PROVERBI – L

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera

 

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

PROVERBIO LUCERINO

(TRADUZIONE LETTERALE)

(SIGNIFICATO FIGURATIVO)

 

Laghe a ccurte, acque a llunghe;laghe a llunghe, acque a ccurte

(Alone stretto della luna, pioggia lontana; alone ampio, pioggia vicina)

làjeche mije so’ ddevendate munece

(I miei laici sono diventati monaci)

(Persone che acquistano autorità senza meriti e senza capacità)

Ogne llassate è pperdute

(Ogni cosa lasciata è persa)

(Ogni occasione non sfruttata è perduta)

Chi lave ‘a cape o ciucce, pèrde ‘a raggione e u sapone

(Chi lava la testa all’asino perde la ragione e il sapone)

(È inutile tentare di far capire le cose a chi non è capace di capire)

lébbre nze salve d’o cane, pecché, quanne fuje, face zig-zaghe

(La lepre non si salva dal cane, perché corre zigzagando)

P’avè nu lébbre, sparele e cosse

(Per avere una lepre, sparagli alle zampe)

Chi sape lègge,lègge sturte e ddritte

(Chi sa leggere, legge alla dritta e alla rovescia)

Condra ‘a lègge ‘a raggione nen pote

(Contro la legge la ragione non serve)

Ogni llégne téne u fume suje

(Ogni legno emana il suo fumo caratteristico)

(Ogni uomo ha la sua indole)

Da stu légne se fanne sti zucchele

(Da questo legno si possono fare questi zoccoli)

(Da questa famiglia discendono i figli)

Sènza lemosène nze candene mèsse

(Senza l’elemosina non si dicono messe)

(Le messe vanno pagate)

Chi téne lénghe, vace nzardègne

(Chi ha lingua va in Sardegna)

(Chi è intraprendente arriva lontano)

‘A lénghe

 parle, ‘a trippa abbuscke

(La lingua parla, la pancia subisce)

(Chi parla troppo o a sproposito, si espone e paga le conseguenze)

‘A lénghe nténe usse, ma rombe l’usse

(La lingua non ha osso, ma rompe l’osso)

(Le parole possono far molto male alle persone)

Fà male cchjù ‘a lénghe che u curtille

(Procura danni più la lingua che il coltello)

(Fanno male più le maldicenze che una pugnalata)

Chi litiga, vènge

(Chi contende, ottiene)

(Chi insiste, raggiunge lo scopo)

Stu vinde éje levande e ffréche a tutte quande

(Questo vento è di levante è da fastidio a tutti)

Sop’u murte se cande ‘a libbre

(Sul morto si canta la libera)

(Il libera nos Domine si recita sul morto, non prima)

U male véne a llibbre llibbre e se ne vace a onza a onze

(Il male arriva a libbra a libbra e scompare a onza a onza)

(Il male arriva in quantità piuttosto abbondante, e se ne va lentamente)

A pparlà è arta lègge

(A parlare è arte leggera)

(È facile parlare)

Se so’ accucchjate ‘a lime e ‘a raspe

(Si trovano insieme la lima e la raspa)

(Due persone che non vanno d’accordo, perciò litigano, polemizzano o si odiano)

A sére tanda liune, a matine tanda chegghjune

(La sera tanti leoni, la mattina tanti coglioni)

Cume te faje u litte, te culeche

(Nel letto che ti sei preparato, ti corichi)

(Il futuro sarà quello che ti vai preparando)

litte se chiame rose, chi nne ddorme, repose

(Il letto si chiama rosa, chi non dorme, riposa)

Quille nne mmore a litte

(Quello non morirà nel letto)

(Detto del delinquente, che rischia di morire ammazzato)

Luna chjéne fèmmena préne

(Luna piena, donna incinta)

Tu a saje longhe, ma nn’a saje accundà

(Tu la sai lunga, ma non sai raccontarla)

(Sei molto furbo, ma non la dai a bere)

Chi lunghe se vède, curte se trove

(Chi si vede lungo, corto si trova)

(Chi si esalta, sarà umiliato)

lupe pèrde/cagne u pile, ma nno u vizzeje

(Il lupo cambia il pelo, ma non il vizio)

Ànne misse u lupe pe pecurare!

(Hanno messo il lupo a guardia delle pecore)

lupe nze magne a n’atu lupe

(Il lupo non divora un altro lupo)

Angore nen vide u lupe e ggià te mitte a paure?

(Ancora non incontri il lupo e già ne hai paura?)

(Chi teme di fare una cosa, di cui non ha esatta cognizione)

À mmisse ‘a carne mmocche o lupe

(Ha messo la carne in bocca al lupo)

(Esporre troppo facilmente al pericolo)

Quanne maje u lupe à ffatte bbéne a pécure?

(Quando mai il lupo ha fatto del bene alla pecora?)

Live e nge mitte, vaje a vvedè e nge ne truve

(Se togli e non rifondi, quando vai a controllare non ne trovi)

Luuà ‘a fafe da mmocche a l’urze

(Togliere la fava dalla bocca dell’orso)

(Operazione impossibile, così come aspettarsi qualcosa dall’avaro)