PROVERBI – F

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera

 

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

PROVERBIO LUCERINO

(TRADUZIONE LETTERALE)

(SIGNIFICATO FIGURATIVO)

 

Chi ne face vune, neface cìnde

(Chi ne fa una, ne fa cento)

(Chi è capace di compiere una sola azione malvagia, ne può fare tante)

Chi cìnde ne face, une n’aspette

(Chi fa cento azioni cattive, almeno una contro di se deve aspettarsela)

Quille che nze face, nze sape

(Quello che non si fa, non si sa)

(Solo quello che non viene fatto non si può sapere, tutto il resto prima o poi viene a sapersi)

Vedè , sapè 

(Veder fare, saper fare)

(Imitare i grandi s’impara a fare)

Amme fatte cum’e qquille de quille: chi stéve da fore, s’e ttruuate da dìnde

(Abbiamo fatto come il tal dei tali: chi stava fuori, si è trovato dentro)

(Molte volte, con il nostro comportamento conseguiamo esiti non voluti)

Cume fai, sì ffatte

(Ciò che fai, ti faranno)

(Come tratti, sarai trattato)

Chi téne facce s’ammarite e chi no réste zite

(Chi è intraprendente trova marito e chi no resta nubile)

(La timidezza, spesso, è un ostacolo nei rapporti con gli altri)

Face ‘na facce da nanze e vune da réte

(Mostra una faccia davanti e una di dietro)

(Persona dal doppio atteggiamento o comportamento)

Facce sènza chelore: o fàveze o tradetore

(Chi ha la faccia senza alcun colore: o è falso o è traditore)

Chi nténe facce, nténe nase

(Chi non ha faccia, non ha naso)

(Chi non ha dignità, non ha garbo)

Tu ntìne facce e ije ntènghe crijanze

(Tu non hai riguardo e io non ho rispetto)

Nissciune dice: lavet’a facce ca pare cchjù bbèlle de me

(Nessuno dice: lavati la faccia che diventerai più bello di me)

Che ssime sope a sta facce de tèrre!

(Cosa siamo a questo mondo!

Vuna facce, vuna razze

(Lo stesso volto, la stessa indole)

‘A fame è ‘na bbrutta bbésteje

(La fame è una brutta bestia)

‘A fame face asscì u lupe d’o vosche

(La fame fa uscire il lupo dal bosco)

(La necessità spinge ad insolite e temerarie azioni)

Quanne u lupe èssce d’o vosche è ssègne che téne fame

(Quando il lupo esce dal bosco,è segno che ha fame)

Nissciune è mmurte de fame

(Nessuno è morto di fame)

‘A fame nganossce raggione

(La fame non ammette ragioni)

‘A fame rombe ‘a lègge

(La fame spezza la legge)

(Di fronte alla fame non vale la legge)

‘A farine ‘u diavele fenèssce a ccanigghje

(La farina del diavolo finisce in crusca)

(Tutto ciò che fa il diavolo è rivolto al male

Nen zule vole ‘a farine, ma a vace truuanne fine

(Non solo chiede la farina, ma la vuole fine)

(Non solo chiede il favore, ma vuole che sia fatto secondo il proprio desiderio)

Face tutt’èreve nu fassce

(Fa diu tutte le erbe un fascio)

(Giudica tutti alla stessa maniera)

Fatighe e ffaje da sule, fà pure ‘na mesure

(Lavora e fai da solo, anche se fai una misura)

(Poco, ma fai da solo perché sarà tutto tuo e non dovrai dividerlo con nessuno)

Chi nfatighe, nne magne

(Chi non lavora non mangia)

Chi troppe fategaje, nda nu sacche se truuaje

(Chi lavorò molto, alla fine si trovò in un sacco)

Chi negozzia cambe e chi fatiga more

(Chi pratica il commercio guadagna e vive bene, chi vive del lavoro stenta)

Pe chi vole fategà, Mèrec’a qquà, mèrec’a llà

(Per chi vuole lavorare, l’America la trova sia qui che là)

Chi fatighe e chi magne

(Chi lavora e chi mangia)

(Gli sfaticati pensano solo a mangiare e non a lavorare)

Chi fatighe magne e chi nen fatighe magne e vvéve

(Chi lavora mangia e chi non lavora mangia e beve)

(Talvolta chi non lavora si soddisfa di più di chi lavora)

 

P’a corte e p’a longhe se fatighe

(Per le cause corte e per quelle lunghe si lavora)

(A volte si lavora per pagare le spese del tribunale (evitare i processi))

‘A fatighe che te rengressce, falle apprime

(Il lavoro che ti pesa, eseguilo prima)

fatte che nze fanne, nze sanne

(I fatti che non si fanno, non si sanno)

(Tutto ciò che si fa, prima o poi si viene a sapere)

S’i fatte se sapèssere, nissciune murarrije accise

(Se le cose si sapessero, nessuno morirebbe ucciso)

Fatte i fatta tuje e ttruve a chi ti face fa

(Fatti gli affari tuoi e cerca chi te li fa fare)

(Non sempre si è liberi di agire per proprio conto)

Ognune sape i fatte suje

(Ognuno conosce i fatti propri)

Chi se face i fatta suje, cambe cìnde e n’anne

(Chi pensa solo ai propri affari, vive più di cento anni)

Chi dice i fatta suje ammizz’a chiazze, chi s’a rire e chi se sullazze

(Chi rivela i suoi segreti in piazza, finisce per provocare il riso e il divertimento degli altri)

Sand’Antoneje, favecia tonne

(A S. Antonio (13 giugno) falce tonda)

(A S. Antonio (13 giugno) si comincia ad usare la falce adatta alla mietitura)

O male metetore nissciuna favece è bbona

(Al mietitore sfaticato nessuna falce va bene)

Febbrare, curte e amare

(Febbraio corto e amaro)

Febbraje curte curte, o lu mèggje o lu pègge de tutte

(Il corto Febbraio o il migliore o il peggiore di tutti i mesi)

L’acque de febbrare jénghe u panare

(L’acqua di febbraio riempie il paniere)

(La pioggia di fabbraio favorisce un buon raccolto)

Febbrare nissciun’ore è ppare

(Nel mese di febbraio ogni ora è diversa dall’altra)

(Perché le giornate cominciano ad allungarsi)

Frebbrare, notte e jjurne è ppare

(Nel mese di febbraio le ore di luce e le ore di buio sono pari)

Fedarese è bbune, nen fedarese è mmègghje

(Fidrsi è bene, non fidarsi è meglio

Chi se fide in Ddije, nen pèrda maje

(Chi ha fiducia in dio, non perde mai)

Fidete cchjù de ‘na carne de galère e nno de nu bbezzuche

(Fidati più di un uomo che è stato in galera che di un uomo o di una donna bizzoca)

Chi pigghje a ffelà, dace a ffelà

(Chi prende a filare, dà da filare)

Chi vole felàfile pure c’u tacchere

(Chi ha intenzione di filare, fila anche con il bastone)

(Chi ha intenzione dl lavorare, fa qualsiasi lavoro)

‘A galline à gabbate ‘a fèmmene  e ‘a fèmmene à gabbate u diavele

(La gallina ha ingannato la donna e la donna ha ingannato il diavolo)

‘Na fèmmene e ‘na papere arrebbellajene Napule

(Una donna e un’oca scompigliarono Napoli)

(La donna è chiassosa come l’oca, che starnazza)

‘A fèmmene dope quarand’anne l’è jettà a mmare che tutte li panne

(La donna che ha già quarant’anni la devi gettare nel mare vestita)

(La donna che ha già quarant’anni non ha più le attrattive giovanili)

fèmmene se culecarrijene pure p’i ciucce, nn’u fanne pe ppaure che se strazzene i lenzole

(Le donne andrebbero a letto anche con gli asini, ma non lo fanno perché temono che si strappino le lenzuola)

(Le donne andrebbero a letto anche per un futile motivo, non perché ci tengono all’onore)

fèmmene ténene i capille lunghe e ‘a cerevella corte

(Le donne hanno i capelli lunghi e il cervello corto)

Chi téne fèmmene, tène mascule e fèmmene

(Chi ha le figlie femmine, ha maschi e femmine)

(Chi ha le figlie femmine, queste sposandosi portano in famiglia anche i maschi)

Quanne ‘a fèmmene nen vole, manghe u diavele ce pote

(Quando la donna non vuole, neppure il diavolo può convincerla)

Fèmmena baffute, sèmbe piaciute

(La donna con un accenno di peluria è sempre piaciuta)

‘A fèmmene ne sape vune cchjù d’u diavele

(La donna conosce una più del demonio)

(La donna è più astuta del demonio)

fèmmene ténene sètte spirete cum’e gatte

(Le donne hanno sette spiriti come i gatti)

(Le donne hanno molta vitalità)

Quann’è fèmmen‘e fèmmene, me tènghe a mmamme

(Se si tratta di unirsi a una donna qualsiasi, allora resto a vivere con mia madre)

‘Na fèmmene t’aàveze e ‘na fèmmenet’avassce

(La donna ti esalta e la donna ti rovina o ti disonorsa)

‘Na fèmmene onèste e ggarbate pote stà ammizze a nu reggemènde de suldate

(Una donna onesta e morigerata può stare anche in mezzo a un reggimento di soldati)

‘A fèmmene è cum’a castagne: bbèlle da fore e dìnde ch’i magagne

(La donna è come la castagna: bella fuori, ma dentro con i difetti)

Fèmmena bbèlle e ppulite, sènza dote se marite

(Donna bella e pulita, anche senza dote, trova marito)

‘A fèmmene pe èsse bbèlle, ci’adda nassce

(La donna per essere bella, deve nascere con la bellezza)

Ndecènne i fatta tuje a fèmmene, nde facènne cumbare ch’i sbirre, nde crescènne figghje de puttane

(Non parlare delle tue cose con le donne, non farti compare con gli sbirri, non allevare i figli delle puttane)

‘A fèmmene è mmesale de tavele; ognune se pulizze

(La donna è come la tovaglia della tavola: ognuno vi si pulisce)

‘A fèmmene ggnurande u vace decènne a tutte quande

(La donna ignorante si rivela a tutti)

Trè ffèmmene e ‘na pegnate fanne anzime nu mercate

(Tre donne e una pignata formano un mercato)

‘A fèmmene nd’a case a ffategà vale tanda ore quante pote pesà

(La donna che lavora in casa vale tanto oro quanto è il suo peso)

‘A fèmmene p’amore de l’ome devènde matte, l’ome p’amore d’a fèmmene devènde fèsse

(La donna per amore dell’uomo diventa folle, l’uomo per amore della donna diventa fesso)

Fèmmene a’ fenéstre, poca menéstre

(Se la donna passa il tempo alla finestra, sarà scarsa la cucina)

Fèmmene e téle nze guardene a llume de cannéle

(La donna e la tela non si osservano con la luce della candela)

(La donna e la tela si devono osservare in piena luce)

ferlìzze annanze e i sègge arréte

(Gli sgabelli davanti e le sedie dietro)

(Non sempre i migliori occupano i primi posti)

Chi se fèrme, è pperdute

(Chi si ferma, è perduto)

Puzza gode ‘a gloreje ‘i ferrare

(Possa godere la gloria dei fabbri)

(Possa tu godere il fuoco dell’inferno)

Allègre i ferrare che tèrra rossce ànne truuate

(Sono contenti i fabbri che hanno trovato la terra rossa)

(Sono contenti i fabbri che hanno trovato la terra rossa da cui si ricava il borace, utile per la saldatura dei metalli)

Sposa bbagnate, sposa fertunate

(La sposa bagnata dalla pioggia, è sposa fortunata)

Quanne ‘a fertune vole, ‘a casa a trove

(Se la fortuna vuole, la casa la trova)

(È inutile inseguire la fortuna, perché, se vuole viene da sola)

Ce vole fertune pure a ccacà

(Ci vuole fortuna pure a cacare)

(Lo sfortunato incontra ostacoli, in ogni momento, pure a fare la cosa più naturale del mondo)

Ntènghe fertune manghe a ccacà

(Non sono fortunato neppure a cacare(

(Vengo sempre disturbato)

‘A fertune nz’accatte

(La fortuna non si compra)

Tènghe ‘a fertune u pover’ome

(Ho la fortuna del poveruomo)

(Esclamazione di chi è povero e perde quel poco che ha)

Téne ‘a fertune apezzecate ngule

(Ha la fortuna legata al sedere)

(Chi è molto sfortunato)

‘A fertuna mije stace nd’u puzze

(La mia fortuna è nel pozzo)

(La mia fortuna è in un posto inaccessibile)

‘A fertune vole, ‘a sorte no

(La fortuna è favorevole, ma il destino no

Chi cagne pajése, cagne fertune

(Chi cambia paese, cambia fortuna)

(Per avere miglior fortuna a volte è opportuno cambiare paese)

‘A stu munne ce vole fertune

(A questo mondo ci vuole fortuna)

‘A fertune è d’i ggnogne e d’i cannarute

(La buona sorte arride alle trasandate e ai golosi)

Fertune e cazze ngule vijate a chi l’ave

(Felice colui che ha la fortuna e il cazzo nel sedere)

Face u fèsse pe nne jì a guèrre

(Fa lo scemo per non andare in guerra)

(Dice di avere degli handicap, chi non vuole andare in guerra)

Trè jjurne parlene i fèsse

(Tre giorni parlano i fessi)

È mmègghje èsse fèsse che mastre d’assce

(È più conveniente essere ritenuto fesso, che costruttore di carri)

Vùje canossce u fèsse? dalle u cumande

(Vuoi conoscere se una persona è sciocca? dagli un incarico)

fèsse vattene e i bbùne abbusckene

(I fessi danno le botte e i buoni le prendono)

(Gli sciocchi agiscono con irresponsabilità mentre le persone serie non reagiscono)

I funge a rrocchje e i fèsse a ccocchje

(I funghi a gruppi, gli stupidi a coppie)

(Anche gli sciocchi su ritrovano in compagnia, come i funghi)

fèsse stanne a ppane e acque

(Gli inetti vivono di pane e acqua)

(Gli inetti si devono accontentare del minimo e non fanno progressi)

Trè sonne i fèsse: chi téne ‘a préte nd’a scarpe e nz’a léve, chi cache e guarde ‘a mmèrde e chi camine e se guarde arréte

(Tre sono gli scemi: chi ha il sassolino nella scarpa e non lo toglie, chi caca e guarda le feci a chi cammina e guarda indietro)

Nu fèsse te sfèsse

(Uno stupido ti freca)

A pparlà ch’i fèsse è ffijate pèrze

(Parlare ai fessi è fiato sprecato)

fèsse parle sèmbe pe pprime

(Lo sciocco parla sempre per primo)

È ffenute u timbe ‘i fèsse

(È finito il tempo degli ingenui)

fèsse u cambe Criste, u dritte se cambe a ppe isse

(Il fesso è aiutato da Cristo, la persona capace se la deve vedere da solo)

È parlà ch’i fèsse e l’ànna vènge

(Devi discutere con gli stupidi e devono avere ragione)

(In certe occasioni devi dare ragione agli sciocchi)

Nu fèsse o jurne e nu patrune a l’anne

(Un fesso al giorno e un padrone all’anno)

(Due sono le cose da desiderare: trovare ogni giorno un fesso da abbindolare e un padrone che offre lavoro per tutto l’anno)

Sènze d’i fèsse i dritte nen cambene

(Senza dei fessi gli astuti non vivono)

fèsse cambe u dritte

(Il fesso lavora per il furbo)

È mmègghje a ccummatte pe ccìnde dritte e nno pe nu fèsse

(È preferibile discutere con cento persone intelligenti che con uno sciocco)

Fa cume si’ ffatte: nzi cchiamate nné ffèsse, nné matte

(Agisci coerentemente coi tuoi principi e con le tue capacità, così non sarai ritenuto né sciocco, né matto)

Doppe ‘a fèste ‘a tembéste

(Terminata la festa, arriva la tempesta)

(Dopo la festa si presentano i problemi)

Doppe ‘a fèste, sacca vacande e ddelure de tèste

(Dopo la festa tasca vuota e dolore di testa)

Passat’a fèste, gabbate u sande

(Finita la festa, il santo è stato gabbato)

(Si esalta e si venera qualcuno quando ha un potere, dopo lo si dimentica)

Chi manègge, festègge

(Chi amministra, festeggia)

Vace truuanne festine e mmurtecille

(Cerca festini e funerali)

(Chi cerca occasioni per mangiare a sbafo)

fetinde Criste dace ‘a capèzza longhe

(Ai mascalzoni Cristo dà la cavezza lunga)

(I mascalzoni hanno molta libertà di agire perché non hanno scrupoli)

Pe qquande fète s’u magne ‘a tèrre

(Per quanto puzza se lo mangia la terra)

(Per la sua cattiveria, non è cresciuto)

Figghje e mmalanne accorcene l’anne

(I figli e le malattie accorciano la vite)

Ogni ffigghje nate, Ddije l’ajute

(Ogni figlio nato, Dio lo aiuta)

Nu padre cambe a ccìnde figghje, cìndefigghje nen ponne cambà a nu padre

(Un padre riesce a dar da mangiare a cento figli, ma cento figli, non riescono a mettersi d’accordo per sostenere un padre)

Figghje, jinere e nnepute, tutte quille che faje è pperdute

(Tutto quello che fai ai figli, ai generi e ai nipoti è perduto)

(Dai figli, dai generi e dai nipoti è meglio non aspettarsi riconoscenza)

figghje pecceninne so’ cchiuve, i grusse so’ ccendrune

(I figli piccoli sono chiodi, i grandi sono chiodi più grandi)

(Le preoccupazioni che danno i piccoli sono minore di quelle che danno i grandi)

Figghje spusate guaje radduppiate

(Figli sposati guai raddoppiati)

figghje pecceninne so’ ffiure, i grusse so’ ppenzire e so’ ddelure

(I figli piccoli sono fiori, i grandi sono preoccupazioni e dolori)

Crissce figghje, crissce purche, che te unge u musse

(Cresci figli, cresci il porco, che lo uccidi e ti ungi le labbra)

(Dai figli non ottieni niente; è meglio crescere il maiale, che lo ammazzi e te lo mangi)

Figghja nfassce, robba ngassce

(Figlia in fasce e roba in cassa)

(Quando nasce una figlia bisogna subito pensare a prepararle la dote matrimoniale)

Figghje, vigne e ggiardine guardele da i vecine

(I figli, la vigna e il giardino difendili dai vicini)

Da chi nténe figghje, nge jènne nnè ppe ssoldembriste, nnè ppe ccunziglje

(Da chi non ha figli non andare né per chiedere un prestito, né per avere un consiglio)

Figghja fèmmene e mmala nuttate

(Figlia femmina e cattiva nottata)

(La delusione che si provava quando, dopo una lunga veglia notturna trascorsa nell’attesa del nascituro, che si sperava maschio, si constatava, invece, che era una femmina)

figghje mupe u capissce ‘a mamme

(Il figlio muto lo comprende la mamma)

(Dai gesti e dall’espressione la mamma capisce il figlio anche se non parla)

figghje t’aàvezene, i figghje t’avasscene

(I figli ti onorano, i figli ti disonorano)

(I figli sono motivi di gioia e di dolore)

‘A fureje face i figghje cecate

(La fretta fa concepire i figli ciechi)

(Una cattiva educazione produce figli malandrini)

Tale padre, tale figghje

(Tale padre, tale figlio)

(I figli prendono dai padri)

Dimme a chi si’figghje e te saccia a ddì chi si’

(Dimmi di chi dei figlio e ti dirò chi sei)

Chi nténe figghje nen créde

(Chi non ha figli, non crede a quanto dice chi ce li ha)

figghje so’ ggioje e ddelure

(I figli procurano gioie e dispiaceri)

Nfacime chi figghje e chi figghjastre

(Non trattiamo chi come figlio e chi come figliastro)

(Monito a trattare tutti alla stessa maniera in famiglia)

figghje nzonne de chi i face, ma de chi s’i gode

(I figli non sono dei genitori che li concepiscono e li formano, ma di coloro che se li godono (mariti o mogli))

Ogn’e ffigghje è ‘na pruvvedènze

(Ogni figlio è una provvidenza)

Ànne fatte ‘na bbèlla fine: ‘a fame, ‘a péste e ‘a carestije

(Hanno fatto una bella fine: la fame, la peste e la carestia)

firre fanne u mastre

(I ferri del mestiere fanno il maestro)

(Gli attrezzi adatti valorizzano l’abilità del maestro)

firre se vatte quann’è ccavede

(Il ferro si batte quando è caldo)

(Sfruttare il momento opportuno)

Remure de furbece e ssènza lane

(Rumori di forbici, ma senza lana)

(Tanto rumore per niente)

Condra ‘a forze ‘a raggione nen vale

(Contro la forza, la ragione non vale)

Quand’è bbrutte affotte nghiazze

(Quanto è brutto a fottere in piazza)

(Non conviene fare o dire certe cose personali in pubblico)

Parle poche e ffréche bbune

(Parla poco, ma imbroglia molto)

Nu pile de frégne vale quand’e ‘na vennègne

(Un pelo di vagina vale quanto una vendemmia)

‘A fresckure è ‘a padrone d’i malefategande

(La frescura è padrona degli scansafatiche)

L’umene danne i mazzate c’a mazze, u Padrètèrne c’a frèvele

(Gli uomini bastonano con la mazza, il Padeterno con la ferula (frustino))

ffronda toste préta pezzute

(Per la fronte dura, ci vuole la pietra aguzza)

(Contro i testardi occorrono mezzi convincenti)

Vicchje e ffrustire stace a llore che vonne dì

(I vecchi e i forestieri sta aloro quello che vogliono dire)

(Ciò che dicono non è verificabile, perché parlano di tempi e di luoghi non conosciuti)

Frutte lu cile e frutte la tèrre

(Produce il cielo e produce la terra)

(Se dal cielo cade la pioggia o la neve, la terra darà abbondanti frutti)

Chi avije u fuche cambaje, chi avije u pane murije

(Chi ebbe il fuoco visse, chi ebbe il pane morì)

(Molte volte torna più utile ciò che si ritiene meno necessario)

Vecine o fuche ce vole u strafuche

(Vicino al fuoco ci vuole il cibo)

fuche è bbune tridece mise a l’anne

(Il fuoco è buono tredici mesi all’anno)

(Il fuoco è sempre necessario)

Lasse fuche ardènde e curre a parturiènde

(Lascia il fuoco acceso e corri dalla partoriente)

Chi vole u fuche se l’adda truuà

(Chi vuole soddisfare un proprio bisogno, deve darsi da fare)

Èsca mbosse e fucile de légne

(Esca bagnata e fucile di legno)

(Due cose inservibili o due persone che non sono capaci di concludere nulla)

Fuje quande vùje che qquà t’aspètte

(Scappa quanto vuoi, che qui ti aspetto)

(Non si può sfuggire al proprio destino)

È ttutte fume e nninde arroste

(È tutto fumo senza arrosto)

(Chi è tutta apparenza senza sostanza)

È ttutte fume nd’a l’ucchje

(È solo fumo negli occhi)

(È solo apparenza)

Assciutte u fume, nzirre ‘a fenéstre

(Uscito il fumo dalla casa, chiudi la finestra)

È rrevate o furnare e s’è arze ‘a pizze

(Quando è il turno del fornaio, si brucia la pizza)

Scanze u fusse e ttrove ‘a lavine

(Evito il fosso, ma trovo la pozzanghera)

(Evito un pericolo, ma incappo in un altro)