PROVERBI – U

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera

 

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

 

DA COMPLETARE

Guaje sópe a gguaje, e mmorta maje

(Guai su guai, ma la morte mai)

(Che arrivino pure tanti guai, sono sempre preferibili alla morte)

U uàje è de chi éje, no di chi passe e tremènde

(Il guaio è di chi lo subisce e non di chi passa e guarda)

(Di norma solo chi subisce un danno prova dispiacere, perché l’occasionale spettatore potrà al massimo dolersene un po’)

A ógn’e uàje ce stace u remèdeje

(A ogni guaio c’è rimedio)

(Anche se si incappa in qualche disavventura, a tutto c’è rimedio)

Guaje e ppéne chi l’ave s’i téne

(Guai e pene chi li ha se li tiene)

(Chi ha avuto bastonate dalla vita non può fare altro che rassegnarsi)

I uàje nen vénene maje da sule

(I guai non vengono mai da soli)

(Capita che si hanno molte disgrazie insieme)

I uàje vénene a ccavalle e se vanne a ppíde

(I guai vengono a cavallo e se ne vanno a piedi)

(Gli imprevisti arrivano velocemente ma per porci rimedio ci vuole tempo)

Chi i uàje se vace truuanne, síja bbenedètte Ddíje che ci manne

(Chi cerca guai sia benedetto Dio che glieli manda)

(Dio manda le disgrazie a chi se le cerca proprio)

Chi face u uàje, adda chiagne ‘a penetènze

(Chi combina il guaio, deve scontare la penitenza)

(Chi ha causato una situazione difficile, ne deve subire le conseguenze)

Quanne u uàje t’u manne Criste, abbrazze ‘a croce

(Quando un guaio arriva dal cielo, devi abbracciare la croce)

(Di fronte a certe sofferenze, non devi far altro che rassegnarti)

A ndò vaje, truve uàje

(Dovunque vai trovi guai)

(Le sofferenze non hanno rispetto per nessuno)

Tridece vúve e trèndaséje ualane

(Tredici buoi e trentasei custodi)

(Per realizzare qualcosa troppe persone sono spesso superflue)

L’uccèlle ngabbeje nen cande per l’amóre, ma pe la rabbeje

(L’uccello chiuso in gabbia nella gabbia non canta per amore, ma per rabbia)

(Quando non si possono evitare, ci si adatta anche alle situazioni spiacevoli)

Úcchje che véde, córe che nen sènde

(Occhio non vede, cuore non duole)

(Quando di cose sgradevoli non si ha conoscenza, si evita di star male)

Lundane da l’úcchje, lundane d’o córe

(Lontano dagli occhi, lontano dal cuore)

(La lontananza fa perdere gradualmente d’intensità qualsiasi amore)

L’úcchje ponne cchjù d’i sckuppettate

(Gli occhi possono far male più delle schioppettate)

(Si può dire di tutto con uno sguardo)

Pure l’úcchje vole ‘a parta súje

(Pure l’occhio vuole la sua parte)

(Anche il lato estetico ha il suo peso)

A chi te céche n’úcchje, cecacille tutt’e dduje

(A chi tu acceca un’occhio cecagli tutti e due)

(Quando ti procurano un male ingiusto, poni rimedio con un male doppio)

Vejate a chi téne n’úcchje ammizz’e cecate

(Fortunato chi ha un occhio solo nel paese dei ciechi)

(Anche il mediocre sembra un genio rispetto a qualcuno che è peggio di lui)

Cagnà l’úcchje p’a códe

(Scambiare gli occhi con la coda)

(Fare un cambio certamente non vantaggioso)

È mègghje che cade n’úcchje de prévete e nno ‘na gocce de vine

(È preferibile che cada un occhio di prete e non una goccia di vino)

(I preti erano malvisti nel mondo contadino perché considerati espressione del potere)

L’úcchje male védene e i récchje male séndene

(Gli occhi vedono male e le orecchie sentono male)

(Non bisogna dare piena fiducia ai sensi perché spesso ci ingannano)

Vace sèmbe a ggalle cúme l’úglie

(Rimane sempre a galla come l’olio)

(Esce sempre fortunosamente da ogni situazione)

L’úglie è mmizze mastre

(L’olio è mezzo maestro)

(Le qualità tecniche possedute fanno l’artigiano bravo, ma l’uso dell’olio ne esaltano ancora di più la bravura)

Úglie amare, tìnele care

(L’olio ancora amaro, tienilo caro)

(L’amaro è uno dei caratteri che per l’olio sono importanti perché aiuta a distinguere un buon olio extravergine di oliva da uno di dubbia qualità)

Úgghje, mbrugghje

(Olio, imbroglio)

(Chi vendeva olio, utilizzava dei recipienti come misura, sul fondo dei quali ne rimaneva un po’ a vantaggio del venditore)

Úglie de lucèrne, ógn’e male guuérne

(L’olio della lucerna, governa ogni male)

(L’olio caldo della lucerna era la panacea per affrontare tutti  i problemi di salute)

Úglie ànne pe anne e u víne ngape de n’anne

(L’olio deve essere consumato anno per anno e il vino dopo un anno)

(Per essere buono l’olio dev’essere dell’anno e il vino invecchiato)

Úglie e vvíne sèmbe affíne

(L’olio e il vino si affinano continuamente)

(Sia l’olio che il vino sono soggetti alla decantazione naturale delle particelle sul fondo del contenitore)

L’ úglie de rùte ógn’e male strúde

(L’olio di ruta ogni male guarisce)

(L’olio di ruta assicurava buona salute per tutto l’anno perché molto efficace se utilizzato a scopo terapeutico, ma era considerato capace di prevenire e immunizzare dal malocchio)

‘A morte è uguale pe tutte

(La morte è uguale per tutti)

(La morte è veramente democratica)