PROVERBI – M

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera

 

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

 

DA COMPLETARE

PROVERBIO LUCERINO

(TRADUZIONE LETTERALE)

(SIGNIFICATO FIGURATIVO)

 

A jjurne se vèdene i macchje

(Con la luce del giorno si scoprono le macchie)

(Con la luce prima o poi si scoprono le malefatte)

Chi u pane vole magnà, nd’u macenille adda ggerà

(Chi vuole mangiare il pane, deve girare il macinino)

(Chi vuole mangiare il pane, deve lavorare sodo)

Criste i face e ‘a Madonne i ccocchje

(Cristo li crea e la Madonna li unisce)

‘A Madonne véde e ppruvvéde

(La Madonna vede e provvede)                   

Sòtte a nu bbùnemaéstre èssce nu bbùne desscìpele

(Sotto un bravo maestro esce un buon discepolo)                          

mmagge arragghjene i ciucce

(A maggio ragliano gli asini)                        

Magge, adagge adagge

(A maggio, vai adagio adagio)

(Sii prudente nel cambio del vestimento)

Ce vole magge e bbrile

(Occorre il mese di maggio e di aprile)

(Per concludere l’operazione, occorre ancora tempo)

Chi magne gallucce e chi ggnotte veléne

(Chi mangia galletti e chi ingoia amarezza)                                       

Chi magne i méle e chi se àreghe i dinde

(Chi mangia le mele e chi sente l’asprezza ai denti)

(Quando qualcuno subisce le conseguenze negative del progresso di un altro)

mmagnà se prove guste, a ppagà véne ‘a suste

(A mangiare si prova gusto, a pagare si prova rabbia)                   

Chi magne e vvève, pure more

(Chi mangia e beve, pure muore)               

Magn‘e ccache, che te faje pape

(Mangia e cachi, che ti fai papa)

(Prendere in giro chi sta bene in salute)

Quanne se magne, se cummatte pe Ssanbijase

(Quando si mangia si ha a che fare con San Biagio (protettore della gola))         

Magne e ssude, fatighe e ttréme

(Quando mangia suda, lavora e trema)

(Quando mangia suda perché mangia con avidità, lavora e trema perché è sfaticato)

Nne mmagne pe nen cacà

(Non mangia per non cagare)

(Detto dell’avaro)

Magne e ffà magnà

(Mangia e fai mangiare)

(Vivi e lascia vivere)

Magne grazzije de Ddije e cache sajètte

(Mangia la grazia di Dio, ma caga saette)

(Detto degli ipocriti, ovvero dei bigotti che si comunicano, ma poi calunniano.)

(Persona che riceve buoni esempi, ma si comporta male)

Magne, ch’è èsse magnate

(Mangia, che sarai mangiato (dai vermi, dopo la morte))              

Quanne se magne, nze parle

(Mentre si mangia, non si parla)                 

Magne quanne tìne fame e vvive quanne tìne séte

(Mangia quando hai fame e bevi quando hai sete)

(Bisogna comportarsi con regolarità)

Chi fatighe e chi magne

(Chi lavora e chi mangia a sbafo)               

A ndò magnene duje,magnene trè

(Dove mangiano due persone, possono mangiare anche tre)       

Quanne te cride ch’è magnà, staje addejune

(Quando credi che potrai mangiare, resti digiuno, anche il contrario)        

Quanne te cride ch’è stà addejune, magne e vvive

(Quando credi che resterai digiuno, mangi e bevi)

(Non sempre l’aspettativa corrisponde alla realtà)

Sime frate e ssore quanne magname nd’u stèsse piatte

(Siamo fratelli e sorelle quando mangiamo nello stesso piatto)    

Magne e se ne scorde

(Mangia e se ne dimentica)

(Riceve il favore e dimentica la riconoscenza) 

O te magne sta menéstre o te jitte p’a fenèstre

(O mangi questa minestra, o ti getti dalla finestra)                        

Magne a Ffasule e vvéve a Ccandelare

(Mangia a Fagiolo (località immaginaria) e beve a Candelaro (località lontana))

(Si dice di chi non ha casa fissa) 

Chi magne sule se ndrozze

(Chi mangia da solo (senza invitare i presenti) si strozza)            

Chi téne che magnà, nenn’ave a che penzà

(Chi ha da mangiare, non ha cosa a cui pensare)               

Mègghje tarde che maje

(Meglio tardi che mai)                                   

‘A malacrijanze è de chi a fà, no de chi a recève

(La malacreanza è di chi la fa, non di chi la riceve)

(La scortesia è di chi la commette, non di chi la riceve) 

P’u malamènde patissce u bbùne

(Per il cattivo soffre il buono)                      

malandrine morene apprime

(I malandrini muoiono prima)                     

Tarde u malanne e mmale a chi l’aspètte

(Ritarda il malanno, ma guai a chi lo riceve)                                     

Ogni mmalanne adda durà n’anne

(Ogni malanno deve durareun anno)

(La calamità fa sentire i suoi effetti per tutto l’anno) 

Mare a chi téne ‘na bbrutta (mala)nnummenate

(Guai a chi è accompagnato da una cattiva nomea)                        

malatije vénene a ccavalle e se ne vanne a ppide

(Le malattie vengono a cavallo (con una certa celerità) e se ne vanno a piedi (lentamente))   

malaùreje u tine sèmbe annanze

(Il malaugurio ce l’hai sempre davanti (è sempre con te))            

Male nen ffà e ppaure nn’avè

oppure

Chi male nen face, paure nne nn’ave

(Non fare del male e non avrai paura)

(Chi si comporta onestamente, non ha nulla da temere) 

Chi vole u male de l’àvete, u suje stace arréte a porte

(Chi desidera il male altrui, deve sapere che il suo ce l’ha nascosto dietro la porta)      

Chi male face, male aspètte

(Chi fa del male, si aspetti di ricevere del male)                              

Nfà male ch’è ppeccate, nfà bbène ch’è sprecate

(Non fare del male perché è peccato, non fare del bene perché è sprecato)        

Pinz’a mmale che t’arriessce bbùne

(Pensa che ti possa andare male, così ti riuscirà bene)

(Talora l’ingiustificato ottimismo può deludere, perciò e meglio prevenire) 

Chi male pénze, male fa

(Chi pensa il male, fa il male)                      

Ndò è mmale stà, è mmègghje a scasà

(Da dove si sta male, conviene andare via)                                      

D’o malepagatore ssciuppe quille che puje

(Dal malpagatore prendi quello che puoi)                                         

malepasse a ndò u truve

(La disgrazia è là dove la trovi e non la puoi evitare)

(Il male lo puoi mtrovare dovunque) 

‘A maléreve nne mmore maje

(L’erba cattiva non muore, non si distrugge mai)                            

Nu fassce de maléreve bbaste pe ccinde cavalle

(Un fascio di malerba basta a cento cavalli)                                     

Se lave c’u maletimbe, se spanne c’u bbondimbe

(Si fa il bucato quando c’è maltempo, ma lo si mette ad asciugare col buon tempo)     

‘A màleve da ogn’e mmale te salve

(La malva ti salva da ogni malanno)

(Il decotto di malva è buono contro ogni malattia) 

Tande adda durà u malevicine, quanda ‘a néve marzine

(Il cattivo vicino deve durare quanto la neve di marzo (poco))    

Chi téne u malevicine, u téne sére e mmatine

(Chi ha un cattivo vicino, ce l’ha dalla sera alla mattina)

(Del cattivo vicino non ti puoi liberare) 

D’è mamme pulite, aèsscene i figghje gnogne

(Spesso dalle mamme che ci tengono alla pulizia, vengono fuori le figlie sporche e trasandate)                                                                           

Mamme e ffigghje ce capene nda ‘na bbuttiglje, sogre e nnore nge capene nda nu bbuttiglione

(Una mamma è una figlia possono entrare in una bottiglia, mentre una suocera e una nuora non entrano neppure in un bottiglione)             

Chi te face cchjù d’a mamme, staje secure che te nganne

(Chi ti dimostra di fare più della mamma, attento che t’inganna)   

Tale mamme, tale figghje

(Come è la mamma, così è la figlia)             

Mare a qquèlla fèmmene ch’è cchiamate mamme

(Guai a quella donna che è chiamata mamma)

(Ogni mamma è destinata a soffrire per i figli) 

‘A mamme te jènghe ‘a vocche, u padre t’aèsce d’a mmocche

(La mamma ti riempie la bocca, il padre ti esce dalla bocca)

(La mamma è sempre pronte s difendere i figli, il padre non esita a rimproverarli) 

‘A mane ch’è tagghjà, vasele

(La mano che devi tagliare, baciala)

(La mano del genitore che ti corregge, devi baciarla. La persona che disprezzi, è proprio quella che ti può essere utile) 

Quanne ‘a tèrre nne gnotte, ‘a mane nen pigghje

(Quando la terra non assorbe, la mano non prende)

(Con la siccità la terra non produce) 

‘Na mane a ppe d’une nface male a nnissciune

(Un po’ ciascuno non danneggia nessuno)                                        

‘Na mane lav’a n’àvete, e ttutt’e ddoje laven’a facce

(Una mano lava l’altra, ed entrambe lavano la faccia)

(L’aiuto reciproco è necessario e utile) 

Se pigghje ‘a mane che ttutt’u vrazze

(Si prende la mano con tutto il braccio)

(Si dice di chi approfitta e va oltre la comprensione o il favore ricevuto) 

Mètte i mane annanze pe nen casè 

oppure

Se méne annanze pe nen cadè

(Mette le mani avanti per non cadere)

(Chi si giustifica in anticipo) 

So’ ddoje manuzze: vune féte e n’àvete puzze

(Sono due piccole mani, una manda cattivo odore e l’altra puzza)

(Sono due bambini ma entrambi sono cattivi) 

Si ttutte quande ce dèssene ‘na mane, se cambarrije mègghje

(Se tutti ci aiutassimo, si vivrebbe meglio)                                       

Tale maneche e ttale curtille

(Tale manico, tale coltello)

(Tale padre, tale figlio) 

Chi manègge, festègge

(Chi maneggia, festeggia)

(Chi amministra trae profitto) 

O quiste o u trave d’a mangiatore

(O ti accontenti di questo o vai alla trave della mangiatoia)

(Non hai scelta 

Sande Mangione face quattordece grazzije: vune cchjù de Sand’Andoneje

(Santo mangione fa quattordici grazie, una più di Sant’Antonio)

(Coi regali e le bustarelle si ottengono più grazie e favori di quanti ne fa S, Antonio) 

Quande ne manne, tande n’adduce

(Quanta acqua butta aprile, tanta abbondanza porta)                    

mare cchjù ne téne e cchjù ne vole

(Il mare più ne ha e più ne vuole)

(Come il mare accoglie sempre acqua, così l’avaro vuole sempre più ricchezze) 

mare face u sale, ‘a fèmmene face u male

(Il mare fa il sale, la donna il male)           

Bbèlle e bbrutte s’ammaritene tutte

(Belle o brutte si maritano tutte)                

Trè nnemiche u marijule téne: u sbirre, u cane corse e ‘a luna chjéne

(Il ladro ha tre nemici: gli sbirri, il cane corso e la luna piena)     

Marite e figghje cume l’aje, t’i pigghje

(I mariti e i figli come li hai, te li devi tenere (con i pregi e i difetti di cui la sorte li dota) 

Marite bbona crianze, mugghjére sanda paciènze

(I mariti devono avere le buone maniere, le mogli la santa pazienza)       

U bbùne marite face ‘a mugghjera bbone

(Il buon marito rende la moglie buona)     

Marite ggeluse more chernute

(Il marito geloso muore con le corna)        

‘A marrùgge ogn’e mmale destrugge

(L’erba della maruggine distrugge ogni male)                                  

Quanne si’ ngudene statte, quanne si’ martille vatte

(Quando sei come un’incudine devi subire, quando sei come un martello picchia)

(Quando hai il potere, usalo, quando non ce l’hai devi sottostare) 

Marze à ttire u jazze

(A marzo bisogna preparare il vivaio)        

Chi u sole de marze nen s’avite, a Ppasque nen face ‘a bbèlla zite

(Chi non evita il sole di marzo, a Pasqua non si veste da bella giovane)

(Chi si spoglia con il primo sole di marzo a Pasqua può trovarsi ammalato) 

È mmégghje che te chiagnèsse, che u sole de marze te cugghjèsse

(Sarebbe meglio piangerti. che vederti scottato dal sole di marzo)            

U sole de marze è ttradetore

(Il sole di marzo è traditore (perché può nuocere))                         

Marze chjova chjove, abbrile maje nen cèsse, magge vun’e bbone

(A marzo piove sempre, in aprile in continuazione, a maggio una sola pioggia buona)  

mmarze tutt’éreve abbrazze, abbrile cape l’èreve ggendile

(Nel mese di marzo raccogli tutte le erbe presenti (per il bestiame), ad aprile scegli la più novella)                                                                          

Éje ‘na massarije sènza curatele

(É una masseria senza curatolo)

(Una famiglia, un’azienda che manca la guida)

Sòtte a nu bbùne mastre èssce nu bbùne desscèbbele

(Sotto la guida di un bravo maestro vien fuori un buon discepolo)             

Mastre a ucchje, mastre a ppapucchje

(Il maestro artigiano che progetta ad occhio, è un maestro a papocchio (inesperto))    

I legume ànna sènde u matetine

(I legumi devono sentire la campana del mattutino)

(I legumi devono essere seminati a poca profondità) 

Chi vole gabbà a lu vecine, s’agàveze prèste a la matine

(Chi vuole gabbare il vicino, si alzi presto la mattina)

(Chi vuole anticipare gli altri nel lavoro o negli affari, deve alzarsi presto la mattina) 

Chi a matine nne strussce a sére rascke

(Chi la mattina non struscia, la sera raschia)

(Chi trascura di fare il lavoro la mattina, la sera lo trova più pesante) 

Matremoneje tra cuggine: case nruine

(Matrimonio tra cugini casa in rovina)       

Matremoneje tra parinde: uàje e turminde

(Matrimonio tra parenti: disastro e sofferenze)                               

Sande Mattéje, vennigne cum’éje

(A San Matteo (21 settembre) vendemmia, comunque sia l’uva (perché si avvicina la stagione delle piogge))                                                 

Trè vvote se vace a mattije: a ggevendù, a vecchiaje e o mizze timbe

(Tre volte si perde la testa (per amore): in gioventù, nella vecchiaia e nell’età di mezzo) 

Bbellèzze e mmattije vanne spisse ngumbagnije

(La bellezza e la stravaganza spesso si accompagnano)                

Nd’a pagghje maturene i nèspule

(Le nespole maturano nella paglia)

(Gli eventi maturano col tempo) 

Quanne u pere è mmaturate, sule sule se ne cade

(Quando la pera è matura, cade da sola)                                          

mazzate so’ de Ddije: mine tu e mménghe ije

(Le botte (le punizioni giustificate) sono cose di Dio: se colpisci tu, colpisco anche io)  

Mazze e ppanèlle fanne i figghje bbèlle, cumbitte e cannelline fanne i figghje malandrine

(Mazzate e panelle fanno i figli belli, confetti e confettini  fanno i figli malandrini)          

Pe ‘na mazze nen mbote jì pezzènde

(Gli manca solo il bastone per diventare pezzente)

(Ci si è ridotto alla più nera miseria)

‘Na mazzijate, ‘na scutulate

(Una bastonatura, una scotolatura)

(Per alcuni la bastonatura viene subito dimenticata)

L’è mbarà e l’aja pèrde

(Gli devi insegnare le cose e lo devi perdere (senza ricevere riconoscenza))       

Nze fenèssce maje de mbarà

(Non si finisce mai di apprendere)              

Sbaglianne, se mbare

(Sbagliando, si apprende)                            

Nissciune nassce mbarate

(Nessuno nasce già istruito)                        

Mbare e stipe

(Apprendi e conservi (nella mente))

Chi bbuscke e dà, mbaravise

(Chi raccoglie e dona, va in paradiso)

(Chi fa le opere di bene, viene premiato)

Sènze d’u diavele nze vace mbaravise

(Senza del demonio non si va in paradiso)

(Senza virtù eroiche e senza vittoria sulle tentazioni non si guadagna la gloria del paradiso)

Chi se mbicce, rèste mbecciate: cule rutte e coccia spennate

(Chi s’intromette nelle cose degli altri, ne viene coinvolto: resta col culo rotto e la testa spennata)

Pe nu sì te mbicce, pe nu no te spicce

(Con un sì ti impicci, con un no ti spicci)

(Dicendo sì ti leghi, dicendo no ti liberi da qualsiasi impegno)

Cume te mbicce, accussì te spicce

(Come ti impicci, così ti spicci)

Ogne mbedemènde è ggiuvamènde

(Ogni impedimento, può giovare)

(Talora l’ostacolo che si incontra lungo il cammino, può riuscire utile, giovevole)

Chi se pigghje i mbicce de l’àvete, rumane mbecciate

(Chi si impiccia dei fatti dei fatti altrui, resta impicciato)

A case d’u mbise nen parlanne de zoche

(Nella casa dichi si è impiccato non parlare di corda)

Se nne mbréne, addefrèscke

(Se non ingravida, fa godere)

(se il cielo non minaccia, rinfresca oppure chi si contenta, gode)

A chi mbrèste, ninde rèste

(A colui che presta, non resta niente)

Si vvuje pérde ‘a mecizzeje, mbriste i solde

(Se vuoi perdere l’amicizia, presta i soldi)

O mbriache tutte u dévene a vvéve

(All’ubriaco tutti gli davano da bere)

(La cattiveria degli uomini!)

S’i mbriste fossere bbùne, se mbrestarrijene i mugghjére

(Se i prestiti fossero buoni, si presterebbero le mogli)

Patte chiare, amecizzija longhe

(Patti chiari, amicizia lunga/duratura)

Nissciun’amecizzeje dure cind’anne

(Nessuna amicizia dura cento anni)

Amecizzeje sènza malizzeje dure fin’o jurne d’u ggiudizzeje

(L’amicizia senza malizia/falsità fino alla morte)

Mecìzzeje e pprim’amore nze scorda maje

(L’amicizia e il primo amore non si dimenticano mai)

‘A mecizzeje nn’è mmaje suuérchje

(L’amicizia non è mai troppa)

Mecìzzeje de ‘na jurnate sùbbete scurdate

(L’amicizia di breve durata è subito dimenticata)

‘A medecine pèrde ‘a forze, u mideche i galije

(La medicina perde l’efficacia, il medico la capacità)

Tratte/Cundratte che chi è mègghje de te e fall’i spése

oppure

Mittete chi mègghje de te e fall’i spése

(Tratta con quelli che sono migliori di te e pagagli pure le spese, così non avrai da pentirti e non resterai deluso)

U cchjù megghjarille tenéve ‘a gualle quand’e nu tenille

(Il migliore aveva l’ernia quanto un truogolo)

Chi se magne i méle e chi se àreghe i dinde

(Chi mangia le mele e chi prova l’acredine)

(Chi trae profitto e chi subisce; godere di un beneficio a scapito di chi subisce senza colpa)

Tu te magne i méle e ije me àreghe i dinde

(Tu mangi le mele ed io provo l’acredine ai denti)

Stipe u méle pe qquanne te véne ‘a tosse

(Conserva il miele per il momento in cui soffrirai la tosse)

Chi stipe u méle s’allècche i dite

(Chi conserva il miele, si lecca le dita)

 

‘A morte de Criste, ‘a fèste ’i cucchjíre

(La morte di Cristo, la festa dei cocchieri)