PROVERBI – D

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera

 

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

 

PROVERBIO LUCERINO

(TRADUZIONE LETTERALE)

(SENSO FIGURATO)

 

Nissciune dace ninde pe nninde

(Nessuno dà  qualcosa senza pretendere niente)

(Ognuno cerca il proprio tornacoonto) 

Damme che te dènghe, dice u prujébbeche andiche

(Dammi che ti dò, dice l’antico proverbio)

(Se tu mi dai io ti do)

Vale cchjù cume se dace, che quille che se dace

(Vale più il modo come si dà, che quello che si dà)

(È sempre stato più importante il gesto del dare che non quello che si da)

Chi face i danne e chi chiagne

(Chi procura i danni e chi piange)

(Chi procura i danni e chi ne subisce le conseguenze)

Ddije véde e pruvvéde

(Dio vede e provvede)

(Chi ha fiducia in Dio)

Chi se lagne d’amore de Ddije, fà peccate

(Chi si lamenta dell’amore di Dio, fa peccato)

(Lamentarsi di quello che si ha inquina la nostra vita)

Ddije te scambe da i segnalate suje

(Dio ti protegga da coloro che sono da lui segnati)

(Spesso tra quelli che hanno difetti fisici si trovano spesso dei malvagi che possono nuocere)

Si Ddije nen vole, l’ome nge pote

(Se Dio non vuole, l’uomo non riesce)

(L’uomo è segnato dal limite, dalla debolezza e dal male, senza l’aiuto di Dio)

Si Ddije nen vole, i Sande nge ponne

(Se Dio non vuole, i Santi non possono)

(Se chi sta sulla poltrona più in alto non è ben disposto, c’è assai poco da fare)

Gnune pe ssè e Ddije pe ttutte

(Ognuno faccia per sé e Dio per tutti)

(Dio protegge tutti, ma la responsabilità del nostro bene spetta ad ognuno di noi)

Vune è Ddije e vune è l’àneme

(Uno è Dio e una è la verità)

(Questa è la verità)

Chi nganossce a Ddije nganossce u prosseme

(Chi non conosce Dio non conosce il prossimo)

(Chi non rispetta Dio non rispetta il prossimo)

dìbbete se paghene, i peccate se chiagnene

(I debiti si pagano, i peccati si piangono)

(La soluzione per i debiti è pagarli, mentre il male che si fa prima o poi si deve scontare)

Dibbete e ppeccate se nn’i scunde, so’ scundate

(I debiti e i peccati se non li sconti, sono scontati)

(I debiti e i peccati se non li assolvi tu, li assolveranno i figli o comunque gli eredi)

Vaje fujènne pe ddìbbete e ttruue u scire pe nnanze

(Scappi per i debiti e incontri l’usciere)

(Chi vuole evitare una persona sgradita, se la ritrova davanti)

Chi defètte, suspètte

(Chi ha un difetto, sospetta)

(Chi comette un’azione riprovevole sospetta che lo facciano anche gli altri)

De delore nze more

(Di dolore non si muore)

(È difficile morire per un dolore perché il tempo è un gran dottore)

delore è di chi u téne

(Il dolore è di chi ce l’ha)

(Il dolore è un fatto strettamente personale che non può essere condiviso con altri)

Delure de parte sùbbete se scordene

(I dolori del parto si dimenticano subito)

(Partorire fa male, ma la donna il dolore lo scorda subito)

Denare e ucchje da fore, fatte che èsscene, ntrasene cchjù

(I soldi e gli occhi di fuori (sporgenti), quando sono usciti, non rientrano più)

(Certi comportamenti portano a situazioni irrecuperabili)

Sènza denare nze candene mèsse

(Senza soldi non si cantano messe)

(Tutto dipende dai soldi)

Chi téne denare e ffà denare, s’apparènde che chi vole

(Chi ha soldi e fa soldi, si apparenta con chi vuole)

(Coloro che hanno molti soldi, facilmente realizzano la parentela desiderata)

Denare e ssanghe èsscene a fforze

(I soldi e il sangue si cacciano fuori a forza)

(Ci sono certe situazione in cui nessuno spera di trovarsi mai)

Denare e ccorne nz’accordene

(Denari e corna non si raccontano)

(Denari e corna non si raccontano ma si nascondono)

Fìne che tenime i dinde mmocche, nzapime quille che ci’attocche

(Finché avremo i denti in bocca, non sapremo quello che la vita ci riserva)

(Nessuno sa con certezza il destino che lo attende)

Prime i dinde e po’ i parinde

(Prima i denti e poi i parenti)

(Bisogna preoccuparsi prima di se stessi e poi degli altri, compresi i parenti)

Tenéve i dinde e ntenéve pane, mò ténghe u pane e nténghe i dinde

(Avevo i denti e non avevo il pane, ora ho il pane e non ho i denti)

(Ironia della sorte)

Chi téne dinde, nténe pane e chi tène pane nténe dinde

(Chi ha i denti non ha il pane e chi ha il pane non ha i denti)

(Le ingiustizie della vita: chi ha la possibilità rifiuta e chi non ce l’ha la vorrebbe!)

designe d’u puurille nne rrijèsscene maje

(I progetti del poveretto non si avverano mai)

(I progetti del povero cristo non si realizzano mai)

designe de Ddije nn’i sape nissciune

(I progetti di Dio non li conosce nessuno)

(Solo Dio conosce tutto quello che succederà e ha un disegno per ognuno di noi)

designe che se fanne nn’arreèsscene maje

(I progetti che si fanno non si realizzano mai)

(Potremmo spesso realizzare i nostri sogni ma non abbiamo la costanza di farlo)

Chi desprèzza, combre

(Chi disprezza, compra)

(Spesso si disprezza per ottenere dei vantaggi nel successivo acquisto)

destine è ccume t’u faje

(Il destino è come lo costruisci)

(Siamo noi a costruire il nostro destino)

Chi troppe se devassce, u cule demostre

(Chi si abbassa troppo, mostra il sedere)

(Chi si umilia troppo, rischia di perdere la propria dignità)

ddì è arta lègge

(A dire è arte leggera)

(Si fa presto a parlare)

Chi u dice nn’u face e chi u face nn’u dice

(Chi lo dice non lo fa e chi lo fa non lo dice)

(Ci sono certe situazioni che sono inevitabili)

Ditte pe dditte s’arrive a ccase diavele

(Parlando parlando si finisce all’inferno)

(Parlando parlando si finisce per dire cose sconvenienti e cattive)

Chi a dice cotte e chi a dice crude

(Chi la dice cotta e chi la dice cruda)

(Ognuno racconta il fatto a modo suo)

Parlanne d’u diavele, spondene i corne

(Parlando del diavolo, spuntano le corna)

(Quando una persona menzionata, subito appare)

Quanne u diavele t’accarèzze, vole l’àneme

(Quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima)

(Quando le persone ti adulano, cercano qualcosa)

Stucche e petture u diavele nn’appure

(Con lo stucco e la pittura il diavolo non scopre il vero)

(Una donna che si trucca, nasconde i suoi difetti)

diavele nn’è ccussì bbrutte cùme se dice

(Il diavolo non è così brutto come si dice)

(Non sempre la brutta nomea corrisponde al vero)

diavele face i pegnate, no i cupirchje

(Il diavolo fa le pentole, non i coperchi)

(Le cattive azioni prima o poi si scoprono)

Tu sparagne e u diavele magne

(Tu risparmi e il diavolo mangia)

(Dove c’è ricchezza c’è sempre qualcuno che se vuole impossessare)

diavele è tendatore

(Il diavolo è tentatore)

(Cercare di indurre in tentazione una persona)

Sènza diavele nze vace a ccase diavele

(Senza peccato non si va all’inferno)

(Se non c’è tentazione non c’è peccato)

dite d’a mane nzò ttutte suzze

(Le dita della mano non sono tutte uguali)

(Si allude alle differenze che esistono tra gli uomini, tra i figli, ecc.)

doce piace a ttutte

(Il dolce piace a tutti)

(Tutti desiderano le cose buone)

Quanne u dritte ngondre u fèsse, l’affare è ffatte

(Quando l’astuto incontra l’ingenuo, l’affare è concluso)

(Quando un furbo ha a che fare con uno sprovveduto, l’affare è concluso)

Ognune è ddritte a casa suje

(Ognuno è infallibile in casa sua)

(Ognuno a casa propria è libero di fare ciò che vuole)

Nge stà dduje sènza trè

(Non c’è due senza tre)

(Se una cosa si è già verificata due volte è facile che si verifichi anche una terza)

Se dduje se vonne, cinde nge ponne

(Se due giovani si vogliono, cento persone non riusciranno a impedire il matrimonio)

(Quando due giovani si amano, nessuno riesce a separarli)

Dole a dole

(Duole a chi duole)

(Il vero dolore è della persona che lo sente)

I figghje dolene

(I figli dolgono)

(Ciò che accade di negativo ai figli addolora molto i genitori)

dolene i figghje

(Gli dolgono i figli)

(Si addolora per la sorte dei figli)

Angore nn’e nnate e già se chiame Dunate

(Non è ancora nato è già si chiama Donato)

(Si dice di un giovane presuntuoso che vuole dimostrare la personalità oppure di cosa che è ancora in fase di realizzazione e già si considera fatta)

A case zì Dunate, chi zuppe e chi cecate

(Nella casa di zio Donato, chi è zoppo e chi è cieco)

(In quella famiglia prevalgono gli egoismi personali)

Chi la dure, la vènge

(Chi insiste, vince)

(La tenacia da sempre buoni frutti)

Rrobba arrubbate, poca durate

(La roba rubata ha poca durata)

(La roba rubata dura poco o poco giova)

Chi dorme, nen pècche

(Chi dorme, non fa peccati)

(Chi dorme, non commette cattive azioni)

Nne dorme a notte pe ffrecà o jurne

(Non dorme di notte per rubare il giorno)

(Il malfattore di notte prepara le malefatte per il giorno seguente)

‘A galline face l’ove e o galle i dusscke u cule

(La gallina fa l’uovo e al gallo prude il culo)

(Persona che si dimostra contrariata, senza motivo, per il comportamento o le azioni di altri)