PROVERBI, USANZE E CREDENZE RELATIVI AL TEMPO E ALLA CAMPAGNA

LE TRADIZIONI POPOLARI DI LUCERA: PROVERBI, USANZE E CREDENZE RELATIVI AL TEMPO E ALLA CAMPAGNA

tratto dal libro “LE TRADIZIONI POPOLARI DI LUCERA” di Giuseppina Bellucci 

Cliccare su questo pulsante per tornare all’indice

TRADIZIONI POPOLARI

 

Jennare sicche, massare ricche (gennaio secco, fattore ricco).

Febbrare curte e amare (febbraio corto e amaro).

Marze, marzicchje, e pècure mije so’ spundate i curnicchje; ma se mmarze se ngrogne, te face zumbà carne pile e ogne (marzo, marzolino, alle mie pecore sono spuntate le corna; ma se marzo si arrabbia ti fa perdere carne peli e unghie).

Sott’a néve pane, sott’a l’acque fame (Quando si ha la neve nell’inverno è una buona annata, quando piove è scarsa).

N’acque tra abbrile e mmagge vale nu carre d’ore e chi lu tire (Vale più un’acqua tra aprile e maggio che un carro d’oro a chi lo tira). Quande ne manne, tante n’adduce (Quanta acqua butta aprile, tanta abbondanza porta).

Marze chjova chjove, abbrile maje nen cèsse, magge vun’e bbone (A marzo deve piovere sempre, ad aprile in continuazione, a maggio una e buona).

Palma mbosse, grégna grosse (Se il giorno delle Palme piove, le spighe saranno piene).

Frutte u cile e frutte ‘a terre (Quando piove, la terra produce).

Quatte aprilande, quarande sumigghiande (Come è il 4 di aprile, così saranno i seguenti quaranta giorni).

Sambeniditte, u vasenecole sope i titte (A S. Benedetto il basilico nasce pure sui tetti).

A Sambijase a ogne ppertuse u sole trase (A San Biagio il sole entra da per tutto).

Semmenije quanne vuje, che sèmbe a ggiugne mite (Semina quando vuoi che a giugno mieterai).

A prim’acque d’auste, appundete u bbuste (Alla prima acqua d’agosto riallacciati il busto).

Acque d’auste tutt’uglje, méle e mmuste (L’acqua d’agosto porta abbondanza di olio, miele e mosto).

Sammattéje néve p’a vije (A S. Matteo la neve è per la via).

A San Frangische, i fafe nganistre (A S. Francesco tieni pronte le fave nel canestro per seminarle).

Sanda Lucije se mètte ‘a vesta janghe (A S. Lucia comincia a nevicare o si fanno le calende di Santa Lucia).

Sanda Catarine, ‘a néve sope i spine (A Santa Caterina la neve è già sulle spine).

Cume catarenéje, accussì nataléje (Come il tempo è a S. Caterina, così è a Natale).

Natale c’u sole, Ppasque c’u cippone (Natale col sole, Pasqua col fuoco).

A Cannelore ‘a vernate è ssciute fore. Se votee Sanda Bbelloneje: “Ce stènghe ije pe destemoneje”; se vota ‘a vécchia arraggiate: “Adda venì prime Annunziate”. ma si vvuje èsse cchjù secure aspitte che calane i meteture (Alla Candelora l’inverno è fuori, ma aggiunge Santa Apollonia “ci sono io per testimone” e soggiunge la vecchia arrabbiata “deve venire prima l’Annunziata”, e se vuoi essere più sicura aspetta l’arrivo dei mietitori).

Annate de vinde, annate de ninde (Annata di vento, annata di niente)

Annate de nuzzele, annate de sulluzze (Annata di frutta con noccioli, annata di pianto)

Timbe russce: acque, vinde o strussce (Tempo rosso: pioggia, vento o bel tempo per passeggiare).

Laghe a ccurte, acque a llunghe; laghe a llunghe, acque a ccurte (Alone stretto attorno alla luna; pioggia lontana e viceversa).

Nuvele d’èstate e sseréne de virne, amore de fèmmene e ttrotte de mula vécchje poche durene (Nuvole d’estate e sereno d’inverno; amor di donna e trotto di mula vecchia hanno poca durata).

Chjove, chjove a la marina e lu pèsce a nu carline (Piove piove alla marina ed il pesce ad un carlino).

Virne se nténe cape, téne code (L’inverno se non lo fa prima lo fa dopo).

Se il grano si semina con la crescenza della luna si raccoglie con la mancanza della luna.

Viti, olive ed alberi in genere debbono essere potati con la mancanza della luna.

Sempre durante la mancanza si mettono le uova sotto la pioggia e si tagliano i paletti.

Se il due febbraio il lupo fa la tana (perché è bel tempo) si avranno quaranta giorni di cattivo tempo.

Quando una gallina fa l’uovo storto, lo si mette in un sacco e lo si fa rotolare per le scale per raddrizzarlo.

Durante il lavoro i contadini hanno i loro cibi caratteristici: per la vendemmia si mangiano i taccune, grosse e spesse lasagne cotte nel mosto cotto.

Durante la premitura delle olive nei frantoi si preparano i cavedille cioè fette di pane tostate condite con olio appena macinato.

Il più delle volte però i contadini mangiano pane e … coltello.

Qualche padrone usa dar loro anche del caciocavallo, ma è pochino e lo dice pure questa canzone dei vendemmiatori:

Uèje Dighe, uèje Dighe,

damme nu poche de case di cchjù,

uèje c’u lariulì, uèje c’u lariulà.

Ehi Diego, Diego, / dammi un poco di cacio di più, / ehi con il lariuli, ehi con il lariulà.

Quando c’è una festa in campagna (per esempio il matrimonio del padrone) si ammazza un agnello, il cosiddetto agnille nfurchjate, cioè tenuto fermo da una specie di forca (da cui il nome) su di un prato in modo che non si nutra di erba, e che la sua carne abbia un sapore migliore.