PROVERBI – J

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera

 

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

 

PROVERBIO LUCERINO

(TRADUZIONE LETTERALE)

(SIGNIFICATO FIGURATIVO)

 

Si è de razze, torn’o jazze

(Se è  pecora di razza, ritorna all’ovile)

(Buon sangue non mente)

Chjighe jenghetille quann’éje tenerille

(Ammansisci il vitellino, quando è ancora piccolo)

(Frena  la vivacità dei bambini quando sono piccoli)

Jennare sicche, massare ricche

(Gennaio asciutto, massaio ricco)

(Se il mese di gennaio sarà secco, asciutto, il pastore farà guadagno con gli abbondanti pascoli)

Jennare; fridde e ffame

(Gennaio: freddo e fame)

(Naturalmente per i poveri)

Quanne se jètte ‘a carne, se jètte pure u bbrode

(Quando si getta la carne, si getta anche il brodo)

(Quando si interrompe un rapporto di amicizia, o di parentela, lo si deve interrompere con tutti i parenti, collaterali, ecc.)

Dimme che chi vaje e te saccia a ddì chi si’

(Dimmi con chi vai e ti saprò dire chi sei)

Jinere, nore e nnepute, tutte quille che faje è pperdute

(Tutto ciò che fai per i generi, nuore e nipoti va perduto)

(Non c’è riconoscenza e gratitudine)

Jucatore e ccarta bbone

(Al giocatore va la carta buona)

(La fortuna a chi la merita)

juche è bbèlle, quanne dure poche

(Il gioco è piacevole, quando dura poco)

Juche de chiazze e ttrivele de case

(Uomo allegro in piazza e scontroso in casa)

(Uomo allegro con gli amici  e scontroso in casa soprattutto con la moglie o con i figli)

Ndecènne male d’a jurnate, se nn’è ffatte notte

(Non dire male della giornata, se non arriva notte)

(Non fare previsioni affrettate. Bisogna sperare fino all’ultimo)

È mègghje cambà nu jurne da lione che cìnde da pècure

(È meglio vivere un giorno da leoni che cento da pecora)

Pigghjete u bbùne jurne quanne véne, che u triste nen manghe maje

(Goditi il giorno favorevole quando capita, che quello brutto non manca mai)

Fréche i jurne a Ccriste e i solde o guuérne

(Ruba i giorni a Cristo e i soldi al Governo)

(Chi non lavora e vive a spese dello Stato)