilmente superare le avversità)

bbusciarde, pure se dice ‘a veretà, nn’è credute

(Il bugiardo, anche se dice la verità, non è creduto)

(Il bugiardo non è mai creduto)

bbusciarde adda tenè ‘a bbona mamoreje

(Il bugiardo deve avere una buona memoria)

(Il bugiardo deve ricordarsi delle bugie dette per non cadere in contraddizione)

‘A bbuscije annanze e ‘a veretà apprisse

(La bugia avanti e la verità dietro)

(La verità viene sempre a galla)