PROVERBI – G

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera

 

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

PROVERBIO LUCERINO

(TRADUZIONE LETTERALE)

(SIGNIFICATO FIGURATIVO)

 

Gabbia apèrte, vucilla morte

(Gabbia aperta, uccello morto )

(Chi per distrazione si dimentica di abbottonarsi i pantaloni)

Nd’a case d’u galandome , prima ‘a fèmmene e doppe l’ome

(Nella casa del galantuomo nasce prima la femmina e dopo l’uomo)

Si ‘a fatighe fosse bbone, fategarrije pure u galandome

(Se il lavoro fosse cosa piacevole, lavorerebbe anche l’uomo ozioso)

Tanda vote vace ‘a gallètte abbassce o puzze, fìne che ce rumane

(Tante volte scende il secchio nel pozzo, finchè ci resta)

(È pericoloso insistere in azioni rischiose)

A ndò tanda galle candene, nface maje jurne

(Dove cantano tanti galli, non fa mai giorno)

(Dove parlano o comandano tante persone, non si arriva alla conclusione)

Ci’à ccandate u galle

(Ha cantato il gallo)

(Quando ormai non c’è più rimedio)

‘A galline vécchje face l’ove bbùne e u bbrode mègghje

(La gallina vecchia fa l’uovo buono e il brodo ancora più buono)

‘A galline se spènne doppe morte

(La gallina si spenna dopo che è morta)

(Gli eredi devono aspettare la morte del loro congiunto, per avere l’eredità)

‘A galline che cande, à ffatte l’ove

La gallina che canta ha fatto l’uovo)

Galline che cande, nface maje l’uve

(La gallina che canda non fa mai l’uovo)

(Chi è abituato solo a parlare, non fa i fatti)

‘A gallina cecate a notte respulejéje

(La gallina cieca razzola di notte)

Da garzone devènde padrone

(Da garzone diventa padrone)

(Col suo saper fare il dipendente può subentrare al padrone in dissesto finanziario)

garzune devèndene padrune e i padrune devèndene garzune

(I garzoni diventano padroni e i padroni diventano garzoni)

(La vita spesso favorisce il cambio delle parti)

Da padrone è ddevendate garzone

(Da padrone è diventato garzone)

Quanne ‘a gatte nge stace, u sorece abballe

(Quando la gatta manca, il topo gironzola liberamente)

(Quando manca il padrone o il capo, i dipendenti fanno il loro comodo)

gatte ténene sètte spirete

(I gatti hanno sette spiriti)

(I gatti hanno una straordinaria vitalità)

gatte se séndene, i cane se védene, l’ome nze véde e nze sénde

(I gatti si sentono, i cani si vedono, ma l’uomo non si vede e non si sente)

(Riferito all’accoppiamento)

‘A gatte a despénze cume face accussì pénze

(La gatta della dispensa come fa, così pensa)

(Chi ruba pensa che gli altri agiscono nello stesso modo)

Quanne ‘a gatte mbote arrevà o larde, dice che dace de grangete

(Quando la gatta non può arrivare al lardo, dice che sa di rancido)

(Chi disprezza ciò che non riesce ad ottenere)

I figghje d’i gatte ngappene i surece

(I figli dei gatti acchiappano i topi)

(L’istinto si vede da piccoli)

Che vvuje d’a gatte si ‘a padrone è mmatte

(Che colpa ha la gatta, se la padrona è stupida)

(Se i figli sono maleducati o vagabondi la colpa è dei genitori)

Vace turne turne cum’a gatte quanne se frije u pèssce

(Gira intorno come la gatta quando si frigge il pesce)

(Chi è pronto ad approfittare dell’altrui distrazione)

‘A gatte scamulènde cchiagne e fréche

(La gatta che si lamenta, piange e ruba)

(Chi sta bene inganna gli altri lamentandosi)

‘A gatte zija Marije prime chiagne e doppe rire

(La gatta della zia Maria, prima piange e dopo ride)

(Chi ha l’umore instabile)

Pare ‘a gatte Mastrangele: chiagne e rrire

(Sembra la gatta di Mastrangelo: piange e ride)

(Il bambino che piange senza motivo e ride)

Accatte ‘a gatte nd’o sacche

(Compra la gatta nel sacco)

(Comprare a scatola chiusa)

‘A gatte p’u troppe bbéne se magne i figghje

(La gatta per il troppo bene divora i figli)

(Il troppo amore materno può danneggiare i figli)

‘A gatte quille che vuléve nzunne li jéve

(La gatta sognava quello che desiderava)

(Non bisogna scambiare il desiderio con la realtà)

‘A gatte p’a fureje face i figghje cecate

(La gatta per la fretta partorisce i figli ciechi)

(Non bisogna essere frettolosi nelle opere importanti)

A’ gatta vécchje sorece tenerille

(Alla gatta vecchia topi teneri)

(Le persone anziane devono essere coccolate)

‘A gatte Mendure: se vennije tridece vote

(La gatta di Montuori: fu venduta tredici volte)

(Ragazza promessa sposa a più pretendenti)

Ggènd‘allègre Ddije l’ajute

(Gente allegra Dio l’aiuta)

(L’ottimista viene aiutato da Dio)

Ggènde de mundagne: nge pirde e nge guadagne

(Con la gente di montagna non ci perdi e non ci guadagni)

(I montanari sono piuttosto riservati e parsimoniosi)

‘A ggènde parle

(La gente critica)

Trè jjurne parl’a ggende

(La gente critica per tre giorni)

Chi  vole a (Ggese) Ccriste, su vace a ppregà

(Chi vuole l’aiuto di (Gesù) Cristo, lo vada a pregare in chiesa)

Ggese Criste i face e u diavele i ccocchje

(Cristo li mette al mondo, ma il demonio li unisce)

Ggese Criste nze téne ninde de nissciune

(Cristo non prende niente di nessuno)

(Cristo premia e castiga con giustizia)

(Ggese) Criste u sape e ‘a Madonne u cconde

(Gesù lo sa e la madonna lo racconta)

(Non rivelare il segreto)

Nu gghjommere nen fà téle

(Un gomitolo non è sufficiente a realizzare una tela) 

Quanne si’ ggiovene cumbarissce c’a carne, quanne si vécchje t’è ggiustà ch’i panne

(Quando sei giovane fai figura col fisico, quando diventi vecchio ti devi acconciare con gli abiti)

Ggiugne, favece mbugne

(Giugno, con la falce in pugno)

(A giugno si miete)

Ggiugne, favecia chjéne

(A giugno la falce è piena)

(A giugno la falce è piena di messi da tagliare)

Quille ch’è ggiuste, è ggiuste

(Quello che è giusto, è giusto)

‘A goccia cundinuue spacche ‘a préte

(La goccia continua spacca la pietra)

grane è cum’a fèmmene

(Il grano è come la donna)

(Quando la donna ha le doglie è arrivato il momento che deve partorire)

Va mite che u grane è scutte

(Vai a mietere che il grano è già maturo)

(Non perdere tempo che sei in ritardo col tuo dovere)

Grane ndèrre, padrone alèrte

(Se le spighe pendono verso terra, il proprietario è in piedi)

(Se le spighe pendono verso terra, il raccolto è buono)

Dopp’a grassce véne ‘a caresije

(Dopo l’abbondanza viene la carestia)

‘A grassce è ppègge d’a carestije

(L’abbondanza è peggiore della carestia)

(L’abbondanza produce negli uomini comportamenti più dannosi della carestia)

‘A grassce è ppure malamènde

(La grascia è pure dannosa)

Quanne te véne u vulije, grattete ngule

(Quando hai la voglia, grattati il sedere)

(Rivolto alle donne incinte, perché sul sedere la voglia non è visibile)

‘A grazzeje de Ddije nne manga maje

(La provvidenza del Signore non manca mai)

Palma mbosse, grégna grosse

(Se il giorno delle Palme piove, le spighe si riempiranno e si farà un buon raccolto

Arretirète grille ch’a restocce è nfucate

(Vai via grillo, perché le stoppie sono infuocate)

È ppecceninne e face ‘a cacca grosse

(È piccolo, ma fa la cacca grande)

(È piccolo, ma fa le cose da grande)

Guadagne a spaccà préte e s’i fréche ch’i cumbagne

(Guadagna a spaccare le pietre, ma scialacqua coi compagni)

(Chi guadagna i soldi lavorando duramente, ma li spende per divertirsi coi compagni)

Bbona (g)uange e mmale péde

(Buona guancia e cattivo piede)

(Buona forchetta, ma pessimo lavoratore)

guardapasse a ndò t’arrive, te lasse

(Il guardapassi dove ti raggiunge, là ti lascia per il suo morso velenoso)

Se vvune nne mmore, l’àvete nen gode

(Se l’uno non muore, l’altro non gode)

(Si riferisce all’eredità)

Guèrre e ppéste, vijate a chi rèste

(Con la guerra e con la peste, beato chi sopravvive)

Ndò stà gguste, nge stà pperdènze

(Nelle cose in cui si trova piacere, non si perde nulla)

(Si dice di cose che piacciono, anche se sono costose)

Magne e vvive a gguste tuje e vvistete a gguste de l’àvete

(Mangia e bevi secondo il tuo piacere e vestiti secondo il giudizio degli altri)

Pe nu mumènde de guste, cind’anne de patemènde

(Per un attimo di piacere, cento anni di sofferenze)