PROVERBI – C

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

 

PROVERBIO LUCERINO

(TRADUZIONE LETTERALE)

(SENSO FIGURATO) 

Se Ccole cacave, nne mmuréve

(Se Nicola avesse defecato, non moriva)

(Tutto è semplice con il senno di poi)

Ddije te libbere d’a vasscia cadute

(Dio ti salvi da una caduta bassa)

(Talvolta una semplice caduta può essere più dannosa di un tonfo)

Ddije t’ajute, ogni ppassa ‘na cadute

(Dio ti aiuti, in modo che ad ogni passo tu possa  cadere)

(Fare un cattivo augurio)

Véne da Calamone: bbabbe, fèsse e cazzone

(Discende da Calamone: stupido, fesso e cazzone)

(Persona che non vale niente)

Méne ‘a préte o calecagne e èssce u sanghe p’u nase

(Scaglia la pietra per colpire il tallone, ma gli esce il sangue dal naso)

(Quando un’azione produce un effetto imprevisto, indesiderato)

Chi camba, véde

(Chi vivrà, vedrà)

(Solo chi sarà vivo potrà sapere se le promesse fatte saranno mantenute)

È fà vune che cambe e n’àvete che nne mmore

(Devi fare in modo che uno viva e l’altro non muoia)

(Nei rapporti umani, se si vuole aiutare qualcuno, non si devono danneggiare gli altri)

Cambe e ffà cambà

(Vivi e fai vivere)

(Fai i tuoi interessi, ma pensa anche agli altri)

Vùje cambà de jurne, si ‘a morte nde chiame

(Puoi campare tanti giorni, se la morte non ti chiama)

(Riferito ad un vagabondo cattivo, dal quale solo la morte può liberare)

Chi vole cambà assaje, adda murì de fame

(Chi vuole vivere a lungo, deve morire di fame)

(Invito alla parsimonia e alla sobrietà perché chi si contiene può vivere a lungo)

Chi cambe speranne, more cacanne

(Chi vive di speranza, muore defecando)

(Nella vita è meglio non illudersi, adagiandosi in vane speranze)

Camba cavalle che l’éreva crèssce

(Campa cavallo, nell’attesa che cresca l’erba)

(Aspetta e spera)

Chi de speranza cambe, desperata more

(Chi vive di speranza, muore disperato)

Chi camb‘afflitte, scunzulate more

(Chi vive nella tristezza, muore sconsolato)

Chi cambe ritte, camb‘afflitte

(Chi campa onestamente, vive nella tristezza)

(Chi campa onestamente, non può divertirsi molto)

‘Na vota sole se cambe e ‘na vota sole se more

(Solo una volta si vive e solo una volta si muore)

(Non tralasciare le occasioni)

A ndò stanne i cambane, stanne i puttane

(Dove sono le campane, stanno le puttane)

(In ogni paese si esercita il mestiere più antico)

cambane se sèndene a cocchje 

oppure

S’ànna sènde tutt’è ddoje i cambane

(Si devono sentire entrambe le campane)

(Per giudicare bisogna conoscere le diverse versioni)

‘A cambane se canossce o ndìnne, l’ome d’a parole

(La campana si riconosce dal timbro, l’uomo dalla parola)

(Un uomo può considerarsi tale se mantiene fede alla sua parola)

Chi camine lècche e chi se fèrme s’assécche

(Chi cammina lecca  e chi si ferma secca)

(Colui che si dà da fare guadagna e chi sta seduto non fa niente)

Nde puje fedà manghe d’a cammise che purte ngulle

(Non puoi fidarti neanche della camicia che porti addosso)

(Non puoi fidarti di nessuno neanche di quelli più vicini)

‘A cammise d’a mamme passe a figghje

(La camicia della mamma passa alla figlia)

(I comportamenti deplorevoli della mamma vengono seguiti dalla figlia)

Mò se mèttene tutte ‘a cammisa longhe

(Adesso si mettono tutti la camicia lunga)

(Coloro che in gioventù ne ha fatto di tutti i colori e divenuti anziani si mostrano morigerati)

Se cande, nen porte ‘a croce

(Se canda, non porta la croce)

(Se una persona è allegra vuol dire che non ha problemi)

Cande, che te passe

(Canta, che ti passa)

(Canta che ti passa ogni preoccupazione e ogni rabbia)

Addummanne o candenire si u vine  è bbùne

(Domanda all’oste se il vino è buono)

(È inutile fare delle domande quando la risposta è scontata)

cane suspètte abbaj’a lune

(Il cane sospettoso abbaia alla luna)

(La persona sospettosa dubita anche di chi è innocuo) 

More u cane e more ‘a ragge

(Muore il cane e muore la rabbia)

(Quando muore una persona malvagia cessa il pericolo)

oppure

(Quando muore una persona importante cessa il rispetto verso i parenti)

Nne scungianne u cane che dorme

(Non disturbare il cane che dorme)

(Non fare provocazioni gratuite o azzardate)

È respettà u cane p’u padrone

(Devi rispettare il cane per amore del padrone)

(Per ingraziarsi qualcuno, bisogna rispettare anche ciò che gli appartiene)

Allesscià u cane p’u padrone

(Lisciare il cane per rispetto del padrone)

(Rispettare tutto ciò che appartiene al padrone)

cane mozzeche o strazzate

(Il cane morde il poveraccio)

(Il prepotente se la prende sempre con chi è indifeso.

Oppure

(La sfortuna colpisce chi è già sfortunato)

Mbacce o cane mbuje fà zù-zù

(Al cane vecchio non puoi dire vieni-vieni)

(Nei confronti delle persone mature non servono lusinghe né ordini)

Cane e ffigghje de puttane nen chiudene maje ‘a porte ch’i mane

(Cani e figli di puttana non chiudono mai la porta con le mani)

(Si diceva quando qualcuno lasciava la porta aperta)

Cane che abbaje, nne mozzeche

(Cane che abbaia non morde)

(Le apparenze ingannano)

cane d’a case porte l’ossere fore

(Il cane di casa porta l’osso fuori)

(Si diceva quando si trascurano le proprie cose a vantaggio di quelle altrui)

Tramènde u cane u cane pissce, u lèbbre scappe

(Mentre il cane piscia, la lepre scappa)

(Non aspettare a fare le cose)

Quand’è ffèsse u cane mije: ije u chiame e quille se ne fuje

Quanto è stupido il mio cane: io lo chiamo e lui se ne scappa     Si diceva per indicare le persone che capiscono una cosa per un’altra

cane u prìngepe quanne éva jì a pegghjà ‘a cacce, tanne i venéve de cacà

(Il cane del principe quando doveva andare a prendere la preda, allora avvertiva il bisogno di defecare)

(Riferito a quelli che al momento decisivo mancano al loro dovere per futili motivi)

A muzzeche de cane, pile de cane

(Sul morso del cane, pelo del cane)

(Utilizzare sempre rimedi adeguati)

Cane e ccane s’addorene ngule

(Cane e cane si annusano il sedere)

(E bene prima capire bene con chi si ha a che fare prima di dare confidenza)

E Sande vicchje nz’appicene cchjù cannéle

(Ai Santi di antica devozione non si accendono più candele)

(Non c’è più rispetto per le persone di una certa età)

Pe ccanossce a vune t’è magnà nu tummele de sale

(Per conoscere una persona devi mangiare un tomolo di sale)

(Prima di conoscere  a fondo una persona occorre tanta pazienza e attenzione)

U cchjù canossce u méne

(Il più conosce il meno)

(Chi ha più difetti riconosce chi ne ha di meno)

Cape o cocce che nen parle è chiamate checozze

(La che  testa che non parla è chiamata cocozza)

(Chi non parla quando deve fa la figura dello sciocco)

‘A capa toste a mmature ‘a corte

(Chi ha la testa dura, gliela ammorbidisce la corte)

(Chi continua a vivere nella illegalità, prima o poi sarà il tribunale a farlo rigare diritto)

‘A capa toste a mmature u magghje

(La testa dura l’ammorbidisce il maglio)

(Le persone testarde si ammorbidiscono solo con le maniere forti)

Chi sbaglje de cape, paghe de sacche

(Chi sbaglia con la testa, paga con la tasca)

(Chi sbaglia paga)

‘A cape de ngape nn’adda patì

(La testa sulle spalle non deve soffrire)

(Non bisogna prendersela troppo  a cuore)

Chi téne ‘a capa malamènde. adda tenè i pide bbune

(Chi ha la testa balzana, deve avere i piedi efficienti)

(Il malvivente deve essere veloce per poter sfuggire agli agenti)

Chi fà ‘na cose a ccapedanne, l’adda fà pe ttutte l’ànne

(Chi fa una cosa a Capodanno, la deve fare per tutto l’anno)

(Quando un’azione viene fatta una prima volta poi bisogna sempre farla)

Chi nge càpete, nge créde

(Chi non ci capita, non ci crede)

(Chi non fa l’esperienza, non ci crede)

‘A more se magne u capetale

(L’interesse di mora divora il capitale)

(L’usura porta alla rovina)

Chi capissce, patissce

(Chi capisce, soffre)

(Di fronte alle ingiustizie e alla falsità chi è sensibile soffre)

Capille e uuàje nen manghene maje

(I capelli e i guai non mancano mai)

(Veniva detto per consolare qualcuno)

Capille ricce, cerevèlla pazze

(Capelli ricci, cervello pazzo)

(Chi ha i capelli ricci, ha il cervello bizzarro)

Capille lunghe, cerevèlla corte

(Capelli lunghi, cervello corto)

(Le donne che hanno i capelli lunghi, hanno il cervello piccolo)

Pane e ccappe nen scappene maje

(Pane e mantello non si perdono mai)

(Le cose importanti non si dimenticano)

Da ‘na cappe facirene ‘na coppele

(Da un mantello ricavarono una coppola)

(Chi avendo a disposizione abbondanti mezzi, li usa con scarso profitto)

L’ome stace sòtt’o cappille, ‘a fèmmene sòtt’a vunnèlle

(L’uomo sta sotto il cappello, la donna sotto la gonna)

(L’uomo lo devi valutare dal cervello (che sta sotto il cappello) , la donna la devi valutare dall’illibatezza (che sta sotto la gonna))

Mare a qquèlla case ndò cappille nge trase

(Misera quella casa in cui non entra un cappello)

(Misera quella casa in cui non c’è l’uomo)

Assemègghje u tarle nd’u cappotte

(Somiglia il tarlo nel cappotto)

(Persona noiosa e dannosa)

Amma ji fìne a Ccapracotte pe’ ‘na magnate de recotte!

(Dobbiamo andare fino a Capracotta per una mangiata di ricotta)

(Il vantaggio che si ricava non è proporzionato allo sforzo)

Fèmmene, vicchje e ccrijature, capricce e llagreme fore mesure

(Le donne, i vecchi e i bambini, capricci e lacrime fuori misura)

(Le donne, i vecchi e i bambini, spesso fanno i capricci e piangono per poco)

P’u capricce, pèrde u caprètte

(Per il capriccio, perde il capretto)

(Per mantenere il puntiglio, perde l’utile)

Nze ponne vènne i caravune p’accatta ‘a cènere

(Non si possono vendere i carboni per comprare la cenere)

(Non si possono vendere cose utili e di valore per comprare cose inutili e di scarso valore)

I bbuscke pe ccaretà, i dace pe llemosene

(Li riceve con la carità, e li offre in elemosina)

(Quando si negano cose ottenute con fatica)

Chi se despiace d’a carne de l’àvete, ‘a suje s’a magnene i cane

(Chi prova dispiacere per la carne degli altri, la sua se la mangiano i cani)

(Chi prova dispiacere per gli altri, corre il rischio di essere maltrattato)

P’a carna toste ce vole u curtille che tagghje

(Per la carne dura ci vuole il coltello tagliente)

(Nei confronti di certe persone bisogna essere molto decisi)

‘A carne vèzza nzoffre delore

(Il corpo invecchiato non soffre per il dolore)

(L’uomo di molta esperienza, anche di sofferenza, avverte meno il dolore)

Nténe carne e sorchje bbrode

(Non ha carne e succhia il brodo)

(La fortuna non è, purtroppo, benevola con tutti)

‘A carne se jètte e i cane s’arraggene

(La carne si butta, ma i cani restano affamati)

(C’è chi ha troppo e chi niente)

S’ammossce ‘a carne, s’ammorte u delore

(Si affloscia la carne, diminuisce il dolore)

(Il tempo fa diminuire il dolore)

Ccarnuuale, chi se ngagne è n’anemale

(A Carnevale chi si offende è un animale)

(Chi durante il Carnevale non sa stare allo scherzo non è socievole) 

Ccarnuuale, ogni scherza vale

(A Carnevale ogni scherzo vale)

(A Carnevale ogni scherzo è ammesso)

Prime facéve i carrozze, mò face i casscetèlle ‘i murte

(Prima costruiva le carrozze, ora fa le bare per i morti)

(La fortuna non gli sorride)

Carta cande

(Carta canta)

(Il documento fa testo)

Chi téne i carte mmane, cumanne

(Chi ha le carte in mano comanda)

(Chi ha il potere comanda)

Fèmmene, carte e vvine portene l’ome a rruuine

(Donne, carte da gioco e vino portano l’uomo alla rovina)

(La vita dissoluta rovina l’uomo)

carte è puttane

(La carta è puttana)

(La carta va da chi vuole)

Casa strétte, fémmena ngegnose

(Casa stretta, donna ingegnosa)

(Nella casa piccola si vede la donna ingegnosa)

Casa strétte, fémmena ngegnose: vutte ca trase

(Casa stretta, donna ingegnosa: spingi che entri)

(Nella casa piccola si vede la donna ordinata: spingi la porta ed entra (non c’è bisogno di avvertire perché la casa è sempre in ordine))

Chjove e mmaletimbe fà, a case de l’àvete è mmale stà

(Quando piove e fa cattivo tempo, nella casa degli altri si sta male)

(Non si sta bene in un ambiente dove non c’è serenità)

Nd’a case chi nn’è nnate, nge trase

(Nella casa chi non vi è nato, non può entrare)

(Nella casa degli altri bisogna essere riservati)

Povere a chi nténe case e vace truuanne recitte

(Povero chi non ha casa e va cercando riparo)

(Misero chi nella vita è solo)

‘A case a ddoje porte u diavele s’a porte

(La casa che ha due porte il diavolo se la porta via)

(Le case che hanno due ingressi favoriscono i furti oppure favoriscono le tresche amorose oppure dove comandano in due non c’è progresso)

Dìnde a ogne ccase ce stace nu matone rutte

(Dentro ad ogni casa c’è un mattone rotto)

(In ogni casa c’è qualcosa che va)

Nd’a case, a ndò trase u sole, nge trase u mideche

(Nella casa dove entra il sole, non entra il medico)

(Dove c’è serenità si vive bene)

Nd’a case d’u sunatore nze portene serenate

(Nella casa del musicante non si portano le serenate)

(Non si può insegnare qualcosa a chi è già esperto)

case d’u cecate vijate a chi ce vede

(Nella casa del cieco beato a chi ci vede)

(Dove regna l’ignoranza, chi sa qualcosa è tenuto in grande considerazione)

Sop’a casa scuffulate u tarramote

(Sulla casa crollata il terremoto)

(Sulla casa dei poveri si abbatte la sfortuna)

Sime frate e ssore quanne stime dìnde a vuna case

(Siamo fratelli e sorelle quando stiamo dentro ad una casa)

(Le cose vanno bene finché si è uniti)

‘A castagne, bbèlle da fore, bbrutte da dìnde

(La castagna, bella di fuori, brutta all’interno)

(L’apparenza inganna)

Caténe e ttacchere arraggene u cane

(Catena e bastonate provocano la rabbia del cane)

(Non sempre si ottengono dei risultati utilizzando modi rigidi)

È mmègghje nu bbun’accorde che ‘na causa vinde

(È meglio un buon accordo che una causa vinta)

(È da preferire un accordo vantaggioso che una causa vinta, considerate le spese e gli eventuali imprevisti)

L’ucchje d’u padrone ngrasse u cavalle

(L’occhio del padrone ingrassa il cavallo)

(La cura e l’attenzione che pone il padrone, fa prosperare)

I guaje vénene a ccavalle e se ne vanne a ppide

(I guai vengono a cavallo e se ne vanno a piedi)

(Le disgrazie arrivano rapidamente e scompaiono lentamente)

Vace truuanne pagghje/stalle pe ccìnde cavalle

(Va cercando paglia/stalle per cento cavalli)

(Chi, soprattutto nelle controversie, non intende scendere a compromessi e non si accontenta)

Cavalle gastemate i luce u pile

(Al cavallo bestemmiato brilla il pelo)

(Quando una cosa è invidiata ha più valore)

Cavalle stracque i correne i mosche

(Sul cavallo stanco si raccolgono le mosche)

(Nessuno più considera una persona anziana)

cavalle a carrozze: bbona ggevendù, mala vecchiaje

(Il cavallo della carrozza: buona gioventù, cattiva vecchiaia)

(Le persone fino a quando sono giovani vengono presi in considerazione mentre, talvolta, le persone anziane vengono trascurate)

Quanne u cavalle ammanghe ‘a sacchette, vole jì a’ chianghe

(Quando il cavallo rifiuta la sacchetta è destinato al macello)

(Chi rifiuta il cibo vuol dire che sta molto male)

cavalle mije, i sperune de l’àvete

(Il cavallo mio, gli speroni degli altri)

(Gli altri godono della mia roba) 

cavalle curredore se vède a lùtema corse

(Il cavallo da corsa si vede all’ultima corsa)

(Chi è in gamba si vede alla fine)

Dà nu cavece a fertune

(Dare un calcio alla fortuna)

(Perdere un’occasione favorevole)

Cavedarare e ccavedarare nze tèngene

(Calderai e calderai non si sporcano)

(Quelli che fanno lo stesso mestiere non si ingannano tra di loro)

Cavedarare ànna èsse d’Agnone

I calderai devono essere di Agnone)

(I calderai esperti devono venire da Agnone)

I prime fridde nocene, i prime cavede cocene

(I primi freddi nuocciono, i primi caldi scottano)

(A tutte le cose bisogna abituarsi)

cavede è bbune tridece mise a l’anne

(Il caldo è buono per tredici mesi all’anno)

(Il caldo fa sempre bene)

Cavede de panne nen face maje danne

(Il caldo dei panni non fa mai danno)Il calore dei vestiti non fa mai male mentre essere svestiti quando fa freddo si rischia una malattia 

A vecchiaje i cavezètte rossce

(Alla vecchiaia le calze rosse)

(Chi in vecchiaia manifesta desideri o atteggiamenti giovanili)

Sorte e ccazze ngule vejate a chi l’ave

(Fortuna e cazzi nel sedere beato chi le ha)

(Beato chi nella vita ha fortuna e raccomandazioni)

Quille che se face c’u cazze, nze face ch’i vrazze

(Quello che si fa con il cazzo, non si fa con le braccia)

(Ciò che si acquista con un buon matrimonio non si acquista con il lavoro)

Cchjisa granne, devezzione ninde

(Chiesa grande, nessuna devozione)

(In una chiesa grande c’è poca devozione perché ci sono molti motivi di distrazione)

Cchjù rrénne, cchjù ppénne

(Più tarda, peggio è)

(Più si ritarda a fare una cosa e peggio è)

Chi cchjù téne, cchjù vole

(Chi più tiene, più vuule)

(La ricchezza cerca altra ricchezza)

Vaje pe farte ‘a croce e te ciche l’ucchje

(Vai per farti la croce e ti accechi)

(Vai per fare una buona azione e ne consegui una cattiva)

Nn’ammesckame cènere e ppanne lurde

(Non mischiamo cenere e panni sporchi)

(Non confondiamo argomenti diversi)

Natale c’u sole e Pasque c’u ceppone

(Natale con il sole e Pasqua con il fuoco del ceppo)

(Spesso le stagioni si rovesciano)

Viste ceppone che pare bbarone

(Vesti lo zotico e sembra un barone)

(L’apparenza inganna)

Àreve de ceprèsse, àvete lunghe e ffèsse

(Albero di cipresso, alto lungo e fesso)

(Ha scarso valore chi, pur disponendo di una certa altezza, non è in grado di compiere un qualsiasi lavoro)

Chi cèrca, trove

(Chi cerca, trova)

(La costanza da sempre buoni risultati)

‘A cère se strude e ‘a precessione ngamine

(La cera si consuma e la processione non va avanti)

(Il tempo trascorre in chiacchiere e non si conclude nulla)

cerevèlle è nu sfuglje de cepolle

(Il cervello è una squama di cipolla  Il cervello è molto delicato)

L’agghja cèrne nd’u farnale

(Lo devo passare al setaccio)

(Lo devo conoscere a fondo)

Zombe cetrule e vvace ngule a l’urtulane

(Salta il cetriolo e colpisce il sedere dell’ortolano)

(Si dice quando qualcuno si intromette in un discorso in modo sconclusionato oppure quando si va di palo in frasca)

A ccum’a checozze se demostre, quist’anne Pasque véne d’aùste

(Come si presenta la cocozza, quest’anno Pasqua verrà di agosto)

(A giudicare dalla cocozza, quest’anno Pasqua verrà di agosto)

Cume téne u chelore, téne u sapore

(Come ha il colore, ha il sapore)

(Come appare all’esterno così è all’interno)

È mmègghje a èsse chernute, che male sendute

(È meglio essere cornuto, che non ascoltato)

(Non essere ascoltato è deprimente)

U marite chernute è ssèmbe luteme a ssaperle

(Il marito cornuto è sempre l’ultimo a saperlo)

(L’interessato è sempre l’ultimo a conoscere la sua condizione)

Chi parle mbacce nn’è chiamate chernute (tradetore)

(Chi parla in faccia non è chiamato cornuto)

(Chi è capace di parlare in faccia, non è biasimato)

Chernute e mmazzijate

(Cornuto e bastonato)

(Oltre il danno, la beffa)

Dimme che chi vaje e te sacci’addì chi si’

(Dimmi con chi vai e ti so dire chi sei)

(È possibile conoscere una persona valutando le sue frequentazioni)

Fanne a chi pe mme, chi pe tte

(Fanno a chi per me, chi per te)

(Si scaricano la responsabilità)

Chi tène mamme, nen chiagne

(Chi ha la mamma non piange)

(Chi non è solo al mondo non è triste)

cchiagne stu murte so’ llagreme pèrze

(A piangere su questo morto sono lacrime perse)

(Non serve recriminare su qualcosa che si è perduto)

Chi chiagne fréche a chi rire

(Chi piange inganna chi ride)

(Chi fa finta di piangere  imbroglia la persona spensierata)

Chiagne u murte e fréche e vive

(Piange il morto ma ruba ai vivi)

(Fa finta di disperarsi per il proprio tornaconto)

Chi chialete, vènge

(Chi contende, vince)

(Chi contratta animatamente alla fine la spunta)

Ninde chiande e ninde magne

(Niente pianti e niente mangi)

(Se non semini non raccogli)

Chi vace chiane, va ssane e va llundane

(Chi va piano, va sano e va lontano)

(Non bisogna fare le cose di fretta)

A cchiane a cchiane se vace lundane

(Piano piano si arriva lontano)

(Non bisogna fare le cose di fretta)

Se tt’è fà ccide, fatt’accide da nu chianghire bbùne

(Se devi farti uccidere, fatti uccidere da un macellaio bravo)

(Se devi fare delle spese rivolgiti sempre a chi è più qualificato anche se costa di più)

Mitte ‘a chiave a’ cassce, quanne stace ‘a grassce

(Chiudi a chiave la cassapanca, quando c’è l’abbondanza)

(Risparmia in tempo di abbondanza)

‘A chitarre a ddoje corde: vune accorde e l’àvete scorde

(La chitarra a due corde: una accorda e l’altra scorda)

(Il potere affidato a due persone spesso non si esplica in maniera concorde)

‘A catarre mmane e cafune

(La chitarre nelle mani dei cafoni)

(Quando si affida un qualcosa di delicato a persone inaffidabili, inesperte)

Chjacchjere e ttabbacchére de légne nen fanne remore

(Le chiacchiere e le tabacchiere di legno non fanno rumore)

(Le chiacchiere e le cose di poco conto non producono buoni esiti)

Chjacchjere e ttabbacchére de légne o bbanghe de Napele nze mbègnene

(Le chiacchiere e le tabacchiere di legno non si accettano in pegno al baco di Napoli)

(I discorsi inutili e le cose di poco conto non valgono quando serve sostanza e concretezza)

chjacchiere s’i porte u vinde

(Le chiacchiere se le porta il vento)

(Le parole inutili se le porta il vento, i fatti restano)

chjacchiere nne jjénghene ‘a trippe

(Le chiacchiere non riempiono la pancia)

(Le chiacchiere non danno da mangiare)

chjacchiere so’ cum’e cerase vénene vuna appriss’a l’àvete

(Le chiacchiere sono come le ciliege l’una tira l’altra)

(Non si finisce mai di chiacchierare)

chjacchiere d’a sére nze trovene che quille d’a matine

(Le chiacchiere della sera non corrispondono a quelle del mattino)

(I discorsi o gli impegni presi la sera, non vengono rispettati la mattina dopo dalle persone non serie)

Poche chjacchiere e ccareche de panne nen fanne maje danne

(Poche chiacchiere e carico di panni non fanno danni)

(Poche parole e una buona protezione con i vestiti non fanno mai danno)

Chjireche nen fà prévete

(La chierica non fa il prete)

(Non basta la chierica per fare un buon prete)

Doppe chjuppete t’accatte u mbrelle

(Dopo la pioggia compri l’ombrello)

(Una decisione ed un rimedio tardivi)

Se nen chjove, stezzechéje

(Se non piove, pioviggina)

(C’è sempre qualcosa che non va)

cchjove e menà vinde nge vole ninde

(A piovere e tirare vento non occorre niente)

(Una disgrazia può arrivare in qualsiasi momento)

Quanne chjove chiane chiane è ‘a rruuine d’i cristijane

(Quando piove piano piano è la rovina delle persone)

(Sono le cose piccole ma costanti che infastidiscono le persone)

ccìcere a ccìcere se jenghe ‘a pegnate

(A cece a cece si riempie la pentola)

(La fortuna si fa poco alla volta)

Cile a ppecurèlle, acque a ccatenèlle

(Cielo a pecorelle, acque a catinelle)

(I cirri presagiscono una pioggia abbondante)

Quille che sta scritte ngile, ntèrre se fa

(Quello che è scritto in cielo, sulla terra si fa)

(Ciò che è destinato avviene)

Frutte lu cile e frutte la tèrre

(Quando frutta il cielo, frutta la terra)

(Quando piove e nevica, la terra produce)

Nténe nnè cile da vedè, nnè tèrre da cammenà

(Non ha ne cielo da vedere, ne terra da camminare)

(Chi essendo estremamente povero non ha nulla)

Tutte stime sòtt’a stu cile

(Tutti stiamo sotto questo cielo)

(Tutti siamo sotto la volontà del Signore)

E’ dà ‘na bbotte o circhje e n’àvete a’ votte

(Devi dare un colpo al cerchio e un altro alla botte)

(Bisogna accontentare tutti)

Ciucce e ppresenduse

(Ignorante e presuntuoso)

(Ignorante e testardo)

Aspitte ciucce mije quanne aèssce ‘a pagghja nove!

(Aspetta, asino mio, che si faccia la nuova paglia)

(Si dice per indicare una promessa che non si realizzerà mai)

Aspitte ciucce mije che crèssce l’éreve

(Aspetta asino mio che cresca l’erba Aspetta e spera)

ciucce a dduje padrune, a sére se coleche addijune

(L’asino che ha due padroni, la sera va a dormire digiuno)

(Chi viene assistito da più persone, rischia di non essere assistito da nessuno)

ciucce a dduje padrune murije de fame

(L’asino con due padroni morì di fame)

(Chi viene assistito da più persone, rischia di non essere assistito da nessuno)

ciucce a dduje padrune o troppe sazzeje o sèmbe addejune

(L’asino con due padroni o troppo sazio o sempre digiuno)

(Chi viene assistito da più persone, rischia di non essere assistito da nessuno)

I  ciucce fanne a ssciarre e i varrile se sfasscene

(Gli asini litigano e i barili si rompono)

(In una lite, spesso, il peggio capita a chi non c’entra niente)

Pe mmanganze de cavalle, fanne corre i ciucce

(Per mancanza di cavalli, fanno correre gli asini)

(In mancanza di persone competenti ed affidabili inseriscono persone incompetenti ed inaffidabili 

Famme apprime e famme ciucce

(Trattami per primo, anche se mi consideri asino)

(Non mi importa del giudizio degli altri)

ciucce crèssce e ‘a vàrda ammanghe

(L’asino cresce e il basto diventa più piccolo)

(La famiglia e le spese crescono e le risorse non bastano)

ciucce porte ‘a pagghje e u ciucce s’a magne

(L’asino porta la paglia e lui se la mangia)

(Per indicare una persona egoista)

ciucce port’a pagghje e nze n’addone

(L’asino porta la paglia e non se ne accorge)

(Chi ha le possibilità di soddisfare le proprie necessità ma non se ne accorge)

ciucce véde l’éreva vèrde e rrire

(L’asino vede l’erba e ride)

(Persona che è soddisfatta di fronte a cosa che gradisce)

ciucce è ssèmbe ciucce, pure si u viste d’ore

(L’asino è sempre asino, anche se lo copri d’oro)

(L’abito non fa il monaco)

Megghje nu ciucce vive, che nu mideche murte

(Meglio un asino vivo, che un medico morto)

(La difficoltà che un tempo trovavano gli studenti di medicina fino a compromettere la salute)

È mmègghje èsse ciucce de vennègne che prévete de settemana sande

(Meglio essere asino della vendemmia, che prete della settimana santa)

Tenéve u ciucce p’a capèzze e u jéve truuanne p’i pedate

(Aveva l’asino per la cavezza e lo cercava nelle impronte)

(Persona molto distratta)

Dope tand’anne ch’è mmurte u ciucce, aèssce angore u fite da ngule

(Dopo tanti anni che l’asino è morto, esce ancora la puzza dal culo)

(Dopo tanto tempo che è successo il fatto, ancora se ne parla)

ciucce a vecchiaje se mettije a truttà

(L’asino alla vecchiaia si mise a trottare)

(Chi in età avanzata fa progressi)

ciucce Parruzze a’ vecchjaje cacciaje u trotte

(L’asino di Parrozzo nella vecchiaia si mise a trottare)

(Chi in età avanzata fa progressi)

Ndéne pagghje manghe p’a ciuccia suje

(Non ha paglia neanche per la sua asina)

(Chi è limitato nelle sue possibilità. Specialmente si dice di colui vorrebbe avere più donne)

ciucce vécchje more nd’a case d’u fesse

(L’asino vecchio muore nella casa dello sciocco)

(Quando qualcuno non riesce a vendere qualcosa prima che questa non valga più nulla)

O more u ciucce, o more u padrone

(O muore l’asino, o muore il padrone)

(Costi quel che costi)

Quanne ‘a ciunne arrènne, ‘a gonne appènne

(Quando la vulva si arrende, la veste si allunga)

(Quando la vulva non ha più rapporti per la vecchiaia, ritorna il pudore)

Chi a vole cotte e chi a vole crude

(Chi la vuole cotta e chi la vuole cruda

(Quando ci sono opinioni diverse che non portano a nessun accordo)

Chi téne ‘a code de pagghje, s’a nfoche

(Chi ha la coda di paglia, se la brucia)

(Chi è in difetto o in colpa, teme di essere scoperto)

‘A code è male a scurtecà

(La coda è difficile da scorticare)

(L’ultimo pezzo è difficile da superare)

Si Ccola cacave, nne mmuréve

(Se Nicola avesse cacato, non sarebbe morto)

(Quando un fatto è successo, è inutile dare consigli)

‘Na vote se mbennije Cole

(Una volta s’impicco Nicola)

(Quando uno si è scottato, non ci ricasca)

Da ‘na coppele ‘na scazzètte

(Da una coppola una scazzetta)

(Quando da un affare che doveva fruttare tanto invece si ricava molto meno)

Amme fatte ‘a coppele Maomètte chi s’a léve e chi s’a mètte

(Abbiamo fatto come la coppola di Maometto chi se la toglie e chi se la mette)

(Ognuno cerca di prendere i meriti e negare i difetti)

Core cundénde, Ddije l’ajute

(Cuore contento, Dio lo aiuta)

(Dio aiuta chi ha l’animo sereno)

core nze cumanne

(Al cuore non si comanda)

(Al cuore non si comanda)

Core de matréje, core d’èbbréje

(Cuore di matrigna, cuore di ebreo)

(Cuore di matrigna, cuore senza affetto)

A’ ppèrze i vacche e vvace truuanne i corne

(A perso le mucche e va cercando le corna)

(Quando si subisce una grossa perdita è inutile cercare di recuperare qualcosa)

corne ‘i signure so’ de vammace

(Le corna dei signori sono di bambagia)

(Le corna dei signori sono meno offensive per rispetto nei confronti di questi)

S’i corne fossere frasche, i cape de l’umene sarrijene vosche

(Se le corna fossero frasche, la testa degli uomini sarebbero boschi)

(Se le corna fossero frasche, la testa degli uomini sarebbero piene)

Uaje e ccorne, mare a chi l’ave

(Guai e corna, male per chi le ha)

(Guai e tradimenti male per chi le ha)

corne so’ ccum’e dinde

(Le corna sono come i denti)

(Le corna sono come i denti, quando spuntano sono fastidiosi e dolorosi ma poi giovano)

Corne de mamme so’ corne che nze sanne, corne de sore so’ corne d’ore, corne de mugghjére so’ corne vére

(Le corna della mamma sono corna che non si conoscono, le corna della sorella sono corna d’oro (perché rendono), le corna della moglie sono corna vere)

U timbe corre

(Il tempo corre)

(La vita è breve)

Curre quande vuje che qquà t’aspètte

(Corri quanto vuoi che qui ti aspetto Non si può sfuggire alle proprie responsabilità)

Nne jjénne a’ corte, se nz’i cchiamate

(Non andare in tribunale, se non sei stato chiamato)

(Non fare il coraggioso o l’intraprendente se non è necessario)

‘A corte se chiame corte, ma è llonghe

(La corte di giustizia si chiama corta, ma è lunga)

(La giustizia ha tempi lunghi)

cose che passene, ntornene cchjù

(Le cose che passano non tornano più)

(Ciò che passa non torna più)

So’ ccose che capetene e vive

(Sono cose che capitano ai vivi)

Da cose nassce cose

(Da cosa nasce cosa)

(Da un avvenimento possono derivarne altri imprevedibili)

Ogne ccose véne a ffine

(Ogni cosa ha una fine)

cose che nze fanne, nze sanne

(Le cose che non si fanno, non si sanno)

(Di tutto primo o poi si viene a conoscenza)

cose a llunghe so’ ssuggètte a vizzeje e vanne ngondre a mmale desgrazzeje

(Le cose che vanno per le lunghe sono soggette a vizi e vanno incontro a disgrazie)

(Le cose che vanno per le lunghe possono diventare vizi e condurre alle disgrazie)

cose anzime nn’i vonne manghe i purche

(Le cose insieme non le vogliono neanche i maiali)

(Le cose condivise non sono gradite da nessuno)

Quanne ‘na cose se dice, se nn’éja tutte, éja mmetà

(Quando una cosa si racconta, se non è tutta vera, è lo è la metà)

(C’è sempre un fondo di verità)

Ndò zombe ‘a crape, zombe ‘a crapètte

(Dove salta la capra, salta pure la capretta)

(Gli errori o le azioni che fanno i grandi, li fanno anche i piccoli per imitazione)

È mmègghje nu crapitte che nu crapicce

(È meglio un capretto che un capriccio)

(È più conveniente accontentarsi di una cosa da poco che pretendere di più, litigando)

U bbusciarde nn’è ccredute

(Il bugiardo non è creduto)

Ngredènne a ome che ggiure e a fèmmene che chiagne

(Non credere all’uomo che giura e alla donna che piange)

(Atteggiamenti che spesso sono ingannevoli)

Pigghje a ccredènze, che a pagà doppe se pènze

(Compra a credito, che per pagare dopo si pensa)

Guardà e nen tuccà è ccose da crepà

(Guardare e non toccare è cosa da crepare)

(L’invidia fa crepare) 

Chi téne nase, téne crijanze

(Chi ha naso, ha pure creanza)

(Chi ha buon senso, ha pure educazione)

‘A crijanze è de chi a face, no de chi a recève

(La creanza è di chi la fa, non di chi la riceve)

‘A crijanze è bbone trìdece mise a l’anne

(La creanza è utile tredici mesi all’anno)

(La creanza va oltre il tempo)

Chi se coleche ch’i crijature, s’àveze c’u cule cacate

(Chi si corica coi bambini, al mattino si ritrova col culo sporco)

(Chi tratta con persone poco raccomandabili, si ritrova scornato e compromesso)

crijature so’ sbregogna casate

(I bambini svergognano le famiglie)

È mmurte u crijature e nzime cchjù cumbare

(È morto il bambino e non siamo più compari)

(Spesso venendo meno il motivo che lega due persone, cessa il rapporto tra di esse)

Ognune téne ‘a crocia suje

(Ognuno ha la sua croce)

(Ognuno ha i suoi problemi)

U scrùpele d’a cucchiara onde

(Lo scrupolo della cucchiaia sporca)

(Chi ha la coscienza sporca, non può ammonire gli altri oppure farsi scrupolo delle piccole cose naturali, non serve a ingannare e a giustificare quelle più importanti)

‘A cuccuuaje: mare a ndò guarde, bbune a ndò se pone

(La civetta: è brutto dove guarda, è un bene dove si appoggia)

(La civetta annuncia guai dove guarda, fortuna dove si posa

Cule pe ndèrre e mmane vacande

(Culo per terra e mani vuote)

(Chi si ritrova completamente povero oppure non ha ricevuto nulla dopo tanti sacrifici)

Quanne u cule sbafe, u mideche sckatte

(Quando il culo scorreggia, il medico schiatta)

(Chi emette aria dall’ano è in buona salute e quindi il medico non guadagna)

Quanne u cule parle, u mideche abbotte

(Quanto il culo si fa sentire, il medico borbotta

Quanne ‘a vocche magne e u cule rènne, ce ne futtime d’i mideche, d’i medecine e di chi i vènne

oppure

Quanne u cule ména vinde, u mideche nn’abbuscke ninde

(Quando la bocca mangia e il culo rende, non ci interessano i medici, le medicine e i farmacisti)

Quanne a fèmmene u cule l’abballe, se nn’è puttene, diavela falle

(Quando la donna dimena il sedere, se non è puttana, considerala demonio)

(Quando la donna dimena il sedere, ti sta provocando)

Pare che u cule i rrobbe ‘a cammise

(Sembra che il culo gli rubi la camicia)

(Chi è talmente avaro che non si fida neanche dei suoi famigliari)

Darasse u cule mije se fréche chi vole

(Distante dal mio sedere, ognuno faccia quello che vuole

Chi cumanne nen sude

(Chi comanda non suda)

(Comandare non è un lavoro faticoso)

cumannà è arta lègge

(Il comando è arte leggera)

(È facile comandare)

Chi cumanne fà lègge

(Chi comanda fa le leggi)

(Gli altri devono eseguire)

Chi vace ch’i male cumbagne, ce pèrde e nge guadagne

(Chi pratica cattive compagnie, ha tutto da perdere e nulla da guadagnare)

I megghje cumbagne, i mègghje petrate

(Dai migliori amici ti puoi aspettare le più dure sassate)

(Spesso le più amare offese si ricevono dai migliori amici)

Luteme a cumbarì fu Gambacorte

(L’ultimo a comparire fu Gambacorta)

Nn’aj’avè cumbassione manghe d’a carna tuja stèsse

(Non devi acer compassione neanche dei tuoi parenti più stretti)

(Non devi aver compassione di nessuno)

È mmègghje èsse nvediade, che cumbatute

(È meglio essere invidiato che compatito)

‘A cumbedènze è ‘a mamme d’a malacrijanze

(La confidenza è madre della malacreanza)

(La troppa confidenza porta alla mancanza di rispetto)

Dope i cumbitte èsscene i defitte

(Dopo il matrimonio vengono fuori i difetti)

Chi tène ‘a cumedetà e nze ne sèrve è ffèsse

(Chi ha la possibilità e non se ne serve,è uno stupido)

Cunde pare e mecìzzeja longhe

(Conti giusti e amicizia lunga)

Cunde spisse e mmecìzzezja longhe

(Controllare spesso i conti comporta una lunga amicizia)

Dì è nu cunde, fà è n’àvete

(Dire è una cosa, farla è un’altra)

Nessciune è cundènde a stu munne

(Nessuno è contento in questo mondo)

Dimme che chi cundratte e te diche chi si’

(Dimmi con chi tratti e ti dirò chi sei)

Cuntadine, scarpe grosse, cerevèlle fine

(Contadino, scarpe grandi, cervello fino)

Cunziglje de vulepe, dammagge de galline

(Al convegno delle volpi, si programma la rovina delle galline)

(Nelle riunioni degli speculatori si programma la rovina della povera gente)

Cunziglje che nne vù’, te ne dénghe quande ne vuje

(Di consigli, di cui non hai bisogno, te ne forniscono quanti ne vuoi)

‘A notte porte cunziglje

(La notte porta consiglio)          

cunziglje che nen se paghene, nz’apprèzzene

(I consigli che non si pagano, non si apprezzano)

(Dei consigli spassionati non si tiene conto)

Cuppe mmane e ffèssa ndèrre

(Soldi in mano e donna comprata)

(Non si fa nulla senza un compenso)

Curatele e ggarzone, u figghje mije face u padrone

(Tra curatolo e garzone, mio figlio fa il padrone

A ndò sime arrevate: ‘a cùreje mmane e purce e i nutare pe cciammaruchèlle

(Dove siamo arrivati: la curia in mano ai porci e i notai per lumachine

(Al posto delle persone competenti ci sono gli ignoranti)

Megghje nu curne che nu currive

(È preferibile un corno che un risentimento)

(È preferibile un diverbio, che un risentimento)

Curpe sazzeje nen créde o ddejune

(Chi è sazio non crede a chi è digiuno)

(Chi sta bene sia in salute che economicamente, non crede a chi è indigente)

Fin’a che l’àneme stace nd’u curpe, i uàje so’ nninde

(Finché l’anima è nel corpo, i guai sono poca cosa)

(Finché c’è vita, i guai sono poca cosa)

Curte nn’arrive e fracete se spèzze

(Corto non arriva e fradicio si spezza (si dice dello spago))

(Chi non sa cosa vuole)

Curte e mmalecavate

(Corto e malizioso)

(Piccolo e furbo)

Pane e ccurtille nze sazzeje u vetille

(Il pane, tagliato con il coltello, non sazia il vitello)

(Mangiando il pane, tagliato a pezzettini con il coltello non ci si sazia)

U prèvete téne ‘a cussciènza néreve cum’a toneche che porte ngulle

(Il prete ha la coscienza nera come la tonaca che indossa

‘A cussciènze è cum’a cavezètte: mò è llarghe e mò è strétte

(La coscienza è come la calza: ora si allarga e ora si stringe)

Cutte o crude, u fuche l’à vviste

(Cotto o crudo, il fuoco l’ha visto)

(Quando si ha fame non si va per il sottile)

Nissciuna case stace sènza cupirchje

(Nessuna casa è senza coperchio)

(In tutte le case si cerca di nascondere i difetti di chi vi abita)