PROVERBI – S

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera

 

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

 

 

PROVERBIO LUCERINO

(TRADUZIONE LETTERALE)

(SENSO FIGURATO)

Nge stace sabbete sènza sóle, nge stace fèmmene sènza amóre

(Non c’è sabato senza sole, non c’è donna senza amore)

(Come sono rari i giorni di sabato in cui il sole non c’è, così anche l’amore senza una donna)

Ddíje nen paghe de sabbete

(Dio non paga di sabato)

(Gli errori, i passi falsi che si fanno non si scontano sempre subito)

U sacche vacande, nze mandéne alèrte

(Il sacco vuoto non si regge in piedi = Chi mangia poco sta malfermo in piedi)

Chi tande fategaje nd’a nu sacche se truuaje

(Chi lavorò tanto, alla fine si ritrovò con pugno di mosche)

(Dopo una vita di lavoro si può rimanere senza niente in mano, non aver guadagnato nulla)

Te ne magnà de sale!

(Te ne devi mangiare di sale!)

(Devi crescere!)

Strada facènne, s’aggiuste a sàleme

(Strada facendo si aggiusta il carico)

(A mano a mano la faccenda si va aggiustando)

So tutte e ‘na manére i purtualle Salírne

(Sono tutte uguali le arance di Salerno)

(Non c’è possibilità di scelta)

Tutt’i salme fenésscene ngloreje

(Tutti i salmi finiscono col gloria)

(Si conosce in partenza a cosa porterà lo scopo di un certo discorso)

‘A prima recchèzze è ‘a salúte

(La prima ricchezza è la salute)

(Nella vita la cosa più importante è prendersi cura del proprio corpo)

Quanne stace ‘a salúte, stanne tutte cose

(Quando c’è la salute, c’è tutto)

(La salute è la cosa più importante)

U salúte tanne tanne e ‘a fegghiande ngape de n’anne

(Le condoglianze si fanno subito, la visita alla partoriente si può fare anche nel corso dell’anno)

(Ci sono cose che vanno fatte subito, per altre si può aspettare)

Stipe u salvejètte pe quanne arrive u banghètte

(Conserva il tovagliolo per quanto preparerai il banchetto)

(Certe offese verranno a suo tempo ripagate)

A Sambbijase dìnde a ógne ppertúse u sóle trase

(A San Biagio il sole entra in ogni pertugio)

(Un saluto gioioso per annunciare che l’inverno è quasi finito)

A Sammartíne ógne mmúste è vvíne

(A Sanmartino ogni mosto è diventato vino)

(Per la festa di San Martino inizia la degustazione del vino novello)

A Sande Matteíje vennégna cúm’éje

(A San Matteo devi necessariamente vendemmiare)

(Per evitare i danni delle piogge, qualunque sia lo stato di maturazione dell’uva, il giorno di San Matteo bisogna iniziare la vendemmia)

A Sanda Cataríne ‘a néve sópe i spíne

(A Santa Caterina la neve sulle siepi )

(Il giorno di Santa Caterina (25 novembre), in genere, fa capolino la neve ed incomincia l’inverno)

Sanda Chiare, dopp’arrubbate facíjene fa i porte de fìrre

(Dopo aver rubato a Santa Chiara, fecero le porte di ferro)

(Dopo aver subito un evento dannoso, si prendono provvedimenti ormai inutili)

A Ssanda Lucíje u júrne cchjù ccúrte che ce síje

(Il giorno di Santa Lucia è il giorno più corto che ci sia)

(In realtà non è questo il giorno più breve dell’anno,  dopo il quale le giornate tornano finalmente ad allungarsi: infatti è invece il 21 o il 22 di dicembre)

Sanda Lucíje se mètte ‘a vésta janghe

(Santa Lucia si veste di bianco)

(Il giorno della sua festa Santa Lucia si veste di bianco se cade la prima neve)

Sand’Andoneje face tridece grazzeje o júrne

(Sant’Antonio fa tredici grazie al giorno)

(C’è una forma di devozione che nasce poi dalla convinzione popolare che S.Antonio ottenga dal Signore ogni giorno per i suoi devoti ben tredici grazie , cioè è in grado di fare 13 miracoli al giorno (le cosiddette 13 grazie))

A Sandandúne ógn’e gallenèlle angigne l’úve

(Il giorno di Sant’Antonio Abate ogni gallinella comincia a fare l’uovo)

(La festa di Sant’Antonio Abate e’ il periodo in cui le galline iniziano a fare l’uovo)

Sand’Anne sape chi téne i téne i recchjíne

(Sant’Anna sa chi gli ha rubato gli orecchini)

(Qualsiasi azione cattiva viene commessa, la verità prima o poi viene a galla)

Grazzia avúte e Ssande gabbate

(Avuta la grazia, il santo non è più venerato)

(Ottenuto ciò di cui si ha bisogno, ci si dimentica presto delle promesse fatte per ottenerlo)

Passate ‘a fèste, gabbate u sande

(Passata la festa, gabbato il santo)

(Dopo aver ottenuto il piacere richiesto, ci si dimentica ben presto del bene ricevuto)

Ognúne se préghe u Criste súje

(Ognuno prega il suo Cristo)

(Ognuno pensa sempre a far bene i propri affari)

Senza Sande nze vace mbaravise

(Senza Santi non si va in paradiso)

(Senza le raccomandazioni dei potenti non si ottiene niente)

Vejate a chi téne nu Sande ndèrre e n’àvete mbaravise

(Beato chi un Santo in terra ed un altro in paradiso)

(Fortunato chi ha qualcuno che lo favorisce e lo protegge)

Chi téne Sande vace mbaravise e chi nno more accise

(Chi ha un Santo che lo protegge va in paradiso, chi non ce l’ha fa una brutta fine)

(Va sempre bene a chi ha la fortuna di avere qualcuno che lo protegge, perché l’alternativa è molto dolorosa)

Cúm’éje u Sande accussì ce vole u nginze

(A seconda dell’importanza del Santo, si usa l’incenso)

(Certi comportamenti si hanno a secondo dell’importanza del personaggio con cui si ha a che fare)

Nu sande éje gode

(Puoi godere solo della protezione di un Santo)

(Non si può ottenere tutto nella vita)

Tutt’i sande fenisscene ngloreje

(Tutti i santi finiscono in gloria)

(Spesso appare evidente in partenza la conclusione a cui mira un certo discorso)

U sande dure otte júrne

(L’onomastico dura otto giorni)

(Quando si vuole fare qualcosa c’è sempre tempo)

A San Frangische, i fafe nganístre

(Il giorno di San Francesco, le fave nel canestro)

(Per la festa di San Francesco inizia il periodo di semina delle fave)

I panne San Frangische se nzò jjanghe, sò ffrisccke

(I panni di San Francesco se non bianchi sono freschi)

(Sarà anche umile biancheria, ma profuma di pulito)

U sanghe mbote devendà acque

(Il sangue non può diventare acqua)

(I vincoli di parentela non si possono scordare facilmente)

Tra sogre e nnόre ng’è maje state bbùne sanghe

(Tra suocera e nuora non c’è mai stato buon sangue)

(L’eterno odio tra suocera e nuora)

U sanghe stagne, ma lasse ‘a magagne

(Il sangue ristagna, ma lascia il segno)

(I torti subiti e i rancori a lungo covati nelle relazioni fra parenti spesso sono dimenticati, ma hanno, comunque, conseguenze)

U víne mètte sanghe

(Il vino fa sangue)

(Un buon bicchiere di vino non fa mai male, anzi ha effetto benefico per il nostro organismo)

Chi sape lègge, lègge ritte e stúrte

(Chi sa leggere, legge la scrittura dritta e quella storta)

(Chi ha delle buone qualità le mostra sempre)

Se sape a ndò se nassce, nze sape a ndò se more

(Si sa dove si nasce, ma non si sa dove si muore)

(La vita di ognuno ha un’unica certezza mentre per il resto è determinata dalle condizioni esistenti in un dato istante)

Chi te sape, t’arape

(Chi ti conosce, ti apre)

(Quanto meglio conoscono le tue abitudini tanto più facile che ti derubino)

Tutte è bbùne a sapè

(Tutto è utile sapere)

(Nella vita tutto può servire)

Appleche e fa sapóne

(Prendi esempio e comportati di conseguenza)

(Capire l’antifona e trarre le proprie conclusioni)

Luuà ‘a sarde d’a mmocche ‘a gatte

(Togliere la sarda dalla bocca della gatta)

(È una cosa difficile che possa accadere)

Sande Rocche pe ‘na cacate facíje fa notte

(San Rocco per defecare fece fare notte)

(Per eseguire un compito ci ha impiegato un certo tempo)

Vúje ‘a vacca sazzeje e u vvetille satúlle

(Vuoi la mucca sazia ed il vitello sfamato)

(Volere tutto senza rinunciare a nulla)

‘A trippa sazzeje vace truuanne repúse

(La pancia piena vuole riposo)

(Dopo un pasto ricco, è sempre opportuno fare uno stop)

Chi sbaglia, paghe

(Chi sbaglia paga)

(È una la legge naturale della vita che ognuno debba pagare per i propri errori)

Cúme faja, faje, sbaglie

(In qualunque modo ti comporti, sbagli)

(Si sbaglia sempre, per rabbia, per amore, per gelosia, per imparare, per crescere e per maturare)

E’ mégghje a ttrattà che rricche scadúte e nno pe nu pedocchje revenúte

(E’ meglio avere a che fare con un ricco decaduto che con un povero arricchito)

(Il ricco diventato povero è anche capace di atti di generosità, mentre chi è stato povero, difficilmente si lascia andare ad atti di altruismo)

Chi stace vecín’o sóle, se scalefe

(Chi sta vicino al sole, si scalda)

(Chi frequenta assiduamente una persona importante ne trae indubbiamente vantaggio)

Scalefe de cúle, scalefe de frégne, a facce de chi à ffatte ‘a légne

(Riscaldamento di sedere, riscaldamento di pube, alla faccia di chi ha fatto la la legna)

(Finché godo i privilegi di una certa situazione, non mi preoccupo certamente di chi l’ha procurata)

A vvínd’anne o maritele o scannele

(A vent’anni o maritala o scannala)

(Il pensiero assillante dei genitori di una volta era quello di trovare un marito alle figlie femmine il più presto possibile)

Ógne scarafóne è bbèlle a mamma súje

(Ogni scarafaggio è bello agli occhi della propria madre)

(Il proprio figlio, bello o brutto che sia, agli occhi della mamma, è sempre perfetto)

U scarpare p’i scarpe rotte

(Il calzolaio va sempre con le scarpe rotte)

(È una persona che, dando priorità alle esigenze altrui, tralascia le proprie)

Ógni scarpíne devènde scarpóne

(Ogni scarpina diventa scarpone)

(È inevitabile che un uomo o una donna, invecchiando, diventano meno attraenti)

I scarpe cchjù so strètte, cchjù fanne male

(Le scarpe più sono strette, più fanno male)

(Più sono stretti i rapporti di parentela, più sono difficili da gestire)

Quatte figghje, nu pare de scarpe

(Quattro figli un paio di scarpe)

(Dove le risorse economiche sono scarse, nei confronti dei figli si è costretti ad avere comportamenti sempre diversi)

Quanne se schèrze, se schèrze

(Quando si scherza, si scherza)

(Finiamola di scherzare, questo è un argomento o una situazione che non può essere trattata con tanta leggerezza)

Schèrze de mane, schèrze de vellane

(Scherzi di mani, scherzi di villani)

(È estramamente diseducativo scherzare facendo ricorso alla forza fisica)

Che la case e che la vígne, s’ammarite púre ‘ a scígne

(Con la casa e con la vigna, si sposa pure la scimmia)

(Con una buona dote si riesce a sposare anche una ragazza non avvenente)

Chi schífe, véne sckefate

(Chi disprezza, sarà disprezzato)

(È buona norma comportamentale non disprezzare mai gli altri se non si vuole subire lo stesso trattamento)

‘A scope nove, caccia ‘a vécchje

(La scopa nuova, prende il posto della vecchia)

(In un ambiente di lavoro chi arriva per ultimo cerca di dare il massimo per dimostrare quanto vale, spesso in danno di altri)

Èje ‘na scope pe sfennelijà

(È una scopa buona solo per spolverare)

(È una donna ossuta donna con scarsa avvenenza)

Quille ch’è scritte è scritte

(Quello che è stato scritto, resta scritto)

(Non intento ritornare sulla decisione presa)

Chi afflitte cambe, scunzulate more

(Chi vive male, muore sconsolato)

(Chi non sa prendere la vita in maniera positiva è destinato all’infelicità)

A scúrde tutt’i fèmmene s’assemègghjene

(Al buio tutte le donne si somigliano)

(Esiste una indubbia difficoltà di scegliere o giudicare quando mancano i mezzi)

‘A códe è mmale a scurtecà

(La coda è la parte più difficile da scorticare)

(L’ultima parte d’un lavoro è la più difficile)

Quanne sderlambe scambe, quanne ndrone chjóve

(Quando lampeggia si rasserena, quando tuona piove)

(Ogni evento è sempre conseguenza di un altro)

Óme a ccavalle, sebblettúre apèrte

(Per chi a cavallo, si apre la sepoltura)

(Una caduta da cavallo può essere pericolosa fino alle estreme conseguenze)

Pegghjamece u secúre ógge

(Prendiamo ciò che è sicuro adesso)

(Bisogna sfruttare al meglio tutto ciò che ci capita al momento perché poi potrebbe essere definitivamente perduto)

De secúre ce stace sole ‘a morte

(Di sicuro c’è solo la morte)

(Niente è più certo della morte…)

Segnóre, libbrece d’a i segnalate túje

(Signore, liberaci dai tuoi segnalati)

(È un proverbio che fa parte della superstizione perché mette, ingiustamente, in relazione deformità, malattie e  malvagità)

Doppe ‘a tonne, véne ‘a seconde

(Dopo la neve a granelli, cade la neve a fiocchi)

(Esistono condizioni transitorie che solitamente non durano per molto tempo)

U Segnóre te chiude ‘na porte e t’arape nu pertóne

(Il Signore ti chiude una porta e ti apre un portone)

(Il Signore non sconvolge inutilmente la gioia degli uomini, se non per prepararne una di più certa e grande)

U Segnóre dace u pane a chi nténe dínde

(Il Signore da il pane a chi non ha i denti)

(Molte volte sembra che Dio gratifichi chi non sa apprezzare certi doni)

Tutte è ssembatije sóp’a sta facce de tèrre

(Tutto avviene per simpatia a questo mondo)

(Nella vita la decisione di sostenere e aiutare l’uno piuttosto che l’altro è spesso dovuta ad una istintiva sensazione di gradimento verso qualcuno)

Simmene e ffà sule

(Semina e fai da solo)

(Se da solo fai un bel lavoro, i vantaggi saranno tutti tuoi)

Cúme simmene accussì arrecugghje

(Come semini, così raccogli)

(I risultati nella vita scaturiscono dalle scelte fatte)

Chi sèmmene, arrecogghje

(Chi semina, raccoglie)

(Se nella vita ci si da fare per qualcosa, la si ottiene)

Chi sèmmena vínde, arrecogghje tembèste

(Chi semina vento, raccoglie tempesta)

(Chi fa del male, riceverà un danno maggiore di quello arrecato)

Chi sèmmene prète, arrecogghje vrìccele

(Chi semina pietre, raccoglie brecce)

(Ognuno raccoglierà ciò che ha seminato)

Semmeníje quanne vúje, che sènbe a ggiugne mite

(Semini quando credi, sempre a giugno mieterai)

(Per la tradizione contadina è sempre a giugno la stagione di mietitura)

Chi semmeneje ammizz’a víje, pèrde semènde e ffatíje

(Chi semina in luogo non adatto, perde il seme ed il  lavoro fatto)

(Alle volte i nostri comportamenti non hanno niente che non vanno, ma spesso sono i contesti non adeguati)

Úcchje che nen véde, córe che nen sénde

(Occhio che non vede, cuore che non sente)

(Si può essere dispiaciuti per qualcosa solo se ne viene a conoscenza)

I sendènze d’i mamme accogghjene

(Le sentenze delle mamme colpiscono)

(La mamma è un essere umano vincibile e non infallibile, ma più che spesso consiglia sempre il meglio)

I sendènze sò de canígghje, chi i méne i pigghje

(Le sentenze sono di crusca, ripiombano su chi le pronuncia)

(Procurare il male per gli altri, non garantisce l’incolumità dal proprio)

Nze dice maje bbona sére, se notte

(Non si augura mai buona sera, se non si fa buio)

(La giornata non è ancora terminata, può accadere di tutto, nel bene o nel male)

Núvele d’èstate e seréne de virne, amóre de fémmene e trotte de múla vécchje poche durene

(Nuvole d’estate e sereno in inverno, amore di donna e trotto di mula anziana durano poco)

(Nella vita ci sono molte cose su cui non bisogna fare molto affidamento)

U servìzzeje che te rengrèssce, falle apprime

(Ciò che ti pesa, fallo per primo)

(Se una cosa ti costa fatica, eseguila subito)

Vínde de tramundane: ttrè jjúrne o ‘na settemane

(Vento di tramontana: dura tre giorni o una settimana)

(La meteorologia “cafona “, dettata dall’esperienza)

O sfategate nn’i piace ‘a stile d’a zappe

(Allo sfaticato non piace il manico della zappa)

(La persona che non ha voglia di fare nulla trova mille pretesti per non lavorare)

Nu fèsse te sfèsse

(Uno sciocco ti può fregare)

(Stai attento perché una persona che si considera uno stupido, ti può danneggiare)

Chi sfotte, rumane sfettúte

(Chi prende in giro resta preso in giro!)

(Spesso lo schernitore rimane schernito)

Sicce e ttrippe vaccíne, sbrevogna cucíne

(Le seppie e la trippa di vitella fanno fare una brutta figura alla cucina)

(Sono due pietanze che con la cottura diminuiscono di volume)

U vusurare cache sicche

(L’usuraio fa le feci secche)

(L’usuraio è smodatamente desideroso di conservare sempre quello che ha)

U sìmele c’u sìmele

(Ogni simile cerca il suo simile)

(Coloro che condividono interessi, inclinazioni e obiettivi di vita inevitabilmente si attraggono)

Sogre e nnóre nge capene nd’a sarole; la mamme e la figghje ce capene nda ‘na bbuttiglje

(La suocera e la nuora non entrano in un’anfora di terracotta: ma la mamma e la figlia entrano in una bottiglia)

(Due eterne situazioni familiari, l’una indica il disagio, l’altra la quasi perfezione)

Sogre e nnóre u diavele e la malóre

(La suocera e la nuora sono come il diavolo e la sfiga)

(E’ il solito motivo per evidenziare il difficile rapporto tra nuora e suocera)

Tra sogre e nnóre ng’è state maje bbùne sanghe

(Tra la suocera e la nuora non è corso mai buon sangue)

(La tradizionale e sempre attuale incomunicabilità tra suocera e nuora)

I solde fanne arapì l’ucchje e cecate

(Gli occhi fanno aprire gli occhi ai ciechi)

(Al fascino dei soldi niente e nessuno sa resistere)

Solde e úcchje da fóre, ‘na vóte assciúte nen trasene cchjù

(Soldi e occhi sporgenti una volta che sono usciti, non rientrano più)

(Non bisogna pensare più a quei soldi che sono stati spesi perché ormai sono andati e non torneranno più)

I solde de l’àvete se mesurene c’u ttúmmele

(I soldi degli altri si misurano a tommoli)

(Ognuno pensa che gli altri hanno sempre più soldi)

I solde ‘u vusurare s’i fréche u ssciambagnóne

(I soldi dell’usuraio li consuma l’erede scialacquone)

(Tutte le ricchezze accumulate dall’avaro saranno consumate da un familiare spendaccione)

Sènza solde nze candene mèsse

(Senza soldi non si cantano messe)

(Niente si ottiene senza soldi)

I solde vanne e vvènene

(I soldi vanno e vengono)

(Le esigenze quotidiane portano inevitabilmente a spendere buona parte dei soldi guadagnati)

I solde fanne l’ati solde

(I soldi producono altri soldi)

(La continua aspirazione alla ricchezza porta ad accumulare soldi su soldi)

U solde sparagnate è ddoje vóte guadagnate

(Il danaro risparmiato è due volte guadagnato)

(Se non spendi soldi li stai quasi guadagnando, perché ti rimangono in tasca)

I solde sò lútema cóse

(I soldi sono l’ultima cosa)

(Non è il denaro la cosa più importante che ci sia)

I solde vanne fujènne

(I soldi scarseggiano)

(Non ho soldi è la scusa di chi ritarda sempre a saldare i propri debiti)

I solde trasene d’a fenéstre e èsscene d’o pertóne

(I soldi entrano dalla finestra e escono dal portone)

(I soldi guadagnati sono fatti per essere spesi)

Chi mostre i solde, mostre i corne

(Chi mostra i soldi, mostra le corna)

(Spesso accade che chi ostenta troppo i soldi, dimostra che li ha guadagnati in maniera disonesta)

Vénne u sóle e accattà ‘a lúne

(Vendere il sole e comprare la luna)

(Fare un affare molto svantaggioso)

Duje súrece mbonne stà d’ò stèsse pertúse

(Due topi non possono stare nello stesso buco)

(Perché un’impresa proceda bene, non ci possono essere due capi, basta uno solo)

Ognúne téne ‘a sorta súje

(Ognuno ha il suo destino)

(Ognuno ha il proprio destino)

Gnoggne, prescègne e cannarute, tènene ‘a mègghja sorte

(Le donne sciatte, insulse e golose hanno sempre le migliori fortune)

(La fortuna sorride spesso a chi non la merita)

I spade appése e i fodere a ccumbatte

(Le spade appese e i foderi a combattere)

(Chi ha le capacità si defila, lasciando che i mediocri prendano il suo posto)

Mègghje poche a spandecà e nno assaje a trebbullà

(È preferibile patire un poco che tribolare molto)

(Spesso è meglio provare un piccolo dispiacere che essere sempre tormentati ed inquieti)

Chi sparagne, face nu grande guadagne

(Chi risparmia, fa un grosso guadagno)

(Conviene sempre risparmiare perché il vero guadagno è nel risparmio)

Chi sparagne, spréche

(Chi rispamia, spreca)

(L’eccessivo risparmio porta a perdere tante opportunità)

Chi tande sparagnaje, nd’a nu sacche se truuaje

(Chi pensò solo a risparmiare, si trovò poi nel sacco)

(Nella vita è indispensabile essere lungimiranti)

U vécchje sparagne ‘a ggiovene

(Il vecchio risparmia la giovane)

(Succede spesso che un marito vecchio trascuri sessualmente una moglie giovane)

U sparagne è u prime guadagne

(Il risparmio è il primo guadagno)

(La prima forma di guadagno è quella parte di danaro, derivata dal nostro lavoro, che riusciamo a risparmiare)

Chi sparte ave a mègghja parte

(Chi divide riesce sempre ad avere la parte migliore)

(Spesso chi fa le parti riesce sempre a prendere quella migliore in danno degli altri)

‘A gallíne se spènne dope morte e nno víve

(La gallina si spenna da morta e non da viva)

(È buona norma dividere la proprietà solamente dopo morto)

Cúme spinne accussì mágne

(Come spendi mangi)

(Il pregio di una mercanzia è data quasi sempre dalla qualità e dal prezzo)

Cchjù ssáje spinne, cchjù poche mágne

(Più spendi e meno mangi)

(Per certe cose non conviene spendere tanti soldi)

Chi suspíra spére, chi spére despére e chi despére more

(Chi sospira spera, chi spera dispera e chi dispera muore)

(Sospira chi sta male e chi sta bene ma solo chi spera vive bene, mentre chi si dispera è destinato a soccombere)

Chi de speranza cambe, desperata more

(Chi vive di speranza muore disperato)

(Chi passa la vita illudendosi, è destinato a morire illuso)

‘A speranza è lúteme a murì

(La speranza è l’ultima a morire)

(Esiste sempre una speranza perché è essa che ci la forza di andare avanti)

Fin’a quanne ce stace víte, ce stace ‘a speranze

(Fin che c’è vita, c’è speranza)

(Non bisogna mai disperare, anche nelle situazioni più difficili)

È cchjù ‘a spése che ‘a mbrése

(È più la spesa che l’impresa)

(Spesso non vale la pena compiere un sacrificio che non farà ottenere un utile proporzionato)

Chi la tíre, la spèzze

(Chi troppo la tira la spezza)

(La sopportazione ha un limite e, quindi, non bisogna mai abusarne)

Chi spezzelijéje, nne rrumane addejúne

(Chi mangia a piccoli bocconi, non rimane digiuno)

(Chi si accontenta gode)

Chi chiande spíne, se pongeche i mane

(Chi pianta spine, si punge le mani)

(Il male che fai è come un boomerang, ti ritorna sempre indietro)

Vole èsse cacciate ‘a spíne da i mane de l’àvete

(Cerca sempre chi gli tolga le spine dalle mani)

(Pretende che siano sempre gli altri a risolvere i suoi problemi)

Sandacataríne ‘a nève sóp’i spíne

(Santa Caterina la neve sulle spine)

(Il 25 novembre, Santa Caterina, inizia la brutta stagione)

È mmègghje tenè ‘na mala spíne che nu male vecíne

(È meglio avere una brutta spina che un cattivo vicino)

(L’importanza di un buon vicino di casa)

Quanne ‘a spose è mmaretate, tutt’a vonne

(Quando una giovane si marita, tutti la desiderano)

(Quando una cosa è fatta, tardivamente tutti se ne vorrebbero attribuire il merito)

Chi se vèste ch’i panne de l’àvete, sùbbete se spogghje

(Chi si veste con i panni degli, si ritrova spogliato)

(Se si spera sempre nell’aiuto degli altri, si rimane immancabilmente delusi)

U tímbe s’è spundate i cavezúne

(Il tempo si è sbottonato i pantaloni)

(Piove in maniera abbondante)

Chi se spose pe pprudíte, sténde e ppéne tutt’a vít

(Chi si sposa per prudito, stenta e pena per tutta la vita)

(Le persone che si sposavano per sfogare la propria libidine, a scapito dell’amore verso il proprio partner, non avranno una vita felice)

Nne sputanne ngile che mbacce te véne

(Non sputare in cieloche ti ricadrà in faccia)

(Non si devono mai esprimere giudizi avventati altrimenti se ne pagano le conseguenze)

Chi spute e crestijane face ‘a morte de li cane

(Chi sputa contro le persone farà la morte dei cani)

(Chi è è ossessionato dal bisogno di criticare gli altri è destinato all’emarginazione)

I ssciabbele stanne appése e i fodere cumbattene

(Le sciabole sono appese e i foderi combattono)

(Spesso accade che persone senza valore prendano il posto di quelle capaci)

U sscialbe a ccandà, u zuppe a bballà

(Il balbuzziente a cantare, lo zoppo a ballare)

(Non si possono affidare certi incarichi a persone non adatte)

‘A trippe è cúm’e ‘na pellècchje, cchjù ne mitte e cchjù se sterècchje

(La pancia è come una pelle più ne metti e più si stiracchia)

(Più mangi e più la pancia si dilata)

Stipe ca trúve

(Conserva che troverai)

(Prima o poi tutto torna utile)

O male zappatóre i face male ‘a stíle d’a zappe

(Al cattivo zappatore da fastidio anche il manico della zappa)

(Per chi ha poca voglia di fare, ogni scusa sarà buona per non lavorare)

‘A stizzeca cundinuue face ‘a lavíne

(La goccia continua fa una grossa pozzanghera)

(Basta risparmiare poco ma con costanza per accumulare molto)

‘A stizzeca cundinuue rombe u matóne

(La goccia continua rombe il mattone)

(Con la perseveranza si raggiungono gli obiettivi prefissati)

O cummènde nen manghene maje stozzere

(Al convento non mancano mai i tozzi di pane)

(C’è sempre qualcuno disposto a darti una mano)

Nd’a case u puurille nen manghene maje stozzere

(A casa del poverello non mancano mai i tozzi di pane)

(Il povero si mostra sempre generoso verso i suoi simili nonostante la miseria)

 

Strada facènne s’aggiusta ‘a sàleme

(Lungo la strada si sistema il carico)

(A mano a mano la faccenda si va aggiustando)

Chi lasse ‘a strada vécchje p’a nove, sape quille che lasse e nzape quille che trove

(Chi lascia la strada vecchia per una buova, sa cosa lascia ma non sa cosa trova)

(Quando si lascia qualcosa di cui si conosce i suoi pregi e i suoi difetti non si può sapere con certezza a che cosa si vada incontro)

Chi è stritte de mane, è stritte de córe

(Chi è stretto di mano, è stretto di cuore)

(L’avaro spesso è anche incapace di provare o produrre affetti)

A llucche stritte, ficchete ammizze

(Nel luogo stretto, ficcati in mezzo)

(Quando ci si trova in una situazione difficile, bisogna adattarsi alla soluzione più sicura)

I strúnze vann’a ggalle

(Gli stronzi vanno a galla)

(Prima o poi, si pagano le cattive azioni compiute)

U tròppe stroppeje

(Il troppo storpia)

(Ogni eccesso è sempre controproducente)

Tímbe russce: Acque, vínde o strussce

(Rosso di sera, il giorno dopo ci sarà pioggia, vento o bel tempo per fare una passeggiata)

(Quando il cielo si colora di una tonalità rossa molto intensa si riesce a fare una previsione empirica sul tempo della giornata che verrà l’indomani)

Chi vole tèsse, tèsse pure ch’i stúppele

(Chi vuole tessere, tesse pure con gli stracci)

(Chi sa far bene un mestiere sa arrangiarsi anche senza attrezzi)

Quanne tutte vace stúrte, ogni ccóse aumènde ‘a dose

(Quando tutto va storto, ogni piccola cosa va ad aumentare le difficoltà)

(Quando la vita va in frantumi non riesci a trovare soluzioni, non ci sono vie di uscita e tutto peggiora)

Male suldate, male fucíle, spare e nn’accogghje

(Cattivo soldato, cattivo fucile, spara e non colpisce)

(Con persone prive di determinate attitudini e mezzi inadatti allo scopo non si raggiunge nessun obiettivo)

U prime súleche nn’èssce maje dritte

(Il primo solco non risulta mai diritto)

(Quando si inizia un lavoro per raggiungere l’agognata perfezione ci vuole molta pazienza)

Cagnene i sunatúre, ma ‘a múseche è ssèmbe ‘a stèsse

(Cambiano i suonatori, ma la musica è sempre la stessa)

(Cambiano i protagonisti ma la situazione rimane sempre uguale)

O súne d’a munéte, ogn’e àneme s’accujéte

(Al suono della delle monete, ogni persona si dispone al bene)

(La poesia del danaro: ha la capacità di rasserenare gli animi)

Chi de sunne s’abbotte, ‘a fame s’u fotte

(Chi si sazia di sonno, muore di fame)

(Chi trascura il lavoro per dormire, non avrà la possibilità di mangiare)

I súnne d’a matíne arreghèsscene sèmbe

(I sogni del mattino si avverano)

(I sogni che si fanno la mattina prima di svegliarsi sono spesso premonitori)

Nd’a vedènzje a súnne

(Non dare retta ai sogni)

(Non bisogna fidarsi dei sogni perché essi spesso sono vani)

Súnne sunnate trè vvóte jucate

(Un sogno fatto bisogna giocarlo tre volte)

(I numeri associati ai sogni vanno giocati sempre al lotto per tre volte consecutive)

Chi suspíre spère e quacchèccóse nd’u córe desidere

(Chi sospira spera e coltiva nel cuore qualche desiderio)

(Il sospiro è un protagonista della nostra vita perché è la spia di un nostro desiderio ardente)

Mègghje èsse de suttane e no de vrache

(Meglio essere di sottana e non di brache)

(Inevitabilmente è un atteggiamento tipico dei genitori dimostrare più affetto per la famiglia della figlia piuttosto che per quella del figlio)

U diavele è suttile

(Il diavolo è astuto)

(C’è chi insinua con astuzia o di soppiatto in ogni situazione)

U suuirchje rombe u cuuirchje

(L’esagerato rompe il coperchio)

(Ogni eccesso è pericoloso)

‘A mmecizzeje nn’è maje suuirchje

(L’amicizia non è mai superflua)

(L’amicizia è una di quelle cose che danno valore alla vita)