PROVERBI – O

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera

 

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

 

Chi rengrazzeje èssce fóre d’òbbleghe

(Chi ringrazia, non ha più obblighi)

(Con l’esprimere gratitudine oltre misura, ci si dichiara fuori da ogni eventuale obbligo)

Chi s’offènde è nu feténde

(Chi si offende, è un fetente)

(Chi si offende sempre è una persona con orizzonti mentali carenti)

Ogge a mme e ccraje a tte

(Oggi a me e domani a te)

(Le vicende della vita hanno una natura capricciosa e incontrollabile per cui tutti siamo esposti a sventure o episodi sfortunati)

Sande Lezzíre, ogge nn’è cúm’e jíre

(San Ruggero, oggi non è come ieri)

(Spesso non ci rendiamo conto del tempo che passa e soprattutto spesso ci sfuggono le trasformazioni e i cambiamenti)

Pegghjamece u secúre ogge

(Prendiamo il sicuro oggi)

(Diamo affidabilità a ciò che adesso non suscita dubbi, che è certo)

Ognúne se prèghe u sande súje

(Ognuno si prega il suo Santo)

(Ognuno provveda alle sue necessità)

Óme de víne, cínde a carríne

(Di uomini di vino, ne hai cento per un carlino)

(Uomini dediti al vino, una volta ne trovavi tantissimi)

L’óme p’a parole, u vóve p’i corne

(L’uomo per la sua parola, il bue per le sue corna)

(Le parole fanno ricordare gli uomini come le corna i buoi)

Óme avvesate, mizze salvate

(Uomo avvisato, mezzo salvato)

(Un buon consiglio al momento giusto può essere di aiuto contro eventuali pericoli)

L’óme è ccóre de vosche, mare a qquèlla fèmmena che se ne nfrasche

(L’uomo è cuore di bosco, deve stare attenta quella donna che si addentra)

(L’animo dell’uomo è un mondo affascinante e misterioso come un bosco)

Óme allègre, Ddíje l’ajute

(L’uomo felice, Dio l’aiuta)

(Anche nelle situazioni più complicate essere ottimisti aiuta)

L’óme a ndò vacia vace sò jjúche e ffèste, povera mugghjére che scunzulate réste

(L’uomo dovunque va è divertimento, ma la povera moglie è costretta a rimanere sola a casa)

(Una volta il ruolo sociale della donna rispetto a quello dell’uomo era diverso)

L’óme è ccacciatóre

(L’uomo è cacciatore)

(L’uomo, per sua natura, gode dell’illusione di essere uno sciupafemmine)

L’óme éje cúm‘a scale: a ndò trove s’appoje, ‘a fèmmene éje cúm‘a sègge: se nze reguarde tutte s’assettene

(L’uomo è come la scala: dove trova si appoggia, la donna è come la sedia: se non si riguarda tutti si siedono)

(L’uomo tende a fare i propri comodi con le donne e queste ultime devono stare attente a non essere troppo superficiali nei rapporti con gli uomini)

L’úrte vole l’óme múrte

(L’orto vuole l’uomo morto)

(Il lavoro della campagna richiede impegno e fatica)

L’óme ritte, cambe afflitte

(L’uomo che va diritto vive afflitto)

(L’onestà quasi mai paga)

L’óme dope a quarandíne, lasse la fèmmene e pigghje lu víne

(L’uomo dopo i quarant’anni lascia la donna e piglia il vino)

(Una volta, ad una certa età, era tradizione che l’uomo cominciasse a frequentare la cantina)

U(O)nge ‘a rote che ggíre

(Ungi la ruota che gira)

(Spesso se vuoi ottenere qualcosa devi mettere mano al portafogli)

‘A tèrre se mesúre a palme, u crestíjane a onze

(La terra si misura a palmi, le persone a oncia)

(Le caratteristiche distintive di una persona sono le sue qualità e i suoi pregi)

Nn’e tutt’óre quille che lúce

(Non è tutto oro quello che luccica)

(Spesso l’apparenza inganna perché ciò che ci sembra bello potrebbe svelarci delle sorprese amare)

L’óre de Bbológne, se face níreve p’a vergogne

(L’oro di Bologna si fa nero per la vergogna)

(Si dice di qualcosa o di qualcuno che è manifestatamente falso)

Nda n’óre Ddíje lavore

(In un’ora Dio lavora)

(Ciò che non è accaduto per anni può avvenire nel giro di un attimo)

L’ospete u tèrze júrne fète

(L’ospite il terzo giorno puzza)

(Le permanenze nelle case degli altri devono essere brevi e poco frequenti)

U sande dure otte júrne

(Il santo dura otto giorni)

(È consentito fare auguri e fare festa fino all’ottavo giorno dall’onomastico)

Aspettame ‘a galline che face l’ove

(Aspettiamo che la gallina faccia l’uovo)

(Non bisogna avere troppa fretta, ma occorre accogliere e vivere il naturale ciclo delle cose)

Mégghje n’óve ogge, che ‘na galline dumane

(Meglio un uovo oggi che una gallina domani)

(È preferibile un vantaggio sicuro e immediato, che rischiare tutto per qualcosa di incerto)

L’óve che nze danne a Ppasque, nze danne cchjù

(Le uova che non si regalano a Pasqua non si regalano più)

(Bisogna affrontare un problema non appena si presenta)

Vole tuzzà l’óve c’a prète

(Vuole percuotere l’uovo con la pietra)

(Avere un comportamento contrario alla logica)

A Sandandúne ógn’e gallenèlle anginge l’úve

(Nel giorno di Sant’Antonio Abate ogni gallinella inizia a fare l’uovo)

(È tradizione che in occasione della festa di Sant’Antonio Abate (17 gennaio), patrono degli animali da stalla e da cortile, le galline di solito iniziano le covate)

‘A carne inozzeje accrèsce i vizzeje

(Le persone che oziano accrescono i vizi)

(Un ozio eccessivo arrugginisce il cervello ed è portatore di tanti vizi)