PROVERBI – P

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera

 

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

 

Tale padre, tale figghje

(Tale padre, tale figlio)

(Spesso accade che un figlio erediti particolari qualità, doti o caratteristiche del padre)

Chi è bbùne, face u padre

(Chi è capace, fa il padre)

(Chi ha innate capacità di comando, è un leader)

Quanne i padre fanne carnuuale, i figghje fanne quarèseme

(Quando i padri fanno carnevale, i i figli fanno quaresima)

(Quando i padri sperperano le risorse familiari, i figli ne pagano le conseguenze)

Attacche u ciucce a ndò dice u padróne

(Attacca l’asino dove dice il padrone)

(Se si è alle dipendenze di qualcuno, anche di fronte ad ordini assurdi conviene stare zitti e far finta di niente)

Ognúne è ppadróne nd’a casa súje

(Ognuno è padrone a casa sua)

(In casa propria ognuno di noi è libero di fare ciò che vuole)

Padróne de bbastemènde vace pe bbarche affitte

(Padrone di bastimento va per barche in affitto)

(Subire un netto peggioramento della propria situazione economica e finanziaria)

U padróne songhe íje, ma chi cumanne è mugghjéreme!

(Il capo famiglia sono io ma chi comanda è mia moglie!)

(Spesso l’influenza delle donne nelle decisioni familiari è fondamentale)

Chi paghe annanze, è mmale servúte

(Chi paga prima, è malservito)

(Non dare mai niente per scontato perché in tante situazioni una prestazione deve essere ricompensata solo a risultato conseguito)

A pagà e a murì ce stace sèmbe tímbe

(A pagare e a morire c’è sempre tempo)

(Pagare e morire, quando più tardi è possibile)

Quille che nze paghe, nz’apprezze

(Ciò che non si paga non si apprezza)

(È proprio nella natura umana tenere in poco conto ciò che si è ottenuto facilmente)

Cúme paghe, accussì sì servúte

(Come paghi, così sei servito)

(Ogni lavoro necessita di un relativo congruo compenso altrimenti il risultato non sarà mai ottimale)

Chi rombe paghe

(Chi rompe paga)

(Chi danneggia il bene altrui dovrà risarcire il danno)

D’o male pagatore ssciuppechíje quille che puje

(Dal cattivo pagatore prendi quello che puoi)

(Se non riesci a recuperare tutto da un pessimo pagatore, accontentati anche di una cifra inferiore)

‘A pagghje vecíne o fúche s’appicce

(La paglia vicino al fuoco s’incendia)

(È pericolosa la troppa intimità tra un uomo e una donna perché la vicinanza induce in tentazione)

Nen vole pagghje ‘a ciucce

(Non vuole paglia l’asina)

(Quando qualcuno non vuole capire è inutile insistere)

Tíne ‘a paghe da suldate e i vìzzeje da ggenerale

(Hai la paga del soldato e i vizi da generale)

(Con le scarse risorse che hai, pretendi di vivere alla grande)

U pajése è d’u pajesane

(Il paese appartiene al paesano)

(Solo chi ci abita in un paese ne conosce vizi e virtù)

Tutt’u múnne è ppajése

(Tutto il mondo è paese)

(Ogni ambiente è positivamente e negativamente contaminato dall’uomo)

Pajése che vaje, usanze che truve

(Paese che vai, usanza che trovi)

(Ogni luogo ha le sue caratteristiche peculiari)

‘A palle è ttonne

(La palla è rotonda)

(Non bisogna dare mai per scontata la vittoria di una squadra forte su una squadra debole)

‘A tèrre se mesúre a ppalme, u crestíjane a onze

(La terra si misura a palmi, le persone a once)

(Le caratteristiche distintive di una persona sono le sue qualità e i suoi pregi)

Pane pane e vvíne víne

(Pane al pane e vino al vino)

(Dire e vedere le cose come sono)

Pane sòtt’u titte, pane beneditte

(Pane sotto il tetto, pane benedetto)

(Avere un lavoro sicuro da sicurezza e benessere alla propria famiglia)

U patatérne dace u pane a chi nen téne i dínde

(Il Signore da il pane a chi non ha i denti)

(La fortuna arriva a chi non la sa apprezzare)

Chi dace u pane súje o cane de l’àvete, pèrde u pane e pèrede u cane

(Chi il suo pane al cane di un altro, perde il pane e perde il cane)

(Quelli che fanno del bene in casa d’altri, non possono sperare d’essere ricambiati)

Víde u pane da quala vocche de fúrne aèssce

(Considera il pane da quale bocca di forno esce)

(Non dare peso a quello che esce da quella bocca)

Pane sudate, pane guadagnate

(Pane sudato, pane guadagnato)

(Tutto ciò che è ottenuto o raggiunto con grande fatica e sacrificio è sempre conquistato)

U pane d’a case véne sùbbete a stúffe

(Il pane della propria casa viene subito a noia)

(Le cose ottenute con facilità non danno soddisfazione)

Doppe magnate e vippete, u pane fetéve de fosse

(Dopo aver mangiato e bevuto sapeva di chiuso)

(Se rifiutiamo qualcosa di buono che ci viene offerto significa che già ne abbiamo avuto in abbondanza)

Arrobbe u tímbe a Ccriste e u pane o guuérne

(Ruba il tempo a Cristo ed il pane al governo)

(E’ una persona senza nessuna voglia di lavorare)

I panne Sanfrancische se nzò jjanghe sò frisscke

(I panni di San Francesco se non sono bianchi sono freschi)

(Trattasi di abiti rattoppati, ma puliti)

Chi se vèste ch’i panne de l’àvete, sùbbete se spogghje

(Chi si veste con i vestiti degli altri, subito si spoglia)

(Se si spera sempre nell’aiuto degli altri, si rimane immancabilmente delusi)

Magn’e ccache e ddevínde pape

(Mangia e cachi, che diventi papa)

(Con la costanza chiunque può raggiungere certi incarichi)

Múrte nu pape se ne face n’àvete

(Morto un papa se ne fa un altro)

(Nessuno è insostituibile)

Trè sò i putínde, u pape, u rrè e chi nténe ninde

(Tre sono i potenti, il papa il re e chi non possiede niente)

(Non si può negare che il papa ed il re siano potenti, come non si può negare che anche il nullatenente lo è perché è immune da tasse, multe, tariffe, doveri, obblighi, responsabilità)

Chi stace sòtte adda parà

(Chi sta sotto deve ricevere)

(Il destino di chi è dipendente è quello di sempre subire)

Mare a chi more e pparavíse nen trove

(Guai a chi muore e non trova il paradiso)

(E’ brutto morire e non meritarsi il paradiso)

Síme parínde e stímece attinde

(Siamo parenti, ma stiamoci attenti)

(Spesso i peggiori torti vengono dai parenti)

I parínde cúme l’aje, t’i pigghje

(I parenti non puoi cambiarli)

(I parenti li devi accettare per quelli che sono)

I parínde sò serpínde

(I parenti sono serpenti)

(Spesso tra parenti invidia, falsità e sputtanamenti sono la quotidianità)

Quanne i parínde l’ànne sapúte, u vecíne e ggià ccherrúte

(Quando i parenti sono stati informati, il vicino è già accorso)

(Sono sempre utili i rapporti di buon vicinato perché nel bisogno i vicini sono i primi ad accorrere)

È mégghje a èsse parénde a ppèttele e nno a ccavezóne

(È sicuramente preferibile avere come parente una donna piuttosto che un uomo)

(In ogni matrimonio con i parenti della moglie si ha un rapporto preferenziale)

I parínde sò cúm’e scarpe, cchjù so strètte e cchjù fanne male

(I parenti sono come le scarpe, più sono stretti e più fanno male)

(Tra le scarpe strette e certi parenti non c’è nessuna differenza perché entrambi danno fastidio)

‘A zite pigghje d’e parínde

(La sposa somiglia ai parenti)

(E’ innegabile che la donna sposata si porta dietro vizi e virtù della propria famiglia)

Cchjù poche síme e cchjù bbèlle paríme

(Di meno siamo e più belli sembriamo)

(L’insospettabile vantaggio di essere in pochi in tante situazioni)

Tíre cchjù nu píle de fèmmene che ‘na pariglje de vúve

(Tira più un pelo di donna che una pariglia di buoi)

(È una delle più note leggi della natura che l’uomo è capace di resistere a tutto tranne che al fascino di una donna)

‘A cape che nen parle è cchiamate checozze

(Testa che non parla è considerata una zucca)

(È completamente illogico non palesare ciò che si pensa o non chiedere ciò che si vuole)

A parlà è arta lègge

(A parlare è arte leggera)

(La vita insegna ad agire, perché a parlare solamente tutti sono capaci)

Chi parle troppe, nen cumbíne nínde

(Chi parla troppo non arriva a niente)

(Chi parla troppo non ha niente da dire e non realizza alcunché)

I parole sò cúm’e cerase: vúne tir’a n’àvete

(Le parole sono come le ciliegie: una tira l’altra)

(Dal parlare si trae nuove occasioni per parlare ancora: di parole ne prendi una e ne vengono cinque)

Sole ch’i parole nze fanne i palazze

(Solo con le parole non si costruiscono i palazzi)

(Quello che conta veramente sono i fatti e non le parole)

‘A parole camíne

(La parola cammina)

(La parola è libera e si sposta facilmente)

‘Na parole è poche e doje so assaje

(Una parola è poca e due sono troppe)

(Per intendersi, basta poco, senza essere prolissi si possono moderare le parole, esprimendo i concetti nella loro essenzialità)

‘A parole è strumènde

(La parola è strumento)

(Quando la parola data aveva ancora il suo valore, essa era come un atto stipulato presso il notaio)

‘A parole è vúna sole

(La parola è un impegno)

(La parola è un obbligo assunto verso altri)

‘ A cambane se canossce d’o súne, l’óme d’a parole

(La campana si riconosce dal suono, l’uomo dalla parola)

(La qualità di una campana la si riconosce dai materiali con cui è stata fusa e, quindi, dal suono che fa, le qualità di un uomo dal suo modo di parlare e ragionare)

I vúve p’i corne e l’úmene p’a parole

(I buoi si riconoscono dalle corna e gli uomini dalla parola)

(Ognuno si distingue da un altro per le proprie caratteristiche)

Chi sparte ave ‘a mégghja parte

(Chi divide ha la parte migliore)

(Chi si assume il compito di fare le parti ne approfitta per trarne vantaggio)

Púre l’úcchje vole ‘a parta súje

(Pure l’occhio vuole la sua parte)

(L’aspetto estetico di ogni cosa è importante perché anche la vista ne deve rimanere appagata)

Pasque addejúne e sènza mèsse

(Pasqua a digiuno e senza messa)

(Ci sono capitate due disgrazie contemporaneamente)

Chi passa, paghe

(Chi passa paga)

(Essere puniti per qualcosa di sbagliato che abbiamo fatto)

Da i parole se passe e fatte

(Dalle parole si passa ai fatti)

(Mettere in pratica la teoria ed assumersi nuove responsabilità)

U passate è passate

(Ciò che è stato è stato)

(Arriva sempre il momento in cui è necessario dare un taglio alle cose mai risolte)

U male passe a ndo u truve

(La disgrazia sta dove la trovi)

(Il pericolo può essere dovunque ed è quasi sempre imprevisto)

Nfacènne u passe cchjù lunghe d’a cosse

(Non fare il passo più lungo della gamba)

(Bisogna sempre fare il passo secondo le proprie capacità per non andare incontro a spiacevoli conseguenze)

U Patatèrne prime i face e po’ i ccocchje

(Dio prima li fa e poi li accoppia)

(Coloro che hanno lo stesso carattere finiscono sempre con lo stare insieme)

U Patatèrne dace fridde pe qquande ne téne nd’a camesèlle

(Dio da freddo, per quanto contiene la camicia)

(Dio sottopone ogni uomo a prove o dolori adeguati alla sua capacità di sopportazione)

Chi patissce d’amore, nzènde delóre

(Chi soffre per amore, non sente dolore)

(Chi è in preda alle pene d’amore è insensibile alla sofferenza)

Và d’o patúte e nno d’o sapúte

(Vai da chi ha sofferto e non da chi ha studiato)

(Se devi chiedere consigli perché non stai bene, rivolgiti sicuramente a chi ha già sofferto della stessa malattia)

‘A paúre guarde ‘a vigne

(La paura protegge la vigna)

(La paura di essere scoperti scoraggia i male intenzionati)

‘A paúre fa nnuuande

(La paura fa novanta)

(Sotto lo stimolo della paura si fanno cose che sembrerebbero impensabili in condizioni normali)

Chi téne paúre, nze coleche p’i fèmmene bèlle

(Chi ha paura, non va a letto con le donne belle)

(Nella vita se non si osa, non si ottiene niente)

È tenè paúre d’i víve, no d’i múrte

(Devi aver paura dei vivi, non dei morti)

(Non sono i morti a molestare gli esseri umani, ma le persone malvagie)

Pazzije p’i fante e lassà stà i Sande

(Scherza con i fanti e lascia in pace i Santi)

(Non bisogna mai parlare con leggerezza e in modo irriverente delle cose sacre)

Se ddice u peccate, no u peccatróre

(Si dice il peccato, non il peccatore)

(Non bisogna avere la tentazione di giudicare il peccatore, ma trarre esperienza dal suo peccato)

Peccate cumbessate, mizze perdunate

(Peccato confessato, mezzo perdonato)

(Il riconoscere i propri sbagli, li rende meno gravi)

I peccate d’i padre i chiagnene i figghje

(Le colpe dei padri ricadono sui figli)

(Spesso per le scelte sbagliate dei padri pagano i figli)

Ógn’e peccate se sconde

(Ogni peccato si paga)

(Ognuno paga in autonomia per ogni azione sbagliata)

Ógn’e peccate téne ‘a penetènze

(Ogni peccato ha la sua penitenza)

(Ogni errore ha la sua inevitabile conseguenza)

Chi dorme, nface peccate

(Chi dorme, non pecca)

(Solo quando non si fa nulla non si rischia di sbagliare)

P’u peccatóre paghe u juste

(Per il peccatore paga il giusto)

(Viviamo in un mondo di ingiustizie dove gli innocenti scontano le colpe degli altri)

I peccenínne mbarene d’e grusse

(I piccoli imparano dai grandi)

(I più piccoli apprendono solo dalle esperienze condivise con gli adulti)

Quanne u peccenínne parle, u grusse à ggià parlate

(Quando il piccolo parla, il grande ha già parlato)

(I bambini sono spesso rivelatori, del tutto involontari, degli atteggiamenti, magari nascosti, dei grandi)

Nu júrne pecciúne, nu júrne scarafóne

(Un giorno piccione, un altro giorno scarafaggio)

(Sono persone che non hanno il senso della misura)

Chi pècure se demostre, u lúpe s’a magne

(Chi pecora si dimostra, il lupo lo divora)

(Chi si mostra sempre debole e remissivo è destinato a soccombere)

‘A pècure che sckame, pérde u muzzeche

(La pecora che bela, perde il boccone)

(Chi passa il suo tempo in chiacchiere sciocche e vane perde di vista le cose concrete)

Raccumannà i pècure o lúpe

(Raccomandare le pecore al lupo)

(Fare lo sbaglio di riporre fiducia in una persona completamente inaffidabile)

Amme fatte ciucce e mmúle vúna pedate

(Abbiamo fatto come se l’asino ed il mulo hanno la stessa andatura)

(Con quelle persone ci siamo comportati nello stesso modo, senza fare distinzioni)

È mégghje a ttrattà ch’i ricche scadúte, e nno pe nu pedocchje revenúte

(È meglio avere a che fare con un ricco decaduto che con un povero arricchito)

(Spesso il ricco diventato povero dimostra più generosità di chi è stato povero e non lo è più)

U vusurare more chjine de pedúcchje

(L’avaro muore pieno di pidocchi)

(L’avaro è così smodatamente desideroso di conservare quello che ha, che vive e muore nell’indigenza)

Tutte a vonne e nissciúne s’à pigghje

(Tutti la vogliono e nessuno se la prende)

(È qualcosa di molto ambito solo in apparenza)

I fatte d’a pegnate i sape ‘a cucchiare

(I guai della pendola li conosce la cucchiaia)

(Solo noi riusciamo a calcolare fino in fondo la gravità dei nostri problemi)

‘A pegnate nguarchjate nze maje

(La pentola lesionata non si rombe mai)

(Spesso coloro che sono malaticci vivono più a lungo perché si curano meglio)

Nissciúne pegnate stace sane

(Nessuna pentola è sana)

(Nessuna ragazza rimane per sempre illibata)

Assemègghje ‘a gatte p’u pelemóne mmocche

(Sembra il gatto con il pezzo di polmone in bocca)

(E’ una persona che reagisce sempre male)

Pelerussce, nd’accustanne si nn’u canussce

(A chi il pelo rosso, non ti avvicinare se non lo conosci)

(Aspetta di conoscerlo meglio, prima di fidarti di chi ha i capelli rossi)

Quanne è ppèll’e ppèlle, a cunzaríje ce vedíme

(Trattandosi di pelle, alla conceria ci ritroveremo)

(Aspettare senza fretta l’occasione favorevole per ottenere una rivincita personale)

‘A trìppe è cúm’e ‘na pellècchje, cchjù mitte e cchjù se stenerècchje

(La pancia è fatta di pelle molto elastica, più la riempi e più si allarga)

(Lo stomaco di ognuno di noi è molto elastico, per cui più lo riempi e più si dilata)

Chi se pigghje péne, more sùbbete

(Chi si affligge, muore subito)

(Per vivere più a lungo, bisogna vivere in serenità)

Pése cchjù ‘a pénne che ‘a zappe

(Lo studiare è più faticoso del lavoro manuale)

(Nella mano dell’ignorante pesa più studiare che svolgere un lavoro faticoso)

Cchjù rrènne e cchjù ppènne

(Più si rimanda è più pesa)

(Più una cosa viene trascurata e più pesa farla)

Chi prime nen pènze, doppe suspíre

(Chi prima non pensa, dopo sospira)

(Bisogna riflettere bene sulle scelte da fare, per non doversene  poi pentire)

Ognúne pènze a mmode súje

(Ognuno pensa a modo suo)

(Ogni persona ha le sue proprie opinioni)

I penzíre fanne asscì i capille janghe

(I pensieri fanno diventare i capelli bianchi)

(Le troppe preoccupazione fanno invecchiare prima)

U prime penzíre éje de l’àngele

(Il primo pensiero è dell’angelo)

(Bisogna sempre seguire l’istinto)

È mégghje pèrderle, che truuarle

(È meglio perderlo, che ritrovarlo)

(Con certe persone è meglio non avere nessun rapporto)

Chi pèrde, ave sèmbe túrte

(Chi perde ha sempre torto)

(Solo chi rimane al di sopra ha diritto di dire come devono andare le cose)

U vusurare p’u poche pèrde u ssaje

(L’avaro per il poco perde il troppo)

(L’avaro spesso per rincorrere il poco ci rimette il grosso)

A ndò c’è gguste, nge stà perdènze

(Dove c’è gusto non c’è perdenza)

(Quando c’è piacere, tutto può risultare gradevole e l’esteriorità non conta)

‘A pére cade quanne è mmatúre

(La pera cade quando è matura)

(Se si concede tempo le situazioni si chiariscono da sole)

Se chiude ‘na porte e s’arape nu pertóne

(Si chiude un a porta e si apre un portone)

(La vita è piena di occasioni, bisogna solo saperle cogliere)

I solde trasene d’a fenéstre e èsscene d’o pertóne

(I soldi entrano dalla finestra ed escono dal portone)

(I soldi sono fatti per essere spesi)

A Sambijase ógne ppertúse u sóle trase

(Il giorno della festa di San Biagio il sole entra da ogni pertugio)

(Questo proverbio ricorda che per San Biagio, di solito, fa ancora molto freddo)

Duje súrece mbonne stà nd’ò stèsse pertúse

(Due topi non possono stare nello stesso buco)

(Perché un’impresa proceda bene, non ci possono essere due capi, basta uno solo)

U pèssce grusse se magne u pecceninne

(Il pesce grosso mangia il pesce piccolo)

(È la legge del più forte, dove ognuno cerca di raggiungere i propri interessi anche a danno degli altri)

U pèssce féte d’a cape

(Il pesce puzza dalla testa)

(Se c’è del marcio questo ha origine in chi comanda)

Nn’accattanne pèssce a u ppúrte e ffogghje a l’úrte

(Non comprare pesce al porto e verdura all’orto)

(Se non vuoi comprare a prezzo caro non devi andare né al porto né all’orto)

Vole fríje u pèssce pe l’acque

(Vuole friggere il pesce con l’acqua)

(Voler fare qualcosa senza avere gli strumenti adatti)

Pissce chiare che fa ffède u mideche

(Piscia chiaro e si fa beffe del medico)

(Chi ha la coscienza pulita non teme niente)

Chi nen ppisce mgumbagníje o è marijúle o éje ‘na spíje

(Chi non piscia in compagnia o è un ladro o è una spia)

(Chi rifiuta di urinare insieme ai suoi amici, ha qualcosa da nasconder loro)

U cane u pringipe a ndò vace adda pèsscià

(Il cane del principe dove va deve pisciare)

(Nessuno gli può impedire di fare quello che vuole)

Cúme pagazzeje, accussì pettazzeje

(Come abbiamo pattuito, ho dipinto)

(L’esecuzione del lavoro è direttamente corrispondente ai mezzi finanziari forniti, soprattutto se scarsi ed insufficienti)

I pèttele che nze fanne a Nnatale, nze fanne manghe a Ccapedanne

(Le frittele che non si fanno a Natale, non si fanno neanche a Capodanno)

(Se ci si scorda di fare qualcosa, non deve essere fatta per forza  in un altro momento)

Che n’ache e ‘na pezzèlle stace ricche ‘a puurèlle

(Con un ago e una pezzolina è ricca la poverella)

(Basta poco per sentirsi ricco)

U pezzènde granezzúse se fréche ‘a mane che tutt’i díte

(Il mendicante che fa il sostenuto, poi si prende la mano con tutte le dita)

(Spesso chi riceve aiuto ne approfitta alla grande)

U pezzènde che véne spisse, te vole vedè cúm’e isse

(Il mendicante che viene spesso ti vuol vedere ridotto come lui)

(Colui che si interessa troppo di te e perché è invidioso)

U vére pezzènde ngèrche maje ‘a lemòsene

(Il vero pezzente non cerca mai l’elemosina)

(Il vero povero è sempre una persona con una propria onorabilità e dignità)

Ddíje te scanze da ricche scadúte e da pezzènde revenúte

(Dio ti scansi da ricchi impoveriti e da poveri arricchiti)

(Bisogna diffidare sia di coloro caduti in miseria che dei nuovi ricchi)

Piatte cupirte nge cache ‘a mosche

(La mosca non si posa nel piatto coperto)

(Se hai l’accortezza di non raccontare a nessuno i fatti tuoi, essi rimarranno segreti)

I piatte se lavene nd’a cucine

(I piatti si puliscono in cucina)

(I fatti personali vanno trattati con discrezione e riservatezza)

Ógne ppicca ggiove

(Ogni piccola cosa è utile)

(Ogni dettaglio, insignificante, piccolo ha un valore grande)

U picchie rènne

(Piangere di continuo ripaga)

(Un lamentarsi continuo, prolungato alla fine ha la sua ricompensa)

È lavate i pide o púrche

(Hai lavato i piedi al porco)

(Certe premure che si hanno verso persone ignoranti e poco sensibili, sono inutili)

D’ógne píle face ‘na trave

(Di ogni pelo fa una trave)

(È portato per natura all’esagerazione)

I pippe pigghjene a sckaffe i tabbaccare

(Le pipe prendono a schiaffi i tabaccai)

(Trovarsi davanti o accanto a qualcuno che cerca di imporsi senza averne le capacità)

Pizzele e vvase nen fanne pertóse

(Pizzicotti e baci non sono pericolosi)

(Nei rapporti amorosi se ti limiti a baci e carezze non corri il rischio di una gravidanza)

Mègghje poche che ninde

(Meglio poco che niente)

(Spesso il segreto per essere felici è apprezzare anche quel poco che si ha)

Nu poche a ppedúne nen face mmale a nnissciúne

(Un poco per ciascuno non fa male a nessuno)

(In una politica dei sacrifici è indispensabile l’equa distribuzione delle cose e delle ricchezze)

U poche avaste e u ssaje se fenèssce

(Il poco è sufficiente, ma il molto finisce)

(A chi si accontenta, quel poco gli basta, chi ha molto e non sa gestirlo, spesso va in rovina)

Cchjù ppoche síme e cchjù bbèlle paríme

(Di meno siamo e più belli sembriamo)

(Se si vuole puntare alla qualità, è preferire fare pochi numeri ma buoni)

Chi nz’accundènde d’u poche, nn’addevènde maje ricche

(Chi non si accontenta del poco, non diventa mai ricco)

(Puoi diventare ricco partendo da qualsiasi situazione economica, l’importante è non accontentarsi)

Púre u pólece téne ‘a tosse

(Anche la pulce ha la tosse)

(Vuole far sentire ed esprimere la propria opinione anche se non ha un ruolo tale da dargli diritto di parola)

U pólece nd’a faríne se créde ch’éje mulenare

(La pulce nella farina si crede mugnaio)

(Spesso si vuole apparire diversi  e non ci si accorge che gli altri continuano a vederci per quello che realmente siamo)

U pólece nguarde mbacce a nnissciúne

(La pulce non fa differenza per nessuno)

(La pulce è un parassita veramente democratico, si annida senza fare differenza di ceto)

Chi téne poleve, spare

(Chi ha polvere spara)

(Chi possiede i mezzi agisce e comanda)

‘A poche poleve s’a porte u vínde

(La poca polvere se la porta il vento)

(Quando quello che si ha a disposizione è scarso, non basta nemmeno per il necessario)

L’acqua sfassce i pónde

(L’acqua rompe i ponti)

(La modesta ed incessante erosione dell’acqua fa più danni di una piena)

Chi se pongeche, èssce fóre

(Chi si punge, esce fuori)

(Chi si sente offeso e non è d’accordo, se ne vada)

Chi chiande spíne, se pongeche i mane

(Chi pianta spine, si punge le mani)

(Se continui a fare del male, prima o poi, qualcuno si vendicherà del torto subito)

Ndò spute u pópele se face ‘a fundane

(Dove sputa il popolo si forma una fontana)

(Solo col concorso di tutti si possono realizzare le grandi cose)

Fatte nu bbùne pópele e va rrubbe nd’a cchjíse

(Se riesci ad ottenere la stima del popolo, puoi andare a rubare anche in chiesa)

(Se sei riuscito a conquistare la fiducia, è molto difficile che essa venga meno anche se hai un comportamento non esemplare)

Voce de pópele, voce de Ddíje

(Voce di popolo, voce di Dio)

(Quando tutti sono concordi nell’affermare una cosa allora questa potrebbe essere anche la verità)

U pópele t’aàveze, u pópele t’avassce

(Il popolo ti esalta, il popolo ti distrugge)

(Il popolo ti da consenso, ma te lo toglie pure)

Se chiude ‘na porte e s’arape nu pertóne

(Si chiude una porta e si apre un portone)

(La vita è piena di opportunità, bisogna solo saperle cogliere)

A cchi porte, s’arape ‘a porte

(Chi dona viene accolto)

(Il dono deve suscitare sempre una reazione di gratitudine reciproca)

Quanne u povere dace o ricche, u diavele s’à ríre

(Quando il povero dà al ricco, anche il diavolo ne ride)

(È una risata secolare perché da che mondo è mondo senza il povero non si arricchisce il ricco)

U povere face èconomije sole quanne stace desperate

(Il povero risparmia solo quando è disperato)

(La malasorte tocca sempre al più povero)

I puverille sò cúm’e ccanne o vínde

(I poveri sono come canne al vento)

(Il povero è costretto sempre a sopportare le vessazioni altrui)

Assa fà a Ddíje: chi ci’à ccrejate nn’è puverille

(Lascia fare a Dio: chi ci ha creati non è povero)

(Nei momenti di incertezza e di disperazione dobbiamo avere fiducia in Dio)

Chi pratiche, mbare

(Chi fa pratica, apprende)

(Con l’esperienza ci si avvicina ad una nuova conoscenza)

‘A precessióne se véde quanne s’arretíre

(La processione si valuta al rientro in chiesa)

(Non bisogna essere affrettati nei giudizi)

Ógne pprèdeche fenèssce a llemòsene

(Ogni predica si conclude con l’elemosina)

(I discorsi seducenti quasi sempre terminano con la richiesta di qualcosa)

Ógne pprejèzze d’o córe véne

(Ogni gioia ti nasce dal cuore)

(L’uomo felice è quello nel cui cuore non c’è alcuna traccia di cattiveria)

Ógni pprengipeje è ddure

(Ogni inizio è duro)

(Iniziare qualcosa costa sempre tanta fatica)

D’ógne pprengipeje véne ‘a fine

(Di ogni cosa c’è un inizio e una fine)

(Tutto, in questa vita, è passeggero, nulla dura in eterno, tutto ha una fine)

Mizze presutte nen paghe dazzeje

(Mezzo prosciutto non paga dazio)

(Si comporta facendo finta di non capire)

‘A préte che rocele nen fa nnúsche

(La pietra che rotola non fa muschio)

(Chi continua a cambiare lavoro non è affidabile)

Méne ‘a préte e se tire ‘a mane

(Scaglia la pietra e nasconde la mano)

(Lancia una provocazione e poi si tira fuori dalla discussione)

Vace truuanne préte pe rrombe i núce

(Va cercando pietre per rompere le noci)

(Ha sempre un atteggiamento litigioso, polemico)

Fa cúme di e nno cúme prévete face

(Comportati come il prete dice e non come fa)

(Fa quello che dico, ma non fare ciò che faccio)

Prívete, múnece e ccane, è stà sèmbe che nu tacchere mmane

(Con preti, monaci e cani devi stare sempre con un un bastone in mano)

(Quando hai a che fare con certe categorie è meglio evitare la continua frequentazione)

Pe ffotte a nu prévete ce vonne dice avvucate dritte

(Per riuscire ad aver ragione di prete fesso, ci vogliono dieci avvocati in gamba)

(Anche il più ingenuo dei preti ha furbizia da vendere)

Sbaglje u prévete sóp’a vutare

(Sbaglia il prete sull’altare)

(Si possono sbagliare tutti, anche i preti durante la Messa)

È mégghje che cade n’úcchje de prévete e nno ‘na gocce de vine

(È preferibile che cada un occhio ad un prete e non una goccia di vino)

(Proverbio decisamente anticlericale che dimostra come i preti erano malvisti nel mondo contadino perché considerati espressione del potere)

È vva bbène, decíje donna Léne, quanne vedíje ‘a figghje préne

(E va bene, disse Donna Lena, quando si accorse che la figlia era incinta)

(Questo proverbio esprime la rassegnazione tipica del lucerino di fronte agli imprevisti e alle cattive notizie)

Prudíte o nase: pìzzeche, muzzeche e vvase

(Prurito al naso è segnale di pizzicotti, morsi e baci)

(Il prurito al naso di solito indica l’approssimarsi di problemi o liti, ma può avere anche un significato positivo)

Chi se spose pe pprudíte, sténde e ppéne tutt’a víte

(Chi si sposa solo per brama sessuale, stenta e pena per tutta la vita)

(Le persone che si sposavano per sfogare la propria libidine, a scapito dell’amore verso il proprio partner, non avranno una vita felice)

Ógne pprumèsse è ddèbbete

(Ogni promessa è debito)

(Una promessa deve essere sempre mantenuta)

Prumètte cèrte e vvéne méne secúre

(Promette con certezza, ma viene meno sicuramente)

(Si dice di una persona che solitamente manca alla parola data)

‘A pprupejetà è ‘na scarpètte: chi s’a lève e chi s’a mètte

(La proprietà è come una scarpa: chi se la toglie e chi se la mette)

(La proprietà si acquisisce e si perde)

I pruvèrbeje andíche nne sbagljene maje

(I proverbi antichi non sbagliano mai)

(Secoli e secoli di cultura e tradizioni hanno creato e limato i testi dei proverbi fino a renderli modelli di vita)

‘A pulénde prime abbotte e po’ allende

(La polenta prima gonfia e poi ti lascia leggero)

(La polenta ti sazia ed è lassativa)

U púlepe se coce nd’a l’àcqua súje stèsse

(Il polipo si cuoce nella sua stessa acqua)

(Se non accetta consigli, lascialo sbagliare)

Sckitte nd’a sacche nn’è bbone ‘a pulezzíje

(La pulizia non serve in tasca)

(Senza soldi in tasca si vive male)

U púrche cambe n’anne, u crestijane cchjù de n’anne

(Il maiale vive un anno, la persona più di un anno)

(E’ un monito a comportarsi con gli altri secondo le norme del buon vivere)

U púrche quanne è sazzeje, votte u tenille

(Il maiale quando è sazio, respinge il trogolo)

(Quando qualcuno ha raggiunto un suo scopo, si disinteressa del resto)

Púrche pulite nze ngrasse maje

(Maiale pulito non ingrassa)

(Le persone oneste e trasparenti non hanno vita facile)

U púrche è u míje e u ccide pe ndo vogghje íje

(Il maiale è il mio e lo ammazzo come preferisco)

(Respingere ogni consiglio o suggerimento)

U púrche guarde ndèrre

(Il maiale guarda per terra)

(Chi è è volgare nei modi di dire e di fare è destinato all’isolamento sociale)

U purtuualle a matíne éje óre, u júrne éje argìnde e ‘a sére éje chjúmme

(L’arancia il mattino è oro, il pomeriggio è argento, la sera è piombo)

(Il consumo di arance è indicato al mattino a digiuno, meno dopo i pasti e addirittura può risultare dannoso o fastidioso dopo cena)

Quanne se zappe e quanne se púte, nténghe zijáne, nténghe nepúte, quanne è ttímbe de vedegnà, zizì da qquà, zizì da llà

(Quando si zappa e quando si pota, non ci sono ne zii e ne nipoti, quando arriva la vendemmia, zio di qua, zio di là)

(Le persone opportuniste si presentano solo al momento di tutelare i loro interessi)

Vulènne, putènne, paganne

(Volendo, potendo, pagando)

(Se avrò e se potrò, pagherò)

Zomba chi po’

(Salta chi può)

(Ognuno si arrangi come può)

Trè sò i putínde, u pape, u rrè e chi nténe ninde

(Tre sono i potenti, il papa, il re e chi non ha niente)

(Non si può negare che il papa ed il re siano potenti, come non si può negare che anche il nullatenente lo è perché è immune da tasse, multe, tariffe, doveri, obblighi, responsabilità)

Guastà ‘a menèstre pe ‘na fronne de putrusíne

(Guastare la minestra per una foglia di prezzemolo)

(Rovinare i progetti per un nonnulla)

Pe nu solde de putrusíne guastame ‘a menèstre

(Per un soldo di prezzemolo roviniamo la minestra)

(È controproducente rovinare tutto per risparmiare)

È ppetrusíne che nne guaste menèstre

(È prezzemolo che non guasta la minestra)

(È una persona tranquilla e accomodante)

Ce vole fertúne púre a ffà ‘a puttane

(Ci vuole fortuna anche a fare la puttana)

(In ogni aspetto della vita ci vuole sempre un po’ di buona sorte)

A puttane Sanzevíre frèche e cchiagne

(La puttana di San Severo fotte e piange)

(Ostentare in modo ipocrita miserie, difficoltà della vita per suscitare commiserazione)

‘A puttane a puje mètte ‘a sèggia sòtte, a marijole no

(Alla puttana le puoi mettere la sedia sotto, alla ladra no)

(Ispira più fiducia una donna di vita che non un’incallita ladra)

Quanne a’ fèmmene u cúle l’abballe, senn’è puttane, diavele falle

(Quando alla donna il culo le balla, se non è puttana diavola falla)

(Le donne che hanno una camminata provocante, sono considerate poco serie)

Sparte recchèzze e ddevènde puurtà

(Dividi la ricchezza e diventerà povertà)

(Le divisioni non accontentano nessuno)

‘A puurtà nténe ‘a vita longhe

(La povertà non ha vita lunga)

(La povertà è una situazione da cui la gente vuole sempre evadere)

‘A puurtà nne stace dìnd’a sacche, ma stace ngape

(La povertà non è nella tasca ma nella mente)

(È povero non chi possiede poco ma chi ha le idee piuttosto confuse)

Puurtà nen guaste ggendelèzze

(La povertà non impedisce la gentilezza)

(La povertà non toglie gentilezza ad alcuno)

Chi puzze e chi fète

(Chi puzza e chi emana odore cattivo e disgustoso)

(Un fatto chiamalo o presentalo in modo diverso, rimane sostanzialmente la medesima cosa)

A ssicchje a ssicchje s’assécche u púzze

(A secchio a secchio si prosciuga il pozzo)

(I soldi guadagnati con fatica, se non ben amministrati, vanno)