PROVERBI – N

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera

 

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

 

‘Na fèmmene e ‘na papere arrebbellajene Napule

(Una donna e una papera‘ crearono disordine a Napoli)

(Una sola donna ed una starnazzante oca sono così rumorose che possono portare un grande scompiglio in una intera città)

Chi téne nase, téne crijanze

(Chi ha naso, ha creanza)

(Avere naso grosso è indice del possesso di fiuto nel modo di agire)

Méne ‘a préte o’ calecagne e èssce u sanghe p’u nase

(Scaglia la pietra per colpire il tallone e invece esce il sangue dal naso)

(A seguito di un determinato comportamento si può verificare un qualsiasi effetto non previsto o non desiderato)

Chi nassce quadre, nne more tunne

(Chi nasce quadro, non può morire tondo)

(Nella vita si resta abbastanza simili per quanto riguarda carattere e attitudini a come si nasce)

Se sape a ndò se nassce, nze sape a ndò se more

(Si sa dove si nasce e non si sa dove si muore)

(È’ un proverbio che viene spesso citato per sottolineare l’incertezza circa il tempo e il luogo della morte)

A ccarnuuale, chi se ngagne è n’ànemale

(A carnevale chi si offende è un animale)

(Carnevale non è una festa adatta a chi si offende facilmente perché è lecito fare scherzi di ogni sorta che si devono dunque accettare di buon grado) 

Si ngile sta scritte, ndèrre se face

(Se in cielo è scritto, sulla terra si fa)

(Siamo tutti soggetti al destino e se qualcosa deve succedere, succede) 

Cúppe mmane, e ffèssa ndèrre

(Soldi in mano donna comprata)

(Per alcune donne il fulcro principale dell’attrazione sono i soldi)

Cchjù súbbete ndrone, cchjù súbbete scambe

(Quanto prima tuona, tanto prima il tempo migliorerà)

(Ogni causa ha il suo effetto)

U mégghje negozzeje è qquille che nze face

(Il migliore affare è quello che non si fa)

(Molto spesso, non aver concluso un affare, si rivela un beneficio piuttosto che un danno, specialmente se non è rispondente alle nostre aspettative) 

Quanne se zappe e quanne se púte ntènghe zijáne, ntènghe nepúte, quanne è ttimbe de vedegnà, zizì da qquà, zizì da llà

(Quando si zappa e quando si pota, non ho zii, non ho nipoti, quando è tempo di vendemmia, zio di qua e zio di là)

(Quando c’è da lavorare nessuno è disponibile, poi, quando bisogna raccoglierne i frutti, le persone opportuniste si fanno vive)

C’u tímbe e c’a pagghje maturene i nèspule

(Con il tempo e con la paglia maturano le nespole)

(Per ottenere qualcosa ci vuole pazienza) 

‘A squagghjate d’a néve se védene i stronzele

(Quando si scioglie la neve affiora lo sterco)

(È un detto che si usa in senso metaforico per intendere che solo il tempo rivela le persone per quello che sono veramente)

Sótt’a néve pane, sótt’a l’acque fame

(Sotto la neve pane, sotto l’acqua fame)

(Quando c’è la neve, essa è come una coperta, protegge dal gelo i semi di grano, preservandoli fino all’arrivo della primavera, la pioggia, invece, affonda, affoga e inghiottisce i semi, facendoli marcire e il raccolto va male) 

Chi vace o muline, se nfarine

(Chi va al mulino s’infarina)

(Se ti metti nei guai ne subirai le conseguenze) 

Chi te face cchjù d’a mamme, staje secúre che te nganne

(Chi dice che ti vuole bene più della mamma, fai attenzione che ti inganna).

(L’amore di una mamma non è paragonabile a nessun altro amore, rimane sempre quello più grande) 

Chi vace c’u zúppe, ngape e n’anne è zzúppe e ccecate

(Chi va con lo zoppo, entro un anno diventa zoppo e cieco)

(Chi si accompagna a persone con abitudini diverse dalle proprie, diventa come loro) 

ngarnà e u scarnà sò ddoje cóse

(Abituarsi e disabituarsi sono due cose fra loro in opposizione).

(Abituarsi a qualcosa di buono e poi doverla abbandonare è veramente difficile)

Quand’è bbrutte a ffotte nghjazze

(Come è brutto a fottere in piazza).

(È assolutamente fuori luogo riferire per filo e per segno’cose’ riservate o indiscrete)

Ngile nze vace sènza scale

(In cielo non si sale senza scale)

(Nella vita la strada per raggiungere le proprie aspettative è lunga e tortuosa, e spesso bisogna fare sacrifici non indifferenti)

Tutte i salme fenisscene ngloreje

(Tutti i salmi finiscono in gloria).

(Sappiamo in partenza a cosa mira un certo discorso)

L’úcchje d’u padróne ngrasse u cavalle

(L’occhio del padrone ingrassa il cavallo).

(Solo con la presenza di persona si può ottenere un controllo attento della gestione delle nostre risorse)

‘A bbona ngudíne rombe u martílle

(La buona incudine rombe il martello)

(Bisogna resistere di fronte alla violenza)

Quanne sì ngúdene statte, quanne sì martílle vatte

(Quando sei incudine subisci, quando sei martello picchia)

(Ogni cosa va fatta nel momento giusto, per cui bisogna ad adattarsi alle situazioni della vita)

Zombe cetrúle e vvace ngúle a l’urtulane

(Salta il cetriolo e va a finire in culo all’ortolano)

(Subire qualcosa inaspettatamente e incolpevolmente)

Quille che tíne mmocche tíne ngúle

(Quello che hai in bocca, hai nel sedere)

(Hai un modo di esprimerti veramente volgare)

Dope tand’anne ch’è mmúrte u ciucce, aèssce angóre u fíte da ngúle

(Dopo tanti anni che è morto l’asino, si sente ancora la puzza uscire dal sedere)

(Sono cose ormai risapute e ben conosciute) 

Nde puje fedà manghe d’a cammíse che púrte ngúlle

(Non ti puoi fidare neanche della camicia che porti addosso)

(Non puoi fidarti di nessuno perché tanta è la cattiveria umana)

Pése méne nu cundale ngúlle, che mizze quinde ngúle

(Pesa meno un quintale addosso che mezzo quinto nel sedere)

(I bisogni corporali sono quelli che si riescono a tollerare meno)

U veléne vace a ccúppe, chi s’u pigghje sckatte ngúrpe

(Il veleno entra a coppi, chi lo prende scoppia)

(Se si riesce ad evitare di arrabbiarsi continuamente è meglio)

Veléne ngúrpe a mme nge repose

(La rabbia dentro di me non dura)

(Non sono tipo che porta rancore)

Chi téne u nighe e nne nn’u véde, téne ‘a fertúne e nen ce créde

(Chi ha un neo nascosto, che non vede, ha la fortuna e non lo sa)

(Non basta essere fortunati. bisogna anche avere la fortuna di rendersene conto)

Cìnde ninde accedirene nu ciucce

(Cento niente uccisero un asino)

(Le piccole cose, sommate, possono diventare un peso insostenibile)

Chi nténe ninde, nn’ave cche ppèrde

(Chi non possiede niente, non ha nulla perdere)

(Se non hai nulla, non metterai mai a rischio alcuna ricchezza)

Mégghje quiste che ninde

(Meglio questo che niente)

(Quando ci si deve accontentare, piuttosto di niente è meglio piuttosto)

Ninde pe ninde, nessciúne fà ninde

(Niente per niente, nessuno fa niente)

(Difficile trovare persone che fanno gesti gratuiti, perché c’è sempre, il più delle volte, un secondo fine!)

Trè sò i putínde: u pape, u rrè e chi téne ninde

(Tre sono i potenti, il papa il re e chi non ha niente)

(Il papa ha il potere ecclesiastico, il re ha potere politico e chi non ha niente è potente perché non ha nulla da perdere)

Chiande de puttane e ttremelizze de pezzínde nne sténn’a ccrède a nninde

(Pianto di meretrici, tremolio di pezzenti, non credere a niente)

(Non ci si deve mai fidare delle persone false)

Mètte u nireve sóp’u janghe

(Mettere nero su bianco)

(Per evitare malintesi, mettere tutto per iscritto)

Nissciúne s’accatte i guaje

(Nessuno compera i guai)

(Ognuno, se può, evita i guai, ma, spesso, li ha chi li cerca)

Nu poche a ppe d’úne nfà mmale a nnisciúne

(Un po’ per ciascuno, non fa male a nessuno)

(Elogio dell’equa distribuzione della ricchezza e dell’uguaglianza)

U nnóme accúse l’óme

(Il nome è indizio dell’indole dell’uomo)

(Nel nome delle persone è indicato il loro stesso destino)

Nnumere sunnate, trè vvote jucate

(Il numero sognato va giocato per tre volte al lotto)

(I numeri associati ai sogni vanno giocati sempre e solo sulla prima ruota: ovvero BARI per tre volte consecutive)

Mare a chi téne ‘na mala nnummenate

(Guai a chi ha una brutta nomea)

(Una volta che si ha una brutta reputazione è davvero difficile far cambiare l’opinione su di te agli altri)

Che nu si te mbicce, che nu no te spicce

(Con un si ti impicci, con un no ti spicci)

(Con un no ti sbrighi, ti togli subito il fastidio e con un si ti impicci, ti prendi il fastidio)

Doje núce nda nu sacche nen fanne remóre

(Due noci nel sacco non fanno rumore)

(Quando si protesta, per farsi sentire, occorre essere in molti)

Vace truuanne préte p’e rrombe i núce

(Va cercando pietre per rompere le noci)

(È sempre pronto a litigare con tutti, anche per futili motivi)

Sogre e nnóre jettele fóre

(La suocera e la nuora cacciale fuori)

(Suocera e nuora non possono coabitare)

Tande dúre u bbène d’a nóre, quande dúre ‘a néve marzaiole

(Il bene di una nuora dura come la neve di marzo)

(L’affetto di una nuora per la suocera non dura molto)

Sogre e nnóre nge capene nd’a ‘sarole; la mamme e la figlje ce capene nd’a ‘na buttiglje

(Suocera e nuora non entrano in un’anfora, ma la mamma e la figlia entrano in una bottiglia)

(Suocera e nuora si odiano, mentre mamma e figlia vanno quasi sempre d’accordo)

Jínere, nóre e nnepúte, tutte quille che faje è pperdúde

(Generi, nuore e nipoti, tutto quello che fai è perso)

(Generi, nuore e nipoti non saranno mai riconoscenti)

Ogn’e jjúrne face notte

(Ogni giorno ha la sua notte)

(Ci sono cose che sono conseguenze inevitabili di altre)

Chi camíne de notte, camíne c’a morte

(Chi cammina di notte, cammina con grande pericolo di morte)

(È una metafora sui pericoli della notte)

‘A notte porte cunziglije

(La notte porta consiglio)

(È meglio riflettere bene sulle cose da fare)

Ndecènne male d’a jurnate, se nn’è fatte notte

(Non dire male di una giornata, se non è terminata)

(Le decisioni importanti nella vita vanno prese senza fretta)

Sarrocche pe ‘na cacate facíje fa notte

(San Rocco per defecare fece fare notte)

(Riferito a quelle persone che per realizzare qualcosa ci mettono una infinità di tempo)

Chi nove te porte sckaffe te dà

(Chi ti porta la notizia ti da lo schiaffo)

(Spesso che ti riferisce qualcosa lo fa per addolorarti)

‘A bbona nove t’a porta ‘a vucille

(La buona notizia te porta il passero)

(Un uccello che svolazza per casa è annunciatore di cose liete)

‘A mala nove t’a porta u vinde

(La cattiva notizia te la porta il vento)

(Le brutte notizie arrivano sempre rapidamente)

‘A cùreje mmane e púrce e i nutare pe ciammaruchèlle

(Dove siamo arrivati, la curia/il tribunale in mano ai porci e i notai per lumachine)

(Si è capovolto il mondo)

Núvele d’èstate e sseréne de vírne, amóre de fèmmene e ttrotte de múla vécchje poche durene

(Nuvole d’estate e sereno d’inverno, amore di donna e trotto di mula vecchia durano poco)

(Non ti fidare mai delle apparenze)

Chi vénge apprime, porte nzine

(Chi vince per primo, mette in grembo)

(Con la perseveranza si ottengono sempre buoni risultati)

Stipe ‘a nzogne pe qquanne abbesogne

(Conserva la sogna per quando servirà)

(Il risparmio assicura un futuro migliore)

‘A vécchje quille che vuléve, nzúnne li jéve

(Quello che desiderava la vecchia sognava)

(Ad una certa età rimane solo il sogno per lasciar fluire tutte le nostre aspettative ed i nostri desideri)