PROVERBI – V

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera

 

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

 

Rumanì úcchje chjíne e mmane vacande

(Rimanere con gli occhi pieni e le mani vuote)

(Essere attratto da una donna sensuale, bella, formosa, ma doversi accontentare di guardarla solamente, senza poterla sfiorare)

Vace truuanne vacca sazzeje e vetille satùlle

(Vuole la vacca soddisfatta e il vitello sazio)

(Vuole qualcosa impossibile da raggiungere)

Zappatúre de fèmmene e aratúre de vacche, mala a qquèlla tèrre che ci’angappe

(Zappatura di donne e aratura di vacche, povera quella terra che le subisce)

(Il lavoro femminile e l’aratura utilizzando le vacche è una calamità per il terreno)

Dimme che chi vaje e te saccia a ddì chi si’

(Dimmi con chi vai e ti saprò dire chi sei)

(Le persone di cui ci circondiamo parlano e raccontano di noi)

Assemègghje ‘a case a vammane

(Somiglia alla casa della levatrice)

(È una casa con un continuo via vai di gente)

Chi se vande, s’avassce

(Chi si vanta, s’abbassa)

(Chi si vanta eccessivamente delle proprie doti, da persona presuntuosa e vanitosa, molte volte sortisce l’effetto opposto)

Quille che mbozze fa a varde, fazze o vardille

(Ciò che non posso fare al basto più grande, lo faccio a quello più piccolo)

(Non posso sfogarmi con il più forte, mi sfogo con il più debole)

Partene i ciucce e i varríle s’aggiustene víja víje

(Gli asini si incamminano e i barili si sistemano strada facendo)

(Conviene sempre mettere in esecuzione un lavoro e poi curare i dettagli)

A vecchiaje i pére cotte

(In vecchiaia le pere cotte)

(Bisogna arrangiarsi con quello che c’è)

A vecchiaje è ‘na bbrutta bbèsteje

(La vecchiaia è una brutta bestia)

(La vecchiaia è la parte più difficile della propria vita, con tanti acciacchi, a molti dei quali non c’è rimedio)

‘A vécchje, quille che vuléve, nzúnne li jéve

(La vecchia, ciò che desiderava, sognava)

(Ad una certa età rimane solo il sogno per lasciar fluire tutte le nostre aspettative ed i nostri desideri)

‘A vécchje vuléve cambà pe mbarà

(La vecchia voleva vivere a lungo per imparare ancora)

(L’importanza della voglia di imparare)

‘A vécchje nen vuléve murì, pecché tenéve angóre tanda cóse da mbarà

(La vecchia era attaccata alla vita perché riteneva di avere tante cose ancora da imparare)

(Si impara continuamente dalla vita)

E sande vícchje nz’appicine né lambe, né cannéle

(Ai santi vecchi non si accendono più né lampade, né candele)

(Una persona anche se in gioventù era onorato in vecchiaia perde ogni considerazione)

U vécchje sparagne ‘a ggiovene

(Il vecchio risparmia la giovane)

(Il marito anziano non ha la capacità di accontentare la giovane moglie)

Vicchjè, malate e ccrijatúre minete pe pprime

(Se stai con i vecchi, i malati e i bambini, cerca di prevenire i loro desideri)

(Tratta sempre con riguardo le persone più deboli)

Chi vóle gabbà a lu vecíne, se váce a coleche prèste e s’àgaveze prèste a la matíne

(Se vuoi fregare il vicino, vai a letto presto e alzati di buon mattino)

(Se vuoi ottenere qualcosa devi bruciare la concorrenza)

Víve nze ponne vedè, múrte se vanne chiagnènne

(Da vivi si detestano, da morti si piangono)

(Ci sono individui composti unicamente di facciata)

Chi nen véde, nen créde

(Chi non vede, non crede)

(Si sospende il giudizio rispetto ad un problema se non si verifica personalmente)

Quanne se zappe e quanne se púte, nténghe zijáne, nténghe nepúte, quanne è ttímbe de vedegnà, zizì da qquà, zezì da llà!

(Quando si zappa e quando si pota, non ho zii, non ho nipoti, quando di deve vendemmiare, zio di qua e zio di la)

(Le persone opportuniste si fanno vive solo per i loro interessi)

Mare a chi te víggele ngúlle

(Guai se qualcuno ti guarda con invidia)

(È preoccupante se qualcuno sta ad osservare con occhio ostile i tuoi successi)

Nn’è velanzíne che cacce u trajíne

(Non è valido cavallo d’aiuto)

(Nel momento più complesso e difficile del lavoro, non è di grande aiuto)

Mettíme u véle sóp’e cerase

(Copriamo con un velo le ciliegie)

(Nascondere, occultare la realtà, o una verità dolorosa)

U veléne vace a ccúpe, chi s’u pigghje sckatte ngúrpe

(Il veleno va a coppi, chi lo prende scoppia)

(Bisogna evitare le arrabbiature perché possono provocare danni alla nostra salute)

Veléne ngúrpe a mme nen ce repòse

(La mia rabbia non dura molto)

(Non sono tipo che porta rancore)

Chi vènge apprime u porte nzíne

(Chi vince per primo porta la vincita in grembo)

(Agendo con perseveranza, si è sicuri dei propri risultati)

Vénga tarde e vénga bbène

(Venga tardi e venga bene)

(Procedere con calma ed estrema prudenza ma fare bene)

Vennúte, fenúte

(Chi vende perde tutto)

(Quando si vende un bene e non se ne riacquista un altro, i soldi prima o poi finiscono)

Doppe ‘a vennègne, s’accatte u múle

(Dopo la vendemmia compra il mulo)

(Il simbolo dello spirito di contraddizione, perché si compie un’azione inutile)

‘A veretà véne sèmbe a ggalle

(La verità viene sempre a galla)

(La verità, prima o poi, viene fuori)

Vaccine sbregogne de cucíne

(La carne di vitella vergogna della cucina)

(La carne di vitella una volta non era molto considerata perché nel cucinarla perdeva consistenza)

L’óre de Bbologne, se face nireve p’a vergogne

(L’oro di Bologna diventa nero per la vergogna)

(Si dice di qualcosa o di qualcuno che è manifestatamente falso)

Síme vìrme de tèrre

(Siamo vermi di terra)

(Non ti crucciare più di tanto per la debolezza umana)

Chi chiagne de vernedì, chiagne sabbete, dumèneche e llunedì

(Chi piange di venerdì, piange sabato, domenica e lunedì)

(Si ritiene che piangere di venerdì porta sfortuna e quindi poi si piange anche sabato, domenica e lunedì)

Quanne ‘a vèste è ffatta longa, ‘a padróne è fatte sandocchje

(Quando la veste si è allungata, la padrona è diventata bigotta)

(Con l’avanzare dell’età era d’uso per le donne osservare scrupolosamente le pratiche del culto e coprire il corpo)

Chi se vèste ch’i panne de l’avète, sùbbete se spogghje

(Chi si veste con i panni degli altri, subito si spoglia)

(Se si spera sempre nell’aiuto degli altri, si rimane immancabilmente delusi)

È mègghje a ffarece nu vestite che ‘na magnate

(È meglio fargli un vestito che invitarlo a pranzo)

(Agli insaziabili è meglio fargli un vestito che offrirgli un pranzo, costa molto meno)

P’a vígne e ppe úrte ce vole l’óme múrte

(Per la vigna e per l’orto ci vuole l’uomo morto)

(Tutti e due richiedono grande cura e fatica)

‘A vvígne è ttígne: se nn’a zappe, manghe vennígne

(La vigna è come la tigna: se non la zappi non ti da l’uva)

(La vigna è come la tigna: se non la curi bene ti da solo grattacapi)

‘A vígne face ‘a case, ‘a case nen face ‘a vígne

(La vigna fa la casa, ma la casa non fa la vigna)

(Nel mondo contadino di una volta solo la terra era portatrice di ricchezza)

Che la case e che la vígne s’ammarita la scígne

(Con la casa e con la vigna si sposa anche la scimmia)

(Anche le donne brutte si sposano con la dote)

Chi lasse ‘a víja vécchje e ppigghje ‘a nove, sape che llasse e nzape che trove

(Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa ciò che perde ma non non sa quello che trova)

(Bisogna sempre far molta attenzione ad avventurarsi in nuove esperienze, rinunciando anche ad un modesto livello di vita, però consolidato nel tempo)

Víja- víje s’aggiuste ‘a sàlemme

(Lungo la strada si sistema il carico)

(Tutto si appiana prima o poi)

Nn’è vínde che cacce u grane

(Non è questo vento adatto a separare il grano)

(Non è in grado di separare il buono e il cattivo)

A Sammartine ógn’e mmúste è vvíne

(A San Martino ogni mosto è vino)

(Per la festa di San Martino inizia la degustazione del vino novello)

U víne mètte sanghe

(Il vino fa sangue)

(Un buon bicchiere di vino ti allunga la vita)

U víne bbùne se vénne sènza frasche

(Il vino buono si vende senza pubblicità)

(Per segnalare che si vendeva del vino, i contadini usavano mettere sulla strada, appesa, una lunga frasca, ma se un vino è buono non ha bisogno di questi richiami pubblicitari)

Víne vécchje, úglje núve

(Vino vecchio, olio nuovo)

(A differenza del vino che invecchiando diventa migliore, l’olio è più saporito quando è giovane)

Vírne si nténe cape, téne códe

(L’inverno se non ha la testa, ha la coda)

(Ad un inizio di inverno mite, spesso corrisponde una fine rigida)

Vírne nn’è quann’éje, ma quanne face

(L’inverno non è quando arriva, ma quando lo fa)

(L’inverno non è solo quando è metereologicamente,  perché non sono da escludere ulteriori ondate di gelo fuori stagione)

Vírne è ffenúte e u diavele s’è ccavezate

(L’inverno è finito e il diavolo si è calzato)

(Tentare di risolvere una situazione difficile in ritardo)

‘A víte è ‘na róte che aggire

(La vita è una ruota che gira)

(Nella vita qualunque cosa si fa prima o poi se ne pagano le conseguenze)

Vizzeje de natúre fin’a morte dúre

(Vizio acquisito alla nascita dura fino alla morte)

(I difetti di una persona difficilmente possono cambiare)

Vizzeje vécchje nze pèrde maje

(Il vizio radicato non si perde mai)

(Certe abitudini e comportamenti, ripetuti a lungo, prendono una brutta piega)

‘A vocche è nu capetale

(La bocca è un capitale)

(Le parole, se usate bene, possono risolvere tante situazioni)

‘A vocche parle, ‘a trippa abbuscke

(La bocca parla, ma la pancia soffre)

(I commenti inopportuni si pagano)

Si nen parle ‘a vocche, parle u córe

(Se non parla la bocca, parla il cuore)

(La bocca parla di ciò di cui ha pieno il cuore)

A ffigghje de volepe nze nzènghe ‘a tane

(A figlio di volpe non si indica la tana)

(Non si può pretendere di insegnare ai figli di ladri come si ruba)

‘Na vóte se nassce, ‘na vóte se more

(Una volta si nasce, una volta si muore)

(La nostra esistenza è un insieme di attimi che bisogna saper sfruttare e cogliere al volo)

‘Na vóte a ppe d’une nen fa male a nnissciúne

(Una volta per ciascuno non fa male a nessuno)

(La fortuna può variare, una volta tocca uno, una volta un altro)

‘Na vóte magne u mideche, n’ata vóte magne ‘a mammane e u crijatúre nne nnassce maje

(Una volta chiami il medico, un’altra volta chiami la levatrice e il bambino non nasce mai)

(Spesso a sfruttare l’ingenuità e la buona fede altrui ci si mettono in tanti)

Nze pote ttenè ‘a votte chjéne e ‘a mugghiére mbriache

(Non si può avere la botte pena e la moglie ubriaca)

(Non si può pretendere di avere tutto)

‘A votte cacce u víne che téne

(La botte da il vino che ha)

(Ognuno di noi da solo ciò che riesce ad esprimere)

Nd’a votta peccenènne ce stace u vine bbùne

(Nella botte piccola c’è il vino buono)

(Le persone piccole hanno qualità importanti, difficili da scovare a prima vista)

U vóve ggnúre a l’àsene chernúte

(Il bue chiama l’asino cornuto)

(Ci sono persone che deridono gli altri facendo finta di ignorare di essere in una uguale situazione o addirittura peggiore)

Mètte u carre annanze e vúve

(Mettere il carro davanti ai buoi)

(Essere troppo precipitosi ed agire in modo prematuro)

O vóve nge passanne annanze, o múle nge passanne arréte, prívete e mmúnece nné annanze nné ddréte

(Al bue non ci passare davanti, al mulo non ci passare dietro, a preti e monaci né davanti e né dietro)

(Viene usata una metafora per esprimere l’eterna diffidenza del contadino verso i rappresentanti della chiesa)

U vóve che nne vvole arà o cache o pissce

(Il bue che non vuole arare o caca o piscia)

(Ogni scusa è buona per non fare ciò che non si vuol fare)

L’amóre e l’affètte véne d’a vrachètte

(L’amore e l’affetto nascono a letto)

(Anche se ci si sposa per convenienza, l’amore e l’affetto arriveranno col tempo)

Ah si ‘a vuccille canusscèsse u grane

(Ah, se l’uccello conosce il grano)

(Esistono tante persone che non sanno valutare)

Se i vucille canuscèssere u grane, nze metarríje cchjù a’ Puglje

(Se gli uccelli conoscessero il grano non si mieterebbe più in Puglia)

(Spesso per ignoranza si rifiuta le cose buone)

Tutte i vucille se crédene candatúre

(Tutti gli uccelli credono di essere cantatori)

(Tante persone non si accorgono di non avere le qualità necessarie per certe situazioni)

L’uccèlle ngabbeje nen cande pe l’amóre, ma pe rabbeje

(L’uccello in gabbia non canta per amore, ma per rabbia)

(C’è gente che anche nelle avversità trova il coraggio di reagire)

Vrachètte apèrte, vucilla morte

(Gabbia aperta, uccello morto)

(È una metafora per indicare che qualcuno ha la cerniera dei pantaloni aperta)

Chi vole vace e chi nen vole manne

(Chi vuole va e chi non vuole manda gli altri)

(Le responsabilità bisogna assumersele direttamente)

Tutte a vonne e nnissciúne s’a pigghje

(Tutti la desiderano e nessuno se la prende)

(È qualcosa di ambito solo in apparenza)

Quanne duje se vonne, cìnde nge ponne

(Quando due si vogliono, cento persone non lo possono impedire)

(E’ inutile frapporre ostacoli tra due persone che si amano)

Quille che pe tte nen vùje a l’àvete né fà

(Quello non vuoi per te, non farlo agli altri)

(Ciò che a te non piace non farlo al tuo prossimo!)

Chi cchjù téne, cchjù vole

(Chi più ha, più ne vuole)

(Non riusciamo mai ad accontentarci, vogliamo sempre di più)

Vulènne, putènne, paganne

(Volendo e potendo, si paga)

(Se avrò e se potrò, pagherò)

Chi a vole cotte e chi a vole crude

(Chi la desidera cotta e chi la vuole cruda)

(Le opinioni ed i desideri delle persone sono quasi sempre contrastanti, se non opposti)

Pe vulíje de larde ficche u díte ngúle o púrche

(Per desiderio di lardo ficca il dito nel sedere del maiale)

(Pur di soddisfare una voglia ha commesso una nefandezza)

Vúne ne face e ccìndene pènze

(Una ne fa e cento ne pensa)

(È una persona capace di pensare a tante cose, mentre ne realizza altre)

‘A rrobbe d’u vusurare s’a magne u ssciambagnóne

(La roba dell’usuraio se la gode lo spendaccione)

(Le ricchezze accumulate dall’avaro se le godrà uno spendaccione)

U vusurare nen magne pe nen cacà

(L’avaro non mangia per non defecare)

(È così taccagno che da l’impressione che si priva perfino del cibo per non consumare alcunché)

Puje ssciuppà cchjù da nu vusurare che da nu cannarute

(Più sperare di ottenere qualcosa più dall’usuraio che dal goloso)

(Per assurdo può accadere che si può trovare più disponibilità in un avaro che in chi mangia voracemente sino in fondo i cibi)

U vusurare cache sicche

(L’usuraio fa le feci secche)

(L’avaro è così smodatamente desideroso di conservare quello che ha, che risparmia su tutto)

U vusurare éje cum’o púrche, è bbúne sckitte doppe múrte

(L’usuraio è come il maiale, è utile solo dopo morto)

(L’unica utilità dell’avaro sarà quella di lasciare soldi agli eredi)

U vusurare more chjine de pedúcchje

(L’avaro muore pieno di pidocchi)

(L’avaro è così eccessivamente attaccato alla sua roba, che vive e muore nell’indigenza) 

Sbaglje u prevète sóp’a vutare

(Sbaglia il prete sull’altare)

(Non ti preoccupare se hai sbagliato)

Autine (‘a vutine), acque c’u tíne

(L’altino porta acqua col tino)

(Il vento del sud porta acqua in gran quantità)