QUANNE DDÍJOPADRE CRIJAJE L’ÓME

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Nu fínemezzejúrne, doppe fenúte de magnà, me songhe jjúte a gghjazzà nu pucarille e agghje fatte nu sunne ca mò v’acconde.

U munne nen ére cume éje mò, ére fúche e ffiamme, nze capéve ninde.

Doppe, unu uà, devendaje ‘na bbèlla jurnate de premavére, ghíje cammenave ammizze a nu ggiardíne de rose e me stéve attinde a nen m’avvecenà a quist’u bbèlle fiore pecché m’ànne sèmbe ditte, ca i rose sonne cúme i fèmmene, bbèlle a guardà ma uàje s’i vuje accarezzà pecché te pote rumanì u sègne.

Unu uà sendíje nu remóre e a chiana a chiane avezaje ‘a cape e vedíje nu pízze d’óme, àvete àvete, che nu varevóne janghe che cammenave, tutte penzerúse, annanz’e rréte.

Allassacrése se fermaje e se mettíje chi denúcchje pe ndèrre e cumengiaje a mbastà ‘a lóte.

Isse ce sapíjje propreje ffà pecché, da quella fetendaríje facíje asscì nu bbèlle ggevenotte.

Dope, parlanne sule sule, decíje: “Agavezete! T’agghje ditte agavezete!”.

Penzaje, ma quist’éje propreje sscémmenúte, chi se crede d’èsse u Patatèrne?.

Vúje nge credíte quillu bbèlle ggiovene s’avezaje addavaramènde e ghíje me sendíje arrezzenì i carne.

U Patatèrne, doppe che avéve fatte agavezà u ggevenotte, ce mettíje ‘na mane sópe a spalle e ce decíje: “Uaglióne míje bbèlle, quell’éje ‘a porte d’u múnne, và e che u Patatèrne t’accumbagne”.

“Veníte che mme?” Respunníje u ggiovene.

“Nn’aje capíte bbùne”, respunníje u Patatèrne: “Quilli parole c’agghje ditte éje ‘na frase ca se dice pe nguraggiamènde, ghíje nen te pozze accumbagnà, ghíje tènghe che ffà, a qquà si me ne vache íje, agghja nzerrà ‘a putéche. Mò, seccome agghje capíte ca tine pavúre d’asscì da sule, si me daje ‘na custate túje, ghíje te fazze ‘na bbèlla cumbagníje”.

Ditte fatte, allassacrése cumbaríje ‘na bbèlla uaglióne.

Mò sènze ca me n’accurgíje, íje facíje nu poche de remóre. “Ma chi stace ammucciate arréte a fratte?” lucculaje u Patatèrne.

Ghíje nen sapéve c’avéva ffà e dì, me facíje curagge e dicíje: “Patatè, ghíje agghje viste tutte cose e t’agghja dì ‘a veretà, songhe rumaste sènza manghe ‘na parole e me se sonne arrezzenúte i carne, nzomme agghje fatte ‘a pelle cume a quelle de ‘na gallíne. Mo’ però, ggiacchè me trove a qqua, a proposete de gallíne, vularríje sapè da vúje è nate prime l’óve o prime ‘a gallíne?. Si m’u putíte dì me facíte vènge nu sacche de scummèsse, pecché stu fatte sóp’a tèrre nissciúne u sape”.

“Dimme ‘na cóse ggevenò” dicíje u Patatèrne, “ma tu si’ d’a bbass’Itàleje?”.

“Mò pure vúje ve mettite, Patatè, nn’avaste ca ce dicene ggià cìnde e vúne”, dicíje íje.

“Accujítete uaglió” respunníje isse nu poche ngazzate: “Tu, nu nnummalènde, è tenúte ‘a fertúne de parlà che me e me faje sti dumande?”.

“Scusate, Patatè, nn’abbíjame chi male parole pecché ghíje avess’assemegghjà a vúje. Tutte ponne sbaglià, a pparte ca si m’avisse críjate nu poche cchjù ndeleggènde e ricche, sti dumande nne mme sarríjene passate manghe p’a cape.

Ma vúje, …….. avíte sèmbe fatte i cóse bbòne? …….me pare propreje ca no,….. c’amma ffà l’èlènghe.

Mò, avíte críjate l’óme e vva bbùne, ah! ve vogghje avvesà che núje ca síme venúte dope nen síme assciúte tutte bbèlle cúme isse e mmanghe i fèmmene sonne assciúte tutte cúme quella bbèlla fegghjole, e po’ pecché ci’avíte misse sta fèmmene vicíne, che ci’accucchjave?. Ah!, agghje capite e pe farece ndussecà e cumannà?.

Doppe me scetaje.

 

QUANNE DDÍJOPADRE CRIJAJE L’ÓME

In un primo pomeriggio, dopo aver finito di mangiare, sono andato a fare la pennichella e ho fatto un sogno che ora vi racconto.

Il mondo non era com’è adesso, era tutto infuocato, non si capiva niente.

Dopo, all’improvviso, diventò una bella giornata di primavera, io camminavo in mezzo ad un giardino di rose e stavo attento a non avvicinarmi troppo a questo fiore perché mi hanno sempre detto, che le rose sono come le donne, belle da guardare me guai se le vuoi accarezzare perché ti possono lasciare i segni.

Immediatamente sentii un rumore e piano piano alzai la testa e vidi un omone, alto alto, con una lunga barba bianca che camminava, tutto pensieroso, avanti e indietro.

All’improvviso, si fermò e si mise inginocchiato e cominciò a lavorare il fango.

Lui ci seppe proprio fare perché, da quella schifezza creò un bel giovanotto.

Dopo, parlando da solo, disse: “Alzati! Ti ho detto alzati!”.

Pensai, ma questo è proprio scimunito, chi si crede di essere il Padreterno?

Voi non ci crederete ma quel bel giovane si alzò veramente ed a me venne la pelle d’oca.

Il Padreterno, dopo che aveva fatto alzare , gli mise una mano sopra la spalla e disse: “Mio bel ragazzo, quella è la porta del mondo, vai e che il Padreterno ti accompagni”.

“Venite con me? Rispose il giovane.

“Non hai ben capito”, rispose il Padreterno: “Quelle parole che ho detto è una frase che si dice per incoraggiamento, io non ti posso accompagnare, io ho molto da fare, qui se dovessi andare via io, devo chiudere tutto. Ora, però, siccome ho capito che hai paura di uscire da solo, se mi dai una costola, io ti creo una bella compagnia”.

Detto fatto, all’improvviso apparve una bella ragazza.

Ora, senza accorgermi, feci un po’ di rumore. “Ma chi sta nascosto dietro la siepe?”, gridò il Padreterno.

Io non sapevo cosa fare e dire, mi feci coraggio e dissi: “Padreterno, io ho visto tutto e devo dirti la verità, sono rimasto sbalordito e mi si è accapponata la pelle, insomma ho fatto la pelle come quella delle galline. Ora però, siccome mi trovo qui, a proposito delle galline, vorrei sapere da voi è nato prima l’uovo o la gallina? Se me lo potete mi fate vincere tante scommesse, perché questo fatto, sulla terra, nessuno lo sa”.

“Dimmi una cosa giovanotto” disse il Padreterno, “ma tu sei meridionale?

“Ora anche voi vi mettete, Padreterno, non basta che già ci dicono di tutti i colori”, risposi.

Calmati ragazzo” rispose un poco arrabbiato: “Tu, un buono a nulla, hai avuto la fortuna di parlare con me e mi fai queste domande?”.

“Scusate, Padreterno, non iniziamo con le parolacce perché io dovrei rassomigliarti. Tutti possono sbagliare, se tu mi avessi creato un poco più intelligente e ricco, queste domande non me le sarei poste.

Ma voi, …… avete sempre fatto le cose perfette? ….. Non mi sembra, ….

Dobbiamo fare l’elenco?

Avete creato l’uomo e va bene, ah! vi avviso che noi che siamo venuti dopo non siamo nati tutti belli come lui e neanche le donne sono nate tutte come quella bella ragazza, e poi perché ci avete messo la donna vicino, cosa c’entrava? Ah! ho capito e per farci amareggiare e comandare?

Dopo mi svegliai.