PROVERBI – T

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera

 

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

 

Tacchere nghiúse e ffrevèla spérte

(Bastone chiuso, bacchetta navigata)

(Uomo a fare i mestieri di casa, donna sempre a spasso)

Tarde e vvènga bbène

(Arriva pure tardi, ma vieni bene)

(Non è mai troppo tardi per raggiungere uno scopo)

Chi de speranza tavele mètte, s’affranghe de luuà ‘a tavele

(Chi apparecchia sperando di poter mangiare, si evita di levare dal tavolo tutto quello che era stato messo)

(Mangiare è una necessità che non si soddisfa sperando che qualcun altro prepari)

Nde fermanne maje a prima tavérne

(Non fermarti mai alla prima taverna)

(Se vuoi acquistare bene, non lasciarti convincere immediatamente)

‘A téla súje a vole vènne a làvete

(La sua tela la vuole vendere agli altri)

(Spesso abbiamo scarsa considerazione nei confronti degli altri, probabilmente perché tendiamo ad attribuire loro i nostri difetti)

Chi téne magne e chi nen téne magne e vvéve

(Chi ha mangia e chi non ha mangia e beve)

(Spesso non conviene affannarsi perché in un modo o nell’altro una soluzione si trova sempre)

Tenènne, putènne, paganne

(Avendo, potendo, pagando)

(Quando si hanno i soldi e si desidera qualcosa, basta pagare per ottenerla)

Mò u tìne e mò u pirde

(Adesso ce l’hai e subito dopo lo perdi)

(È una persona che cambia continuamente parere, è un incostante)

Chi cchjù téne, cchjù vole

(Chi più ha, più ne vuole)

(La ricchezza porta inevitabilmente all’avidità)

‘A tèrre se mesúre ppalme, u crestijane a onze

(La terra si misura a pali, l’uomo a oncia)

(Le caratteristiche distintive di una persona sono le sue qualità e i suoi pregi)

‘A tèrre cagne a ppalme

(La terra varia da un palmo all’altro)

(La qualità di un terreno cambia, a volte in modo radicale, da un luogo all’altro)

Tèrra majése, famme marchése

(Terra maggese, fammi marchese)

(Il contadino, dopo aver tenuto a riposo un terreno senza averlo seminato, si augura che l’anno dopo riacquisti la sua fertilità e dia un abbondante raccolto)

‘A térre è facce de cazze, ninde me faje, inde te fazze

(La terra è indisponente, niente mi fai, niente ti do)

(Il terreno da frutti solo se ci si prende prende cura di lui)

Tèrre c’a pènne, fèsse achi spènne

(Terreno in pendenza, fesso chi lo compra)

(I suoli in pendenza sono i meno fertili e solitamente i meno produttivi)

U tímbe è galandóme

(Il tempo è galantuomo)

(Col tempo prima o poi giustizia e verità trionfano, vengono riparati i torti, guarite le ferite)

U tímbe è ddenare

(Il tempo è denaro)

(Il tempo bisogna imparare a gestirlo)

Chi tímbe aspètte, tímbe pèrde

(Chi aspetta il tempo, perde il tempo)

(Non aspettare a far cio’ che devi, perché è tempo perso)

Chi téne tímbe, nn’aspètte tímbe

(Chi ha tempo, non perda tempo)

(Bisogna sempre agire subito e non perdere tempo)

Arrobe u tímbe a Ccriste e u pane o guuérne

(Ruba il tempo a Cristo e il pane al governo)

(E’ una persona senza nessuna voglia di lavorare)

Ógne ccóse o tímbe súje

(Ogni cosa a suo tempo)

(Tutto va fatto a tempo e a luogo)

Ce vole u tímbe, ‘a manére e se te véna fatte

(Occore tempo, comportamenti e fortuna)

(Nella vita tutto deve essere graduale, fatto in modo giusto, sperando di essere fortunati)

Sammartíne, u víne nd’i tíne

(San Martino il vino nei tini)

(L’11 novembre festa di San Martino, era il giorno prescelto per aprire le botti e fare il primo assaggio del vino nuovo) 

Addrizze u vetille, quann’éje tenerille

(Educa il vitello quando è giovane)

(Gli insegnamenti trasmessi dai genitori al bambino accompagnano i figli per tutta la vita)

Nissciúne titte è ssane

(Nessun tetto è sano)

(Ognuno ha i propri guai)

Avezame i titte de l’àvete e scuffulame i nústre

(Alziamo i tetti degli e buttiamo giù i nostri)

(Spesso non si curano adeguatamente i propri interessi per farsi carico di quelli degli altri)

‘A tosse porte a fosse

(La tosse conduce alla morte)

(Spesso la tosse è causa di morte anche se indiretta)

È mègghje a èsse nemiche e nno tradetóre

(È sempre meglio essere nemico e non traditore)

(A nessuno piace essere trattato da nemico ma c’è più onore che essere trattato da traditore)

U trajeníre ffèsse dace o cavalle che tíre

(Il carrettiere senza esperienza riempie di frustate il cavallo che tira)

(Chi è privo di esperienza non riesce a rendersi conto per le persone di buona fattura non sono necessari rimproveri)

Nn’è velanzíne che cacce u trajíne

(Non è un cavallo di valido aiuto)

(Non è in grado di contribuire in modo valido ed efficace)

Cúme tratte si trattate

(Nel modo di come ti comporti, sarai trattato)

(Ciò che darai, riceverai)

Chi me trideche e chi me ndacche, nemme ndacche manghe ‘na pacche

(Chi mi critica e chi ferisce, non mi sfiora neanche un gluteo)

(Sono completamente indifferente ai giudizi degli altri)

Trippa chjéna cande, cammísa janghe no

(Con la pancia piena si può cantare, con la sola camicia pulita no)

(Le spese per vivere sono più necessarie di quelle per vestirsi)

Tutte se face p’a trippe

(Tutto si fa per la pancia)

(Nella scala dei bisogni primari assolutamente da soddisfare al primo posto vi è la necessità di mangiare) 

C’a trippa chjéne se raggione mègghje

(Con la pancia piena si ragiona meglio)

(Dopo aver mangiato bene si ragiona con più razionalità)

‘A trippa sazzeje vace truuanne repúse

(La pancia piena vuole il riposo)

(Quando si è sazi, la nostra pancia richiede uno stop ristoratore)

Treppecèlle e quatte cacciúne

(Piccola pancia e quattro cagnolini)

(Per una donna gravida la dimensione della pancia non è un indizio per prevedere se il bambino sarà più o meno sviluppato)

‘A trippe è cúm’e ‘na pellècchje, cchjù ne mìtte e cchjù se stenenerècchje

(La pancia è come una pelle, più ne introduci e più si distende)

(Lo stomaco di ognuno di noi è molto elastico, per cui più lo riempi e più si dilata)

Funge, trippe e ccarne vaccíne sonne sbrogna cucíne

(Funghi, trippa e carne vaccina sono la vergogna della cucina)

(Sono tre elementi a disposizione in cucina che nella cottura perdono volume)

Triste è chi nténe ninde, cchjù triste è chi nténe a nessciúne

(Triste è chi non ha niente, ancora più triste è chi chi non ha nessuno)

(È una tragedia essere povero in canna, ma è anche un dramma non poter condividere la tua vita con qualcun altro)

Trotte de ciucce, sùbbete fenèssce

(Il trotto dell’asino, dura poco)

(Anche se ci impegna con ardore a fare una cosa, se non si ha la necessaria competenza il risultato sarà illusorio e di breve durata)

Dope i lambe venéne i trúnele

(Dopo i lampi, scoppiano i tuoni)

(Ogni evento è conseguenziale ad un altro)

Quanne sinde u trúnele, pigghjete u mbrèlle

(Quando senti tuonare, prendi l’ombrello perché adesso ti bagni)

(Attivati prima che succeda qualcosa a cui non è possibile poi porre più riparo)

Chi me vole ngase me trove

(Chi mi cerca, in casa mi trova)

(Non intendo recedere dalla mia posizione perché sono dalla parte della ragione)

Chi se trove, trove

(Chi si trova, si trova)

(Chi è assente dove è richiesta la sua presenza, non ha nulla da reclamare)

Quille che faje, te truve

(Quello che realizzi, ti troverai)

(Le cose vanno fatte con precisione altrimenti producono per quel che sono)

Chi pèrde, ave sèmbe túrte

(Chi perde, ha sempre torto)

(Chi è battuto, non ha mai ragione)

U túrte éje sèmbe d’u múrte

(Il torto è sempre del morto)

(I morti hanno sempre torto perché non si possono più difendere)

A ttutt’i Sande ogn’e zzìppere chiande

(Per tutti i Santi pianta tutto quello che devi piantare)

(Il periodo della festività di tutti i Santi è il momento adatto per procedere alla semina del grano e a piantare le altre piante per garantire la fertilità della terra)