PROVERBI – R

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera

 

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

 

 

PROVERBIO LUCERINO

(TRADUZIONE LETTERALE)

(SENSO FIGURATO)

Chi racioppe, púre vennègne

(Chi raccoglie i racimoli, fa la sua vendemmia)

(La vera felicità dell’uomo sta nell’accontentarsi)

Ragghje de ciucce nn’arrive ngíle

(Il raglio dell’asino non arriva in cielo)

(Le parole dette per invidia o cattiveria da persone di scarso valore non fanno testo)

‘A raggione éje d’i fèsse

(La ragione è dei fessi)

(La ricerca della ragione ad ogni costo è propria degli sciocchi)

Chi razze vole fa, d’a figghja fèmmena adda ngegnà

(Chi una bella famiglia vuole fare, con la figlia femmina deve iniziare)

(L’importanza della donna come primogenita come aiuto alla madre)

Nissciúna recchèzze dure cind’anne

(Nessuna ricchezza dura cento anni)

(Quando si parla di ricchezza ogni situazione si può capovolgere)

Ógne recchèzze véne d’a tèrre

(Ogni ricchezza viene dalla terra)

(Nel mondo contadino il possesso della terra era visto come unica fonte di ricchezza)

Nn’arapènne rècchje a ssúrde

(Non aprire le orecchie ai sordi)

(Non bisogna mai parlare di cose riservate se nelle vicinanze c’è qualcuno che cerca di ascoltare un discorso altrui)

Rècchja a manghe córe franghe, rècchja ritte córe afflitte

(Fischio all’orecchio sinistro cuore franco, fischio all’orecchio destro cuore afflitto)

(Una antica credenza vuole che se si sente un leggero fischio nell’orecchio sinistro, vuol dire che qualcuno sta parlando bene di noi, al contrario se è nell’orecchio destro)

Sand’Anne sape chi téne i recchjíne

(Sant’Anna conosce chi ha gli rubato gli orecchini)

(Ha commesso qualcosa di grave ed ha la coscienza sporca)

Cúme simmene, accussì arraccugghje

(Come semini, così raccogli)

(I tuoi comportamenti avranno sempre delle conseguenze)

È ssciúte ‘a recotte de fúme

(È stata prodotta una ricotta che sa di fumo)

(È un’iniziativa con esito negativo)

Sacche vacande nze réje alèrte

(Sacco vuoto non si regge in piedi)

(La pancia vuota non permette di svolgere attività)

Chjacchjere e ttabbacchére de légne nen fanne remóre

(Chiacchiere e tabacchiere di legno non fanno rumore)

(Le cose di scarso valore non servono a niente)

Chi rengrazzeje, èssce fóre d’obbleghe

(Chi ringrazia si libera dall’obbligo)

(Il ringraziamento è il modo più corretto per sdebitarsi di un favore ricevuto)

U servizzíje che rengrèssce, falle pe pprime

(Il compito che ti pesa fallo per primo)

(Se una cosa ti costa fatica, eseguila subito)

Cchjù ppènne, cchjù rrènne

(Più le cose sono trascurate, più diventano un peso)

(Tutto ciò che trascuri, prima o poi diventa un problema)

Repubbleche faveze e ppéssce puzzulènde

(Repubblica falsa e pesce puzzolente)

(Se una organizzazione è marcia spesso la colpa è principalmente di chi ne fa parte)

‘A cadúte porte ‘a ríse

(La caduta desta la risata)

(La caduta a terra di una persona provoca sempre ilarità)

Chi riseche, roseche

(Chi risica, rosica)

(Chi accumula ricchezze non è un uomo felice)

U respètte véne da n’atu respètte

(Il rispetto nasce dal rispetto)

(Il rispetto nasce sempre e solo quando si ha la consapevolezza dei diritti e dei meriti altrui)

Chi rèste, l’acconde

(Chi resterà, lo racconterà)

(Alla fine quelli che restano possono dire quello che vogliono)

Sóp’a restoccia arze nge stà da speculà

(Sulle stoppie bruciate non trovi da spigolare)

(Al di là di un limite stabilito nulla si può più ottenere)

Ndà rètte a ssúnne, che u súnne è ngannatóre

(Non dar retta al sogno che è ingannatore)

(Non bisogna fidarsi dei sogni perché essi spesso sono vani)

Ógn’e rricce nu capricce

(Ogni riccio un capriccio)

(La donna dai capelli ricci è capricciosa tanto quanto la sua particolare chioma riccioluta)

I ricche cchjù ténene e cchjù vonne

(I ricchi più hanno e più vogliono)

(Il ricco vuole continuare ad accumulare sempre e sempre più)

Si Criste te vole ricche, à sape ‘a case

(Se Dio ti vuole ricco, conosce la tua casa)

(Datti da fare e vedrai che Dio ti aiuta)

Ddíje te scambe da ricche scadúte e pezzènde revenúte

(Dio ti guardi da povero arricchito, da ricco caduto in miseria)

(Il ricco impoverito diventa cattivo, il povero arricchito diventa arrogante)

Chi nz’accundènde d’u poche, nn’addevènde maje ricche

(Chi si accontenta del poco non diventerà mai ricco)

(Chi non ha ambizione rimarrà sempre un poveretto)

Chi ríre de venerdì, chiagne sabbete, dumèneche e llunedì

(Chi ride di venerdì, piange sabato, domenica e lunedì)

(Il ridere di venerdì porta sfortuna e quindi poi il sabato, domenica e lunedì si piange)

Ríre che u puje ssciuppà i dínde d’a mmocche

(Ride che puoi toglierli i denti dalla bocca)

(Ha una risata che sprizza gioia da tutti i pori)

Chi ríre e chi chiagne

(Chi ride e chi piange)

(Dove c’è ingiustizia c’è sempre chi ne ne gode e chi la subisce)

Chi romba, paghe

(Chi rompe, paga)

(Chi provoca un danno deve piangerne le conseguenze)

Chi romba, angigne

(Chi rompe, inaugura)

(Il rito di una volta della prima notte di matrimonio)

U suuírchje rombe u cuuírchje

(Il soverchio rompe il coperchio)

(Ogni eccesso è pericoloso)

‘A stizzeca cundinuue rombe u matóne

(La goccia continua rompe il mattone)

(Con la perseveranza si raggiungono gli obiettivi prefissati)

Si sò rrose ànna fiurì

(Se sono rose fioriranno)

(Di fronte a situazioni che si presentano spesso difficili occorre avere la pazienza di attenderne lo sviluppo)

Nzò tutte rose e ffiúre

(Non sono tutte rose e fiori)

(Anche le situazioni apparentemente più facili comportano disagi perché le difficoltà non smetteranno di esistere)

Da ‘na bbona rose nassce ‘na mala spíne, da na mala spíne nassce‘na bbona rose

(Da una bella rosa può nascere una brutta spina, da una brutta spina può nascere una bella rosa)

(Ogni situazione della vita può avere un epilogo positivo, ma può avvenire anche il contrario)

Ógne rrose téne i spíne

(Ogni rosa ha le spine)

(La sofferenza è una componente della vita)

Nge stà rose sènza spíne

(Non c’è rosa senza spine)

(Ogni persona ha sempre i suoi difetti)

Tu sì fundane rose, veléne ngúrpe a te nge repose

(Tu sei una fontana di rose, la rabbia dentro di te non riposa)

(Sei una persona caratterialmente stabile, senza rancori interiori)

‘A rote ggire

(La ruota gira)

(Il male che fai, prima o poi, ti si ritorce contro)

‘A rote vole èsse únde

(La ruota vuole essere unta)

(Per ottenere facilitazioni, favori o benefici non dovuti, spesso bisogna corrompere qualcuno)

Unge l’asse che ‘a rote camíne

(Ungi l’asse che la ruota cammina)

(L’inno alla bustarella)

Mò nfacíme trè fíche nove rotele

(Ora non facciamo tre fichi nove rotoli)

(Spesso c’è chi esagera nei comportamenti e nelle valutazioni)

‘A rrobbe è di chi s’a gode, nno de chi s’a face

(La roba è di chi se la gode, non di chi l’accumula)

(C’è chi accumula la ricchezza e chi ne gode i benefici)

Chi dace ‘a rrobbe prime che more, si stace da dìnde se trove da fóre

(Chi spartisce la ricchezza prima di morire, se è dentro si trova di fuori)

(Non è mai salutare dividere la propria ricchezza prima di morire perché si corre il rischio di diventare poveri e dimenticati)

Rrobba mbrestate, mezza rijalate

(Roba prestata, mezza regalata)

(Chi presta soldi o cose deve mettere in conto che potrebbero non essere restituiti)

Rrobba truuate, mèzza arrubbate

(Roba trovata, mezza rubata)

(Chi trova una cosa di valore e non fa nulla per consegnarla al legittimo proprietario, è paragonabile a un ladro)

‘A rrobbe a chi rrobbe e l’ànem’a Ddíje

(La roba a chi la conquista e l’anima a Dio)

(È un richiamo ad attribuire i meriti a chi li ha e non a coloro che se li appropriano)

L’ànem’a Ddíje e ‘a rrobbe a chi attocche

(L’anima a Dio e la roba a chi spetta)

(A ciascuno il suo)

Rrobbe de magnatoreje nze porta a cumbessoreje

(Chi ruba per mangiare non deve confessare)

(Rubare per sopravvivere è un atto di disperazione e non un peccato da confessare)

‘A rrobbe è de Ddíje: magne tu e magne íje

(Mangia tu che mangio anch’io e mangiamo tutti in nome di Dio)

(E’ il vangelo di chi specula e si arricchisce grazie alla sua posizione di potere)

Quanne ‘a rrobbe è bbone, se vénne súbbete

(Quando la roba è di qualità, si vende subito)

(La freschezza e la qualità dei prodotti sono il presupposto per diventare dei venditori vincenti)

‘A rrobbe d’u vusurare s’a magne u ssciambagnóne

(I soldi dell’usuraio se li consuma lo spendaccione)

(E’ un vero monito per gli avari)

Chi téne ‘a rúgne, s’à gratte

(Chi ha la rogna, se la gratti)

(Ognuno deve risolvere i propri problemi)

Chi cèrche ‘a rúgne, trove chi ci’a gratte

(Chi va in cerca di rogne, trova chi gliele fornisce)

(Chi agisce in modo da tirarsi addosso rogne, alla fine finisce nei guai)

Vúne è rrúgne e n’àvete è ttígne

(Uno ha la rogna e l’altro ha tigna)

(Luno vale l’altro, perché entrambi sono pieni di difetti)

Se nn’è rrúgne, è ttígne

(Se non è rogna, è tigna)

(Sono due pessimi soggetti, uno vale l’altro)

U russce pruuene d’o músse

(Il rosso in viso viene dalla bocca)

(L’arrossamento del viso è sintomo di buona salute e del mangiare bene)

‘A mégghja rossce à ccedíje ‘a mamme

(Quella con i capelli rossi più buona fu uccisa dalla mamma)

(Chi aveva i capelli rossi era tenuta in scarsissima considerazione, con molta esagerazione)

Nen trattanne c’u russce se nn’u canussce

(Non avere a che fare con chi ha i capelli rossi se non lo conosci)

È sempre esistita una certa prevenzione verso le persone dai capelli rossi)

Vassce, mússce e rrussce nde fedanne se nn’i canussce

(Bassi, lenti e rossi non ti fidare se non lo conosci)

(Nella cultura popolare si dice, per tradizione, che quelli di carnagione o capigliatura rossa che non sono persone affidabili)

‘A mmèrde cchjù a rrevúte e cchjù féte

(La merda più la rigiri e più puzza)

(Più si presta attenzione ad un pettegolezzo, più si fa danno)

‘A ruzzene se magne u fìrre

(La ruggine consuma il ferro)

(L’invidia è peggio di un cancro)